martedì 23 aprile 2019

Il ritorno a 2900 dell'indice S&P 500: una farsa mastodontica





di David Stockman


C'era una volta il mercato azionario che rifletteva lo stato dell'economia di Main Street ed il livello dei profitti aziendali. Nell'attuale era del settore bancario centrale keynesiano, non tanto.

A partire dal primo trimestre del 2012, l'indice S&P 500 è salito da 1300 a 2900, o quasi del 125%. Allo stesso tempo gli utili societari al netto delle imposte, pari a $2.200 miliardi (tasso annuo) nel primo trimestre 2012, non sono andati da nessuna parte visto che hanno fatto registrare un calo a $2.180 miliardi nel quarto trimestre 2018; e questo triste numero, a sua volta, è sceso di quasi il 6% dal picco di $2.320 miliardi registrato nel terzo trimestre 2014.

Il grafico qui sotto potrebbe dare origine a qualche perplessità, soprattutto riguardo la genuinità del bull run dell'indice.

E non lo è affatto: i profitti presumibilmente in forte crescita dietro le medie in aumento non derivano dall'economia di Main Street, ma da modifiche legislative una tantum, giochi contabili di Wall Street, massicci riacquisti di azioni proprie e lo spostamento strutturale degli utili societari dalle società più piccole e non quotate a quelle nell'indice S&P (come è successo con il massiccio spostamento di dollari pubblicitari e profitti dalle società di media tradizionali a Google e Facebook).


Quello che stiamo dicendo è che la ripresa di cui Wall Street e Trump continuano a vantarsi, non riflette i guadagni nell'economia di Main Street; è un simulacro di prosperità basato su indici azionari che riflettono una farsa mastodontica.

Guardiamo un attimo agli utili per azione riportati (GAAP) per l'indice S&P 500, il tipo di profitti che devono essere certificati come veritieri dalla SEC pena il carcere. Nel primo trimestre del 2012 gli utili riportati a $88,54 per azione rappresentava un multiplo PE di 14,6X a livello 1300 dell'indice. Nel corso dei sei anni successivi l'indice S&P 500 ha riportato un aumento dei profitti a $132,39 per azione, implicando un multiplo PE di 21,9X a livello 2900 del mercato.

Quindi gli aumenti degli utili GAAP rappresentano circa i due quinti del guadagno del 125% dell'indice S&P 500, con la quota dominante del guadagno dovuta all'espansione dei multipli PE.

Ma tale numero è notevolmente fuori scala, perché è stato gonfiato grazie all'enorme vantaggio una tantum rappresentato dal taglio delle tasse sulle società. Infatti circa $10 per azione del guadagno di $22 per azione nel 2018 sono dovuti all'effetto di riduzione delle imposte rispetto ai numeri del trimestre in corso.

Quindi gli utili dell'indice S&P 500 per il periodo annuale terminato a dicembre 2018, ammontavano a $122 per azione. Ciò implica un guadagno del 38% in termini di utili effettivi per azione.

Ancora, il qualificatore pertinente è "per azione". Le società nell'indice S&P 500 hanno riacquistato le loro azioni ad un ritmo furioso, e tale processo è andato a braccetto col taglio delle imposte sulle società nel 2018, con circa $800 miliardi di riacquisti che hanno stabilito un record assoluto. Dal 2012 al 2018, infatti, i riacquisti cumulativi per l'indice S&P 500 sono ammontati a $3.530 miliardi: un massiccio flusso di ritorno a Wall Street che ha tolto una grossa fetta dal flottante azionario.


Come mostrato di seguito, il flottante di azioni dell'indice S&P 500 si è ridotto di quasi il 7% tra il 2012 e il 2018. Di conseguenza, su base costante (2012 effettivi), gli utili rettificati per il periodo annuale terminato a dicembre 2018 ammonterebbero a soli $113,75 per azione. A sua volta, ciò ridurrebbe la crescita cumulativa negli ultimi sei anni ad appena il 28%.

Detto in modo diverso, quando si tolgono dal conteggio gli effetti fiscali una tantum e il numero di azioni riacquistate, il multiplo PE per un indice S&P 500 al livello attuale sarebbe del 25,5X.

Ma una riduzione delle tasse una tantum è un cambiamento che ricade sulle casse dello Zio Sam, non una crescita permanente; e la riduzione del numero delle azioni è stato effettuato a scapito di un aumento del rischio, leva finanziaria ed interessi passivi. Quindi i guadagni mediante questi fattori non meritano multipli standard. E certamente non durante il periodo di espansione più lungo della storia nel ciclo economico, una condizione che ci dice che i guadagni degli anni futuri scenderanno vertiginosamente prima di tornare nuovamente al prossimo ciclo di espansione economica.


In ogni caso, anche i $113,75 per azione per il 2018 e la crescita implicita del 28% dal 2012 non riflettono guadagni complessivi degli utili societari e certamente non le condizioni macroeconomiche di Main Street.

Ciò è dovuto al fatto che alcuni cambiamenti strutturali nell'economia statunitense hanno avuto l'effetto di trasferire i profitti aziendali alle società nell'indice S&P 500 dal Russell 2000 e da società non quotate in borsa.

Ciò è avvenuto in gran parte grazie al massiccio boom di fusioni e acquisizioni (M&A), favorito dalla FED. Come regola generale, i pesciolini non inghiottono le balene: vale a dire, la macchina M&A guidata da Wall Street ha spostato i profitti acquisiti dalle società target nelle società dell'indice S&P 500 ogniqualvolta venissero acquisite società non nell'indice S&P.

Nel complesso, l'impatto è stato significativo. Dal 2012 al 2018 sono state completate in Nord America quasi 85.000 M&A per una valutazione aggregata di $13.000 miliardi. Mentre è probabile che la maggior parte della capitalizzazione di mercato trasferita in questi accordi fosse tra società S&P, decine di miliardi di profitti annuali sono stati portati nell'indice S&P da società target che non facevano parte dell'indice.

Ma è stato un trasferimento, non una crescita, per l'economia aggregata. Ciò significa che per Main Street e per la capitalizzazione dell'indice S&P 500 il percorso verso la prosperità è stato costantemente divergente e non solo dal 2012, ma durante la maggior parte degli ultimi 30 anni in cui Greenspan ha avviato la pianificazione monetaria centrale.


Allo stesso modo, nel 2012 le società nell'indice S&P 500 hanno fatto registrare utili GAAP aggregati pari a circa $860 miliardi, di cui Google e Facebook hanno contribuito per $10,7 miliardi o solo l'1,2%.

Al contrario, nel 2018 Google e Facebook hanno fatto registrare utili combinati di $53 miliardi, che rappresentano quasi il 5% degli utili dell'indice S&P 500 a $1.125 miliardi. Ancora più importante, questo guadagno di $42 miliardi ha rappresentato quasi il 16% del guadagno netto di $265 miliardi negli ultimi sei anni da tutte le 500 società nell'indice.

In questo caso, stiamo parlando di M&A di un altro tipo. Ciò che è stato "acquisito" da Facebook e Google sono statii circa $180 miliardi di entrate pubblicitarie che in precedenza erano concentrate su giornali e riviste, società di cartelloni pubblicitari, radio e TV. Tali ricavi pubblicitari erano ad appannaggio di società non incluse nell'indice S&P 500.

Ma il punto cruciale è questo: la spesa pubblicitaria totale è un settore ad alta crescita ciclicamente lento. Pertanto la spesa pubblicitaria totale nel Nord America era di $185 miliardi al picco pre-crisi del 2007 e nel 2018 era di soli $213 miliardi, un mero tasso di crescita annuale dell'1,3% in suddetto periodo.

E questo in dollari nominali. In termini reali, la spesa pubblicitaria aggiustata all'inflazione non è affatto cresciuta. La crescita dei profitti dell'indice S&P e della sua capitalizzazione, quindi, sono una questione completamente diversa dalla prosperità di Main Street. Negli 80 mesi tra il primo trimestre 2012 e il quarto trimestre del 2018, l'indice S&P è salito del 125%, ma i profitti societari a $2.200 miliardi (tasso annuo) non sono aumentati di un centesimo.

Ed è l'enorme divario tra queste due figure che sottolinea il motivo per cui Main Street non è andata da nessuna parte, diversamente da quello che dicono Wall Street ed i media finanziari. Anche stamattina, per esempio, stavano chiacchierando eccitati di come il PIL della Cina, totalmente manipolato al punto decimale da Pechino, sia arrivato al 6,4% rispetto ad un'aspettativa del 6,3%.

Mao si starà rigirando nella tomba! Non avrebbe mai immaginato che la stampa capitalista sarebbe diventata così servile nei confronti della propaganda di regime. Hanno battuto dello 0,1% praticamente ogni trimestre e il fatto stesso che la crescita sia esattamente al 6,8% per tre trimestri di fila significa che anche i Suzerain Rossi di Pechino hanno un audace senso dell'umorismo; e uno che risuonerà attraverso i secoli molto tempo dopo che lo Schema Rosso di Ponzi crollerà, perché la Cina non rivedrà mai, mai i dati iniziali.

La filosofia dentro le sue agenzie di statistica deve essere: sfornare i dati e non voltarsi mai indietro! Ma anche così lasciano una scia di briciole statistiche che vi dice tutto ciò che dovete sapere: lo Schema Rosso di Ponzi alimentato dal credito facile si sta inesorabilmente sgonfiando e nessuna iniezione disperata di denaro può invertire la tendenza.

Dopotutto, è davvero così difficile vedere che l'economia cinese da $13.000 miliardi è un capriccio della natura economica? Un esercizio storico mondiale per stimolare, prendere in prestito, costruire, spendere, speculare?

Ciò significa che i numeri riportati non misurano la produzione capitalistica in senso convenzionale, dove gli investimenti decentrati, la produzione, le spese e le attività di risparmio da parte di decine di milioni di lavoratori ed imprese si accumulano agli aggregati nazionali; e che sono vulnerabili agli urti e agli shock occasionali, anche al netto degli interventi della banca centrale, inerenti a reti di mercato infinitamente complesse e che garantiscono la volatilità del tasso di crescita da un periodo all'altro.

Al contrario, il PIL cinese è essenzialmente stampato dallo stato. Pechino stabilisce gli obiettivi di crescita, li abbassa a livello locale attraverso il suo partito e gli apparati governativi, comprese le gigantesche banche controllate dallo stato e le imprese industriali, e poi fornisce tutto ciò che serve con nuovi crediti, tangenti e talvolta punizioni.

Da un lato, quindi, non è difficile capire come il suo PIL cresca notevolmente trimestre dopo trimestre: circa 17 giorni dopo la fine di ogni trimestre, esso riporta essenzialmente i suoi obiettivi e gli input di credito e stimolo come output completato per il trimestre in corso. Quindi quello che era un input, diventa un output. Si tratta di una forma più elevata di stampante del PIL. Senza contare che ciò che viene misurato non è il valore aggiunto e la creazione di ricchezza, ma semplicemente la spesa promossa, orientata e incentivata dello stato per infrastrutture, beni strumentali e beni/servizi di consumo.

Ma tale spesa non è efficiente, perché non ci sono meccanismi di feedback basati sul mercato che causano perdite, fallimenti ed investimenti improduttivi. Invece lo Schema Rosso di Ponzi è diventato un gigantesco groviglio di investimenti maligni, di centri commerciali e appartamenti vuoti, autostrade deserte, aeroporti e treni senza nessuno e un impianto industriale gravato da immensi debiti insostenibili.

Al centro di questo gigantesco Schema di Ponzi c'è un investimento fisso da cui scaturiscono tutte le altre attività in Cina. Per esempio, qualcuno prospera vendendo pranzi e spuntini ai lavoratori che costruiscono appartamenti di alto livello e che rimarranno vuoti, perché costruiti per apprezzamento speculativo, non per occupazione (ce ne sono 60 milioni). Ma chi consegnai pranzi incarna la crescita del PIL.

Come mostrato nel grafico qui sotto, tale elemento motore è cresciuto di oltre il 20% l'anno fino al 2013, ma da allora si è costantemente sgonfiato di due terzi fino al 6,3% registrato lo scorso marzo. Ciò sta accadendo non solo per la legge dei grandi numeri, ma perché anche i compagni che gestiscono lo Schema Rosso di Ponzi capiscono di essere su un tapis roulant incendiario che richiede quantità di debito sempre più grandi per ottenere il prossimo incremento della crescita degli investimenti.

Quindi stanno cercando di gestire la costante deflazione degli investimenti in asset fissi che sono rimasti nel range del 40-50% del PIL per gran parte di questo secolo, e lo stanno facendo per una buona ragione: con gli enormi ritmi di investimento di pochi anni fa, la Cina sarebbe diventata un gigantesco aeroporto circondato da milioni di chilometri di ferrovie ad alta velocità e un anello di acciaierie che avrebbe oscurato l'intero cielo asiatico.

Com'è anche evidente dal grafico qui sotto, l'aspetto di comando e controllo dello Schema Rosso di Ponzi è in bella vista: quando il tasso complessivo degli investimenti in asset fissi aveva bisogno di una spinta temporanea per mantenere l'intero sistema in linea con gli obiettivi del PIL di Pechino, partivano gli ordini alle gigantesche imprese statali affinché aumentassero i loro tassi d'investimento (linea rossa) ed è esattamente quello che è successo quando l'economia cinese è sembrata vacillare nel 2016 e all'inizio del 2017.

Inutile dire che questo è accaduto durante la corsa verso l'incoronazione di Xi Jinping come l'Imperatore Rosso al 19° Congresso del Partito nell'ottobre 2017, e nulla è stato lasciato al caso: Pechino ha aumentato la spesa per investimenti delle imprese statali del 20% annuo, nonostante stesse già affogando in eccessi di capacità di acciaio, alluminio, cemento, pannelli solari, automobili, macchine edili, ecc.

Tuttavia, come risulta anche dal grafico, non appena è stato generato un mini boom a metà del 2017, Pechino ha tirato il freno a mano, con il tasso di crescita della spesa per investimenti delle imprese statali che è scesa al 2% annuo lo scorso settembre.

Tuttavia Wall Street ancora non c'è arrivato a capirlo. Così quando Pechino ha riallineato la linea rossa durante gli ultimi mesi, le teste di legno sui media finanziari hanno dichiarato "con sorpresa" che il PIL del primo trimestre aveva superato, dello 0,1%, un'approssimazione truccata della montagna di debiti ed investimenti improduttivi cinesi.

Che Pechino sia stata costretta a ricorrere per l'ennesima volta ad una scossa artificiale di stimoli era un segnale lampante ed è solo una questione di tempo prima che l'imperatore Xi finisca nelle fauci della tigre economica che egli stesso ha creato.


Accanto alle ovazioni per l'aumento del PIL dello 0,1%, le teste di legno sui media finanziari hanno dichiarato di vedere maggiori progressi nella trasformazione dell'economia cinese in un'economia di servizi. Viene da chiedersi se questo non sia un qualche caso di strabismo, soprattutto se si vuole utilizzare l'aumento annuale dell'8,7% a marzo nelle vendite al dettaglio per affermare che la Cina si stia dirigendo verso il nirvana di una terra dove la gente fa acquisti fino all'infinito, che possa permetterselo o meno.

Da notare infatti che il tasso di crescita delle vendite al dettaglio è stato in costante declino per quasi otto anni. E questo è particolarmente vero se prendiamo in considerazione le vendite di auto, le quali a marzo hanno continuato il loro crollo senza precedenti, scendendo del 4,6% rispetto all'anno scorso.


Ancora più importante, i consumatori della Cina ancora dipendono molto dai salari pagati dalla vasta macchina industriale dello Schema Rosso di Ponzi. Il tasso di espansione di quest'ultimo, a sua volta, è guidato dalle esportazioni e dagli investimenti in asset fissi.

Dobbiamo aggiungere altro?

La Guerra Commerciale di Trump non finirà presto, anche se c'è un sentore di tregua a fine maggio. I dazi rimarranno per molto tempo a venire. Quindi, senza un risveglio della crescita delle esportazioni, debiti impagabili per $40.000 miliardi e un calo inesorabile della crescita degli investimenti in asset fissi, perché pensereste che il costante declino del tasso di crescita della produzione industriale cinese, illustrato di seguito, dovrebbe resuscitare miracolosamente?

Eppure una cosa è chiara: non c'è stata alcuna crescita dei consumi interni e la spesa al dettaglio non si è affatto disgiunta dalla crescita della produzione industriale. Vale a dire, lo Schema Rosso di Ponzi non salverà il mondo; sarà già tanto se riuscirà a salvare sé stesso.


Inutile dire che le prove continuano ad accumularsi che il boom targato Trump è stato semplicemente alimentato dal deficit. Infatti, durante il primo trimestre, la produzione di beni durevoli negli Stati Uniti è praticamente crollata, ad un tasso annuo del 15%.

Come ha osservato David Rosenburg, questo fatto annulla tutti i guadagni sin dal 2016 e ci riporta alle ultime fasi della recessione del 2008-09.


La stessa storia sta accadendo in Germania. A febbraio gli ordini industriali hanno perso il maggior margine in più di due anni, con un calo del 4,2%.

Le aspettative di consenso sono state ampiamente perse per un rimbalzo dello 0,3% e, invece, mettono in luce l'entità del rallentamento in mezzo alle guerre commerciali globali in corso, che si stanno dirigendo verso l'Europa.

Su base annuale, il crollo è stato pressoché senza precedenti, con un calo dell'8,2%... il peggiore dalla crisi finanziaria globale.


Eppure le teste di legno sui media finanziari non vedono nulla di tutto ciò e per una buona ragione: sono stati addestrati che quando tutto il resto fallisce, lo stato entrerà in gioco con l'ennesima dose di "stimolo". Poveracci, non riescono a capire che gli stati e le loro banche centrali in tutto il mondo sono a corto di munizioni.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/


venerdì 19 aprile 2019

L'oro si prepara alla prossima mossa





di Alasdair Macleod


Le prospettive economiche globali si stanno deteriorando, pertanto possiamo aspettarci un aumento dei deficit pubblici nei vari Paesi occidentali. I dati TIC del Tesoro USA confermano che gli stranieri hanno già iniziato a liquidare i loro asset in dollari, aggiungendo alle future difficoltà di finanziamento del governo degli Stati Uniti. La prossima ondata di inflazione monetaria, necessaria per finanziare i deficit di bilancio e mantenere le banche solvibili, non impedirà agli asset finanziari di finire in un bear market, poiché la svalutazione monetaria sarà di così ampia portata che il potere d'acquisto del dollaro e di altre valute ne risulterà gravemente intaccato. Le valute fiat svalutate suggeriscono che l'ordine finanziario basato sul dollaro sta ormai volgendo al termine. Ma a parte poche eccezioni, gli investitori non possiedono nient'altro che investimenti denominati in valute fiat. L'unica protezione da questi potenziali pericoli è l'adozione del sound money: l'oro.

L'economia globale è ad un bivio, con il commercio internazionale in fase di stallo. Alcune banche centrali, in particolare la Banca Centrale Europea, la Banca del Giappone e la Banca d'Inghilterra, stanno ancora reflazionando le loro economie attraverso la soppressione dei tassi d'interesse. La FED e la Banca Popolare Cinese hanno invece iniziato un percorso di tightening nel 2018. La PBOC però è rapidamente entrata in modalità stimolo a novembre e la FED ha sospeso la stretta monetaria e il rialzo dei tassi d'interesse, in attesa di ulteriori sviluppi.

È molto probabile che questa nuova recessione sarà significativa. L'ultima volta che coincisero fase finale del ciclo del credito e protezionismo commerciale fu nel 1929 e la depressione che ne seguì fu devastante. La ragione per cui dovremmo essere preoccupati oggi è che lo stallo del commercio sconvolge i flussi di capitali che finanziano i deficit di bilancio, in particolare in America, dove i risparmiatori non hanno capitale libero da investire in titoli di stato. Peggio ancora, gli stranieri ora non solo non stanno più investendo in dollari e in titoli denominati in dollari, ma stanno ritirando fondi. Secondo i dati TIC più recenti del Tesoro USA, a dicembre e gennaio questi deflussi hanno totalizzato $257,2 miliardi. A questo ritmo, non solo il Tesoro USA dovrà finanziare un deficit che potrebbe superare i mille miliardi di dollari nell'anno fiscale 2019, ma i mercati statunitensi dovranno assorbire anche ingenti vendite da parte di stranieri.

In breve, l'America sta per affrontare una crisi legata ai finanziamenti. Avere questo problema in coincidenza con la fine dell'espansione del credito è una combinazione letale, non ancora riconosciuta come fattore più importante dietro le prospettive economiche americane e globali. Il problema è destinato ad emergere prorompente nei prossimi mesi.

Mentre il protezionismo commerciale di oggi è meno aggressivo dello Smoot-Hawley Tariff Act, le continue minacce commerciali dell'America non sono affatto da sottovalutare. Nel 1929 la fine del ciclo del credito era ortodossa; il suo effetto principale era stato quello di alimentare una frenesia speculativa del mercato azionario nel 1927-29.

Questa volta la bolla del credito è proporzionalmente molto più grande e la sua implosione rischia di essere ancora più violenta. I governi di tutto il mondo sono in debito fino al collo, come lo sono i consumatori. I risparmi personali in America, nel Regno Unito e in alcune nazioni dell'UE sono praticamente inesistenti. Il potenziale di una crisi creditizia, economica e sistemica è quindi considerevolmente maggiore oggi rispetto a novanta anni fa.

Tenendo presente che nel 1929 il Dow scese del 90% rispetto al suo picco, il confronto con questi fatti empirici suggerisce che potremmo sperimentare un capitombolo simile negli asset finanziari. Tuttavia c'è un'importante differenza tra allora e ora: durante il crash di Wall Street c'era il gold standard. In altre parole, l'effetto della depressione si rifletteva in un potere d'acquisto crescente dell'oro. Questa volta nessuna valuta fiat è coperta dall'oro, quindi una crisi del credito, economica e sistemica si rifletterà in un calo del potere d'acquisto delle valute fiat.

Le finanze di qualsiasi governo, la cui valuta scoperta è il mezzo di valutazione nazionale, saranno fondamentali per determinare in futuro i livelli generali dei prezzi. Ad esempio, se prendiamo il dollaro USA, il rapporto tra debito pubblico e PIL è superiore al 100% (nel 1929 era inferiore al 40%). Al culmine del ciclo, il governo dovrebbe avere un surplus di entrate che rifletta la piena occupazione e il picco delle entrate fiscali. Nel 1929 tale eccedenza era dello 0,7% del PIL; oggi invece c'è un disavanzo del 5,5% del PIL. Nel 1929 il governo aveva impegni legislativi minimi per il welfare. I deficit sorti negli anni '30 erano dovuti al calo delle entrate fiscali e ai sistemi di governo volontario promulgati dai presidenti Hoover e Roosevelt. Oggi il valore presente degli impegni futuri in materia di welfare è sbalorditivo e le stime per gli Stati Uniti superano i $220.000 miliardi (calcolate dal professor Lawrence Kotlikoff), senza considerare una svalutazione futura della valuta.

Altri Paesi si trovano in una posizione potenzialmente peggiore, in particolare in Europa. Un crollo economico globale su qualsiasi scala, per non parlare di uno simile alla depressione degli anni '30, avrà un impatto drastico su tutte le finanze nazionali. Le entrate fiscali crolleranno, mentre gli obblighi di welfare aumenteranno. Alcuni governi sono più esposti di altri, ma i governi di Stati Uniti, Regno Unito, Giappone e UE perderanno il controllo sulle loro finanze. Inoltre la loro capacità di ridurre le spese è limitata per legge a quella non obbligatoria. Anche presumendo una gestione responsabile da parte dei politici, l'espansione dei deficit di bilancio può essere finanziata solo attraverso l'inflazione monetaria.

Questa è una trappola del debito ed è già scattata. Per una soluzione temporanea i governi possono rivolgersi solo alle banche centrali affinché finanzino i loro deficit con mezzi inflazionistici. L'inflazione monetaria e del credito è la cura per tutto secondo i banchieri centrali. L'inflazione non è utilizzata solo per finanziare gli stati, ma per fornire alle banche commerciali i mezzi necessari per stimolare l'economia. Un'accelerazione dell'inflazione monetaria è praticamente una garanzia dato il rallentamento economico globale, quindi il potere d'acquisto delle valute fiat scenderà man mano che la svalutazione andrà avanti. Questo è il messaggio che dobbiamo prendere in considerazione quando discutiamo dell'oro fisico, l'unica forma di denaro libera da ogni passività.

L'oro non può che dare un'approssimazione della perdita del potere d'acquisto in una valuta fiat durante una crisi, perché nel contempo il potere d'acquisto dell'oro aumenterà. Tra il 1930 e il 1933 l'indice generale dei prezzi in America scese del 31,6% ed i prezzi al consumo del 17,8%. Queste variazioni di prezzo riflettevano il potere d'acquisto crescente dell'oro, data la sua convertibilità fissa con il dollaro all'epoca.

Pertanto il cambiamento nel potere d'acquisto di una valuta fiat è solo una parte dell'intera storia. Tuttavia il confronto tra i poteri d'acquisto dell'oro e della moneta fiat è l'espressione più pratica del cambiamento del potere d'acquisto di quest'ultima.

Il Grafico 1 mostra come quattro principali valute siano diminuite quando misurate in oro negli ultimi cinquant'anni. Lo yen ha perso il 92,4%, il dollaro il 97,42%, la sterlina il 98,5% e l'euro il 98,2% (prima del 2001 il prezzo dell'euro è calcolato sulla base dei suoi elementi costitutivi).


Il fallimento definitivo degli stati si rifletterà in un ulteriore balzo verso il basso nei poteri d'acquisto delle loro valuta fiat.



Analisi tecnica e di mercato della posizione dell'oro

Col passare del tempo diventerà evidente che il prezzo dell'oro in valuta fiat continuerà a salire. I motivi non sono ancora chiari alla maggior parte degli investitori e degli speculatori, ma è probabile che i più preveggenti tra di loro inizieranno a rendersi conto che in caso di recessione o depressione, il prezzo in dollari dell'oro aumenterà in modo sostanziale.

Per il momento è probabile che si concentrino sui tempi, usando l'analisi tecnica, piuttosto che ragionare mediante i concetti economici. Il Grafico 2 illustra la posizione tecnica corrente.


Dopo il picco raggiunto a settembre 2011, l'oro ha toccato un minimo di $1047 a dicembre 2015, seguito da un rimbalzo del 31% fino a $1375 a luglio 2016; da allora l'oro ha stabilito un modello di consolidamento triangolare. Lo scorso agosto il prezzo era a $1160, scendendo in netta zona oversold. Questo ha stabilito il secondo punto di un trend crescente, contrassegnato dal supporto ascendente.

A febbraio il prezzo dell'oro ha superato l'intervallo di consolidamento prima di ritirarsi per testare il supporto a $1280-$1305, indicato dalle linee tratteggiate.

C'è una buona probabilità che vedremo un altro tentativo di superare il livello $1350. I seguenti punti riassumono i motivi di questa tesi:
  • L'attuale rally è iniziato da una condizione di oversold sul Comex. Il selloff è stato coerente con l'esaurimento delle vendite, indicando una svolta importante.
  • La posizione managed-money netta del Comex indica che i contratti sono ancora moderatamente in zona oversold. I contratti di questo mese stanno arrivando a scadenza, il che significa che circa 200.000 contratti in scadenza devono ancora essere venduti, consegnati o rinnovati entro la fine di questo mese. Ciò suggerisce che potrebbe essere necessario un po' più di consolidamento prima che l'oro avanzi per tentare un nuovo test dei $1350.
  • Le medie mobili a 55 giorni e 200 giorni hanno sfoggiato una golden cross rialzista, con il prezzo sopra entrambe a segnalare un trend rialzista. All'inizio di questo mese si è verificato un nuovo test del supporto rappresentato dalla MA55 e ha retto.
  • Se, come suggerisce il grafico, sta emergendo un pattern a triangolo, si tratta di un triangolo ascendente, il che è rialzista. Un triangolo ascendente ha una cima piatta e una base crescente. Certo, la linea superiore scende leggermente, ma non abbastanza da inserirla nella classe dei triangoli simmetrici, dove l'eventuale direzione del break-out è meno certa.
  • È possibile che il prezzo dell'oro veda un'altra gamba in giù, entro i confini del triangolo, prima di fare il suo break-out finale al rialzo. In tal caso il prezzo dell'oro potrebbe scendere verso i $1200 prima di rompere al rialzo.

La possibilità che il triangolo ascendente abbia bisogno di più tempo per formarsi, porta alla raccomandazione tecnica di aspettare che l'oro superi il livello $1350-$1365 prima di iniziare a comprarlo.

Il Grafico 3 offre una prospettiva a lungo termine della valutazione dell'oro. È il prezzo dell'oro aggiustato all'offerta mineraria e ai cambiamenti nella quantità di moneta fiat. In poche parole, la FMQ è la somma di denaro contante, depositi bancari e conti di risparmio, nonché le riserve bancarie detenute presso la FED. È la quantità totale di denaro fiat sia in circolazione che disponibile per la circolazione.


In dollari del 1934, l'oro è tornato ai minimi storici visti solo in due precedenti occasioni. La prima quando il London gold pool fallì negli anni '60, seguito dal crollo degli accordi di Bretton Woods nel 1971. All'epoca il declino del prezzo dell'oro fu alimentato dall'espansione monetaria fino a che non venne raggiunto un punto dove non si sarebbe potuti andare oltre. Ciò portò ad una ripresa esplosiva del prezzo dell'oro.

La consapevolezza che il dollaro si trovasse di fronte alla prospettiva di un'inflazione incontrollata dei prezzi, costrinse la FED a lasciar salire i tassi d'interesse. Il tasso primario delle banche superò il 21% nel dicembre 1980 e ciò fu sufficiente ad impedire che il prezzo dell'oro salisse ulteriormente. Da lì in poi emerse un nuovo carry trade: le banche centrali iniziarono a vendere oro e tale piano era progettato per segnalare la demonetizzazione del metallo giallo e scoraggiare i compratori. Diedero in leasing ingenti quantità di lingotti, aumentando l'offerta in modo artificiale e riportando il prezzo dell'oro agli stessi minimi di valutazione visti negli anni '60. Era il 2000-2002.

Dopo il rally da questi minimi fino al picco del settembre 2011, un aumento dell'offerta di derivati ​​insieme ad una visione sempre più rosea nei confronti delle valute fiat sono stati determinanti nel restituire l'oro ai minimi di valutazione degli anni '60 e 2000-2002.

È in questo contesto che dovrebbe essere preso in considerazione il risultato previsto nel Grafico 2. Se, come discusso in precedenza in questo articolo, l'America e il resto del mondo si trovano di fronte ad una crisi globale, è probabile che l'oro fisico sarà trattato ad un premio rispetto ai sostituti dell'oro, come i derivati ​​e persino gli ETF. In tal caso un ritorno al livello di prezzo del 1934 in termini aggiustati alla FMQ, implica un prezzo nominale dell'oro di circa $24.000.

Se, come sembra probabile, si verificherà una crisi del credito come conseguenza degli eventi odierni, la quantità di moneta fiat in circolazione aumenterà significativamente rispetto ai livelli correnti man mano che il debito pubblico verrà monetizzato. Pertanto, data l'estrema sottovalutazione dell'oro suggerita dal grafico 3, è difficile vedere come il prezzo dell'oro, misurato in dollari, possa scendere molto più in basso.



Definire il mercato dell'oro e la liquidità che svanisce

Il mercato dell'oro ha tre elementi di base. Esiste uno stock sottostante di circa 170.000 tonnellate, in aumento di circa 3.000 tonnellate all'anno. Non è possibile stabilire in quale misura lo stock totale estratto sia oro monetario, non ultimo perché i gioielli in Asia vengono acquistati come riserva di valore ed utilizzati come garanzia per i prestiti. Tuttavia se vogliamo classificare i gioielli asiatici come oro non monetario, allora l'oro monetario sotto forma di lingotti e monete è tra il trenta e il quaranta percento del totale. Supponendo una stima media del 35%, si tratta di 60.000 tonnellate, di cui 33.760 tonnellate dichiarate in riserve nazionali. Questo lascia circa 26.240 tonnellate di oro in mani pubbliche, per un valore di $1.100 miliardi. Gran parte di ciò può essere considerato come una conservazione della ricchezza personale a lungo termine. A fini di mercato, il mercato fisico da solo è relativamente illiquido.

In secondo luogo, ci sono i mercati regolamentati di futures ed opzioni, il più importante dei quali è il Comex americano. Attualmente ci sono circa 520.000 contratti Comex da 100 once ciascuno in circolazione, per un valore totale di $68 miliardi. Le opzioni su futures ammontano ad ulteriori 220.000 contratti, impossibili da stimare essendo put e call a prezzi di esercizio variabili.

In terzo luogo, vi sono i derivati ​​OTC non regolamentati, per lo più contratti a termine a Londra. L'ultima statistica della Banca dei Regolamenti Internazionali stima che i contratti a termine e gli swap in oro ammontano a $419 miliardi, oltre sei volte la dimensione del Comex. Inoltre ci sono $149 miliardi di opzioni OTC.

La liquidità è sostanzialmente limitata a questi tre settori; sono tutti derivati, con consegne dell'oro fisico sottostante al minimo. Di conseguenza il prezzo dell'oro fisico non è determinato dall'offerta marginale e dalla domanda di lingotti, ma riflette quasi interamente fattori finanziari nel sistema bancario. Se le condizioni del mercato finanziario tornano ad un'approssimazione del periodo 1929-32 per le ragioni descritte in precedenza in questo articolo, è probabile che ci sarà una crisi bancaria o, perlomeno, una grave crisi nei mercati finanziari. Pertanto è possibile che i fondi d'investimento ed i privati ​​cerchino di esporsi parzialmente all'oro, mentre i mezzi per farlo si assottiglieranno o addirittura scompariranno del tutto.

Un risultato di questo tipo dipende dalla profondità e dal ritmo del deterioramento economico. Solo il tempo dirà se l'attuale deterioramento delle prospettive economiche replicherà il precedente del 1929-32, ma è sempre più difficile trovare differenze sostanziali. In tal caso il prezzo dell'oro potrebbe salire rapidamente a causa della sua attuale sottovalutazione: carenza di oro monetario al di fuori delle riserve delle banche centrali, crisi sistemica dei mercati dell'oro sintetico ed inflazione monetaria galoppante prima che la maggior parte degli investitori realizzi ciò che sta accadendo.



Passaggio da strumenti finanziari fiat all'oro

Se la combinazione di una crisi creditizia e commerciale porterà ad una versione moderna della crisi economica del 1929-32, i valori degli asset finanziari scenderanno pesantemente. Ma questa volta vi è il fattore aggiuntivo di una rinnovata accelerazione dell'inflazione monetaria, cosa che fino ad un certo punto potrebbe offrire un qualche sostegno ai prezzi delle azioni, almeno in termini nominali. In ogni inflazione di massa i corsi azionari possono andare bene secondo tali termini, ma una volta aggiustati alla perdita di potere d'acquisto della valuta, i prezzi delle azioni subiscono in realtà perdite sostanziali.

Ciò presuppone, ovviamente, che il resto dell'economia mondiale sia sostanzialmente stabile, il che quasi certamente non si verificherà nel nostro scenario.

Inoltre le condizioni inflazionistiche delle valute fiat imporranno livelli crescenti di preferenza temporale su tutto, compresi i prezzi delle obbligazioni. Pertanto il divario tra i prezzi di mercato ed i valori di rimborso finali si amplierà notevolmente. Gli stati e gli altri mutuatari scopriranno che sarà quasi impossibile accedere a nuovi finanziamenti, a meno che non siano disposti a pagare coupon di interessi sempre più elevati. A differenza dell'esperienza della grande depressione, quando i tassi d'interesse riflettevano quelli dell'oro, i rendimenti obbligazionari questa volta saliranno visto che sono pagati in denaro fiat.

Ciò porterà ad una serie di sviluppi notevoli rispetto al 1929-32. Una sequenza approssimativa di come evolveranno questi scenari è descritta come segue:
  1. La prova di una recessione incombente diventerà sempre più evidente. Le banche centrali risponderanno nel loro modo consuetudinario, allentando la politica monetaria. I prezzi dei titoli di stato saliranno, in quanto sono considerati gli investimenti meno rischiosi in una prospettiva economica incerta e le azioni saliranno dopo un iniziale sell-off. Allo stesso tempo, i banchieri osserveranno un aumento del rischio nel credito commerciale e risponderanno ritirando silenziosamente le linee di credito da tutti tranne i maggiori produttori di beni e servizi. Questa sembra proprio la situazione attuale.

  2. Con il crescere degli inventari invenduti, la produzione industriale si contrarrà e aumenterà il numero di lavoratori disoccupati. Gli analisti rivedranno al ribasso le loro previsioni per gli utili societari e salirà il numero dei fallimenti societari. I trader di titoli obbligazionari aggiusteranno le loro aspettative riguardo i prestiti pubblici e il quantitative easing verrà reintrodotto dalle banche centrali per garantire che i titoli di stato possano essere emessi a tassi d'interesse soppressi. In questa fase gli investitori affronteranno una combinazione di prezzi azionari in calo (a riflesso di un peggioramento delle prospettive economiche) e un'inflazione monetaria inattesa sotto forma di QE.

  3. Gli stranieri liquideranno gli investimenti statunitensi per vendere dollari (la valuta di riserva) e rimpatrieranno i fondi per sostenere le loro operazioni. I trader di titoli obbligazionari si aspetteranno che i rendimenti obbligazionari continuino a salire. I mercati azionari affronteranno una correzione e con ciò ci si renderà conto che la recessione sarà in procinto di trasformarsi in una crisi seria.

  4. Poiché la salita delle preferenze temporali indebolirà le finanze dei debitori, gli investitori eviteranno sempre più le obbligazioni e le azioni, abbandonando la speranza di una ripresa dei prezzi degli asset finanziari. Inizierà una corsa all'oro per proteggersi e il suo potere d'acquisto continuerà a crescere, misurato sia in denaro fiat che in materie prime ed energia.

  5. Essendo rimaste indietro rispetto alla preferenza temporale richiesta dai mercati, le banche centrali saranno costrette con riluttanza a lasciar salire i tassi d'interesse overnight per proteggere la valuta e tenere sotto controllo l'inflazione dei prezzi. Non avranno scelta, ma gli investitori la considereranno una capitolazione. I costi dei mutui per immobili saliranno drasticamente, spingendo i consumatori verso un'equity negativa poiché i prezzi degli immobili saranno soggetti a vendite forzate. Nei Paesi in cui la casa è diventata il bene principale della classe media, l'effetto sulla spesa dei consumatori sarà devastante. Gli stati ricorreranno al bail-out o al bail-in degli istituti di credito mentre cercheranno di soffocare i costi in ascesa degli interessi dei mutui.

  6. A questo punto il prezzo dell'oro misurato in valuta fiat inizierà a scontare una continua accelerazione dell'inflazione monetaria. Il prezzo dell'oro sarà molto superiore ai livelli attuali in tutte le valute, incluso il dollaro.

  7. Il senso di crisi si intensificherà e l'aumento dei crediti inesigibili presso le banche farà emergere la prospettiva di una crisi bancaria sistemica. Nonostante i sistemi di protezione dei depositanti, questi ultimi inizieranno a prendere provvedimenti per ridurre i loro saldi bancari. Con limiti stringenti per chi vorrà ritirare i propri depositi bancari, si diffonderanno le alternative alle banche insolventi. Ovvero oro e argento. Le criptovalute diventeranno una via di fuga per chi vorrà fuggire dai depositi nel sistema bancario.

  8. Coloro che cercheranno di sfuggire al rischio sistemico, scambiando i loro saldi bancari per le alternative, non faranno altro che passare i depositi bancari a coloro che vorrà accettarli. Questo va bene, a patto che questi ultimi siano felici di accollarsi il rischio sistemico. In caso contrario, i prezzi dei depositi di valore alternativi dovranno aumentare per compensare il rischio.

  9. Le valute fiat perderanno rapidamente potere d'acquisto e percorreranno la fase finale del loro ciclo di vita. I titoli di stato avranno perso quasi tutto il loro valore, misurato in oro, e gli stati continueranno ad accelerare il finanziamento inflazionistico, perché quello tramite bond, senza la banca centrale che li compra, non sarà più una percorribile.

Durante questo processo, con poche eccezioni, gli asset finanziari andranno incontro all'annientamento. Un altro problema è il fallimento delle banche che sono custodi dei diritti azionari, di cui poche registrano direttamente i nomi dei beneficiari effettivi. Nella migliore delle ipotesi ciò comporterà una temporanea perdita di proprietà; nel peggiore dei casi fornirà i mezzi per la confisca.

Un bear market distrugge la ricchezza: ad un certo punto gli investitori inizieranno a rendersi conto che i loro portafogli saranno quasi totalmente esposti al rischio di cambio in valuta fiat. Verrà smentita la convinzione che l'hedging classico contro l'inflazione, come le azioni sovraponderate e le obbligazioni sottopesate, offra davvero protezione contro l'inflazione monetaria estrema. Gli investitori avranno bisogno di un approccio nuovo, utilizzando il sound money come punto di riferimento. Questo ruolo non può essere ricoperto da un indice d'inflazione, il quale è facilmente manipolabile mediante il metodo statistico e nemmeno le valute fiat in rapida svalutazione. Deve essere l'oro.

Il problema che gli investitori dovranno affrontare è matematico. Ci sono meno di 30.000 tonnellate di oro monetario, esclusi i gioielli asiatici, che al giorno d'oggi valgono circa $1.100 miliardi. Secondo il Boston Consulting Group, nel 2015 c'erano $71.400 miliardi in asset nei portafogli, di cui $36.100 miliardi in dollari USA. Considerando che l'oro monetario detenuto al di fuori delle riserve governative è pari a circa all'1,5% degli asset nei portafogli, come si sostituiscono gli asset dipendenti dalla valuta fiat con un portafoglio concepito per il sound money?

Questo è il motivo per cui il ritorno al sound money distruggerà il sistema finanziario occidentale, facendo salire il potere d'acquisto dell'oro misurato in merci, beni e servizi e denaro fiat. La distruzione della ricchezza finanziaria potrebbe facilmente essere paragonata agli accadimenti del 1929-32.

Gli investitori che fuggiranno dal rischio sistemico non percepiranno più il denaro fiat come via di fuga sicura. L'effetto sarà la trasformazione del rischio sistemico in una corsa per beni, oro e criptovalute. Una volta che questa macchina si mette in moto, può correre abbastanza rapidamente.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/


giovedì 18 aprile 2019

L'investimento di capitale: il miglior tipo di carità

Solo l'economia di mercato non ostacolata trasforma i lussi di oggi in necessità di domani. Anni fa la gente diceva che nessuno aveva bisogno di lussi come l'aria condizionata, i viaggi aerei, i telefoni, la TV a colori, i frigoriferi e altri oggetti che al giorno d'oggi sono comuni nelle case di tutti. Ora sono dati per scontati e considerati necessarie per l'uomo comune. La domanda di questi "beni di lusso" attrae ulteriori investimenti nella loro produzione e li porta a diventare molto più accessibili per l'uomo comune. Ciò ha permesso la produzione di più oggetti di valore, rendendoli accessibili a più famiglie. I ricchi non accaparravano questi oggetti, invece nel corso del tempo la ricchezza della società è aumentata in modo che sia i ricchi che i poveri potessero permettersi un numero crescente di articoli "di lusso". Ad esempio, 50 anni fa oggetti domestici comuni come lavastoviglie, aria condizionata e televisori erano molto rari, si trovano in circa il 10-20% delle famiglie. Questi erano considerati articoli di lusso in quanto solo le famiglie ad alto reddito potevano permetterseli. Senza scordarci i tassatori selvaggi, quelli che credono che tassando i ricchi la classe lavoratrice starà meglio. Ricordate la "tassa sugli yacht"? Nel tentativo di spennare i ricchi, il governo decise di tassare lo stanziamento degli yacht nei porti. Com'era prevedibile, la vendita di tali barche colò a picco e vennero spazzati via migliaia e migliaia di posti di lavoro. I ricchi erano ancora ricchi, ma molti lavoratori della classe operaia finirono tra le fila dei disoccupati. Le persone guidate dall'invidia finiscono per fare cose stupide e dannose, non capendo che i lussi di oggi diventano le necessità di domani se il progresso non viene soffocato dalle interferenze dello stato.
___________________________________________________________________________________


di C.Jay Engel


Nel nostro tempo di crescente retorica socialista e indignazione contro coloro che posseggono grandi ricchezze, serpeggia anche l'idea che l'uso della ricchezza per fini caritatevoli sia migliore per la società piuttosto che usarla per lo sviluppo delle imprese e per l'investimento di capitale.

Poche argomentazioni sono tanto impopolari quanto la difesa di miliardari e ricchi capitalisti, ciononostante è l'impiego del capitale nella struttura produttiva che genera grandi benefici per il mondo. Per approfondire questo tema voglio riassumere un certo concetto formulato dal grande F. A. Harper nel festschrift del 1956 a Ludwig von Mises.

Nel suo saggio "The Greatest Economic Charity", Harper mette in discussione le nozioni prevalenti riguardo il rapporto tra redistribuzione della ricchezza e carità. Possiamo fare riferimento alla carità economica come descritto dai dizionari, ovvero, benevolenza materiale per migliorare il benessere materiale di qualcun altro che ne ha molto bisogno.

Ma in termini di benevolenza materiale, c'è differenza tra carità che migliora le condizioni immediate di un uomo e carità che migliora le condizioni a lungo termine non solo di una persona specifica, ma di un'intera società.

È quest'ultima carità che Harper definisce la più grande carità economica:
La più grande carità di tutte [...] sarebbe quella di aiutare una persona a diventare totalmente autosufficiente entro i limiti della natura, e quindi totalmente libera.

Qui possiamo focalizzare la nostra attenzione sulla separazione tra ciò che potremmo definire carità fine a sé stessa e carità produttiva.

Per carità fine a sé stessa intendo ciò che viene subito in mente quando pensiamo alla natura della carità. Harper descrive questo concetto come segue:
Tra le varie forme di carità economica in cui di solito indulgiamo, la più semplice sembra essere quella di comprare ad un vagabondo una tazza di caffè o dargli una monetina per comprarsi qualcosa da mangiare.

La maggior parte delle azioni caritatevoli oggigiorno è di questo tipo, in cui l'intento del donatore è di fornire qualcosa per il consumo diretto o per alleviare le sofferenze di un destinatario indigente.

Sfortunatamente troppe persone concentrano la loro comprensione della carità su quegli atti che hanno il solo effetto di una risoluzione dei bisogni basata sul consumo immediato.

Sebbene anche questo tipo di carità abbia un certo ruolo all'interno della società, può essere controproducente e sovvenzionare le condizioni attuali; può persino essere sfruttata dai politici e da altri cercatori di potere per schiavizzare gli uomini:
Il socialismo è una forma in cui lo stato diventa il dispensatore di un bottino raccolto con la forza. I destinatari perdono la fiducia in sé stessi e arrivano a sentirsi indebitati per sempre nei confronti della collettività. Sono ormai diventati schiavi.

Il sempre più popolare socialismo democratico è un esempio che calza a pennello in questa descrizione.

Parliamo adesso della carità produttiva, che deriva da "risparmi investiti in strumenti di produzione in mano ai privati". Harper sostiene che l'investimento negli "strumenti di produzione" non solo ha un effetto più sostenibile sul sostentamento delle persone, ma in realtà è una forma di carità molto più efficiente.

Con strumenti di produzione, Harper intende i beni capitali; beni, come spiega Murray Rothbard, "che aiutano nel processo di produzione per produrre beni di consumo". Sono le fabbriche, le attrezzature, i macchinari usati per aumentare la produzione di beni che gli individui considerano utili.

Harper descrive tre modi in cui gli investimenti di capitale soddisfano le caratteristiche della carità economica di lungo termine. Primo, l'investimento in beni capitali oggi produce successivamente nuovi beni che altrimenti non sarebbero stati creati; gli strumenti rendono possibili beni extra che, per definizione, vengono passati ad altri che vedono del valore in essi.

Secondo, il trasferimento dei benefici economici è volontario, poiché le proprietà rubate passate da una parte all'altra non soddisfano le condizioni per una vera carità; la carità preclude il furto come mezzo di trasferimento della ricchezza. La carità richiede che il benefattore agisca liberamente e di propria volontà nel trasferire benefici materiali ad un altro.

Terzo, la natura anonima di questa carità. Piuttosto che la carità fatta con le attenzioni dei media, l'investimento nella struttura del capitale ha un beneficio per migliaia, forse milioni di persone future, molte delle quali non sono ancora nate e certamente non conoscono l'identità di questo benefattore.
Si può facilmente testare l'anonimato che scaturisce dal risparmio e dagli investimenti in strumenti. Se facciamo l'elenco di tutti gli oggetti economici che consumiamo o di cui godiamo, il test è di provare a nominare tutte le persone i cui risparmi e investimenti hanno reso possibile la costruzione di suddetti oggetti. La maggior parte di noi non potrebbe nominare nemmeno una persona per un oggetto che usiamo e che ci piace.

Il benessere materiale che è stato tramandato ai giorni nostri grazie agli investimenti di ieri, diceva Harper, è enormemente più grande dei fondi raccolti su base annuale per la carità fine a sé stessa. Infatti la carità fine a sé stessa era "meno dell'1% della beneficenza ricevuta nello stesso periodo di tempo dagli utilizzatori di strumenti". Questo perché gli strumenti di capitale rafforzano la quantità e la qualità dei beni e quindi rendono i lavoratori più produttivi, espandendo il frutto del loro lavoro.

La ragione per cui l'Occidente ha avuto livelli più elevati di ricchezza rispetto ad altre parti del globo negli ultimi 300 anni ha poco a che fare con cose come la disparità dell'intelligenza, lo spirito d'innovazione e il duro lavoro. Ciò che conta davvero è l'accumulo di risparmi e l'investimento di tali risparmi in beni capitali. In qualsiasi momento l'umanità ha a portata di mano la possibilità di trasferire una maggiore quantità di ricchezza a persone che non ha mai incontrato; non richiede pianificatori brillanti, una classe politica, o lo spennamento dei ricchi.

Harper incoraggia quindi il suo lettore ad avere una prospettiva più ampia sulle ramificazioni dello spirito contemporaneo, ponendo grande enfasi sulla differenza tra carità fine a sé stessa e carità produttiva:
il dare il grano ad una persona che muore di fame [...] potrebbe servire meglio come seme per un raccolto che impedirà a venti persone dopo di morire di fame. [...]

Il risparmio, se usato con saggezza da un'impresa privata per produrre strumenti di capitale di rischio, serve come seme economico in modo analogo. L'uso di esso come seme diventa un atto di carità. Ma la sua creazione richiede sufficiente pazienza e moderazione dalle richieste di consumo immediato, in modo che gli strumenti vengano creati. Bisogna avere lungimiranza e intuizioni economiche sufficienti per vedere oltre l'allettante necessità del consumo attuale.

Il capitalismo fornisce un effetto caritatevole migliore e più duraturo di qualsiasi altra disposizione socio-economica concepibile. I risparmiatori e gli investitori di oggi, coloro che contribuiscono all'accumulo di beni capitali e fattori di produzione, sono benefattori per quelle persone non ancora nate. Se la carità economica è al suo massimo quando consente agli uomini di superare le condizioni di povertà, bisogna smetterla immediatamente con la critica sociale dei capitalisti e di coloro che investono nella struttura del capitale.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/


mercoledì 17 aprile 2019

Come il libero mercato si occupa del problema del sovrappopolamento





di Robert P. Murphy


Il mercato fa un buon lavoro quando si tratta di produrre un numero ottimale di biciclette, ma si può contare su di esso quando si tratta di regolare la crescita della popolazione? Il laissez-faire produce molto più del numero ottimale di persone, giusto?

In realtà gli aspiranti genitori prendono in considerazione la maggior parte degli effetti che la loro potenziale progenie avrà sull'umanità, perché la maggior parte delle risorse che un bambino consumerà (alloggio, cibo, riparo) saranno pagate dai genitori. Se alcune coppie vogliono avere una dozzina di bambini, mentre altre coppie vogliono un solo bambino, non c'è nulla di "antieconomico" in nessuno dei due approcci.



"Esternalità" della popolazione

Si potrebbe obiettare che questa analisi sia troppo semplicistica e trascuri le esternalità. Quando una coppia mette al mondo un bambino, di certo non mette in difficoltà tutta la società a causa dei costi che comporta tale scelta.

È vero che ci sono programmi statali (come istruzione "gratuita" e assistenza finanziaria in base al numero di bambini) che sovvenzionano a tutti gli effetti i figli, ma questo non è certo colpa del capitalismo.

Anche tenendo conto delle esternalità, ce ne sono di negative e positive quando le persone decidono di avere più figli. Oltre ai lati negativi, anche i genitori poco lungimiranti non prendono in considerazione il fatto che il loro figlio potrebbe sviluppare la cura per il cancro, o inventare un nuovo gioco di carte che farà faville in tutto il mondo. L'economista Steve Landsburg esamina la maggior parte delle varie considerazioni e conclude che le persone in più probabilmente conferiscono maggiori "benefici sociali" rispetto ai "costi sociali".



Limiti alla crescita della popolazione

"Puoi provare ad incolpare chi vuoi, ma la tesi regge: il fatto è che viviamo su un pianeta finito, mentre non c'è limite alla crescita 'naturale' della popolazione."

È semplicemente un mito che il mondo sia attualmente sovrappopolato. Alcune città sono molto affollate, ma le persone che vivono in esse hanno concluso che i vantaggi della vita cittadina, che derivano in gran parte dall'essere vicini a tante altre persone produttive con abilità e gusti diversi, superano gli svantaggi dei prezzi elevati e della congestione.

Attualmente se prendessimo la popolazione globale di 7,6 miliardi e la mettessimo in Texas, ogni persona avrebbe circa mille piedi quadrati di spazio in piedi, un po' più di un terreno di 30 piedi x 30 piedi.

I critici possono prendere in giro questi calcoli come un non sequitur, ma il punto è sottolineare quanto sia grande la Terra. Prendere un aereo o fare un lungo viaggio in treno dimostrerà questo punto, facendo vedere quanti spazi vuoti ci siano. E man mano che gli umani diventano più abili nello sfruttare le risorse dell'oceano e persino coprirne la superficie con le città, la "capacità di trasporto" fisica della Terra sarà ancora più ampliata.

In un famoso saggio del 1798, l'economista Thomas Malthus sosteneva che nel lungo periodo una crescita demografica incontrollata avrebbe necessariamente superato la produzione alimentare, perché al massimo la produzione alimentare sarebbe cresciuta aritmeticamente (1, 2, 3, 4...), mentre la popolazione geometricamente (1, 2, 4, 8...). A causa del suo lavoro, che sia giusto o meno, il termine malthusiano è arrivato a denotare qualcuno preoccupato per la rapida crescita della popolazione e le risorse limitate di Madre Terra.

Eppure la storia ha mostrato che le "ovvie" congetture di Malthus erano semplicemente sbagliate. Anche se la popolazione globale è cresciuta enormemente da quando ha scritto il suo saggio, la produzione alimentare totale è cresciuta ancora più velocemente. L'output pro-capite sotto qualsiasi parametro è molto più alto oggi di quanto non fosse nell'anno 1800. Anche se si percepisce che le risorse della Terra siano finite, finora non è stato un vincolo. L'ingegno umano è riuscito a fare di più con meno, sorprendendo i pessimisti più e più volte.



La risorsa più potente

"Forse Malthus era in anticipo coi tempi. Dopotutto, oggi possiamo vedere la tensione sugli ecosistemi che l'umanità sta causando."

Ci saranno sempre problemi causati dal cambiamento, inclusa una popolazione che cambia, ma finora l'umanità è riuscita ad occuparsi con successo del problema, con condizioni di vita in costante miglioramento (sin dalla rivoluzione industriale).

E la tendenza è continuata anche in tempi più moderni. In una famosa scommessa del 1980, Julian Simon, che considerava gli esseri umani come cervelli e non apparati digerenti, sfidò il biologo Paul Ehrlich (autore del libro catastrofista, The Population Bomb) a scegliere cinque prodotti. Nel corso di 10 anni, se il prezzo fosse aumentato, allora Ehrlich avrebbe vinto, ma se il prezzo fosse diminuito, allora Simon avrebbe vinto. Dopo aver parlato con un collega che condivideva il suo pessimismo, Ehrlich scelse rame, cromo, nichel, stagno e tungsteno, e disse che vincere la sua scommessa sarebbe stato come "sparare sulla Croce Rossa". Nel 1990 tutti e cinque le materie prime erano diminuite di prezzo, perché, come aveva previsto Julian Simon, la mente umana si è dimostrata una risorsa più potente dei materiali fisici sepolti nel terreno.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/


martedì 16 aprile 2019

Il capitalismo non ha deluso l'America, siamo noi ad averlo deluso

Nonostante la politica monetaria ultra allentata da parte della banca centrale, la situazione di Main Street non solo continua ad arrancare, ma è peggiorata. Perché? Dato che lo stato non è di per sé un creatore di ricchezza, ciò significa che ogni volta che aumenta la sua spesa, alza anche il ritmo della deviazione di ricchezza dal settore privato. Dirottando ricchezza reale verso varie attività non produttive, l'aumento della spesa pubblica indebolisce il processo di creazione di ricchezza e nel tempo indebolisce anche il tasso di crescita dell'economia. L'idea che lo stato ed i pianificatori monetari centrali possano far crescere l'economia deriva dal moltiplicatore keynesiano: un aumento della spesa pubblica dà origine ad un output di un multiplo di tale aumento iniziale. In realtà non farà altro che impoverire i produttori, perché attraverso la tassazione o i prestiti, i pianificatori centrali costringono i produttori a separarsi da risorse che questi ultimi potrebbero mettere meglio a frutto e li usano per creare beni e servizi che si trovano su una scala prioritaria inferiore per quanto concerne i desideri degli individui. L'aumento della spesa pubblica non riesce ad aumentare la produzione complessiva di un multiplo positivo, ma al contrario porta all'indebolimento del processo di creazione di ricchezza reale. E infatti cosa è stato monetizzato principalmente durante l'era del Tocco Pesante delle banche centrali? Bond statali. Ma ora lo stock di obbligazioni globali con rendimenti al di sotto dello zero ha appena toccato i $10.000 miliardi, intensificando la fame degli investitori per rendimenti decenti nel bel mezzo di un rallentamento economico. Chi paga? Non i ricchi, i quali hanno una corsa preferenziale illuminata dall'effetto Cantillon. Non i poveri, i quali non hanno nulla da perdere. Non gli insider, i mendicanti del welfare e gli ammanicati, per i quali i pianificatori centrali stanno ancora spendendo soldi. Chi, quindi? Pensionati, consumatori, contribuenti, negozianti e tutte le persone che fanno funzionare l'economia. Il debito pubblico è essenzialmente un trasferimento di ricchezza dal sistema "win-win" di Main Street al sistema "win-lose" dei pianificatori centrali.
___________________________________________________________________________________


di Bill Bonner


Quando la folla insorge contro i ricchi, alcuni di questi ultimi indossano stracci e si uniscono a loro.

CNBC:
La nipote di Roy Disney, co-fondatrice di The Walt Disney Co. insieme al fratello Walt Disney, ha dichiarato su "Squawk Box" di CNBC che "i CEO in generale sono pagati troppo".

"Lo stipendio di un CEO è di 700, 600, 500 volte la paga dei suoi lavoratori medi, nemmeno Gesù Cristo stesso non vale più di 500 volte la paga di uno dei suoi lavoratori medi".

"Il problema è che c'è un sistematico favoritismo delle persone che hanno accumulato un'enorme quantità di ricchezza".

Non abbiamo mai incontrato un amministratore delegato che valesse anche 10 volte la paga del suo lavoratore medio. Quindi non abbiamo mai incontrato Gesù Cristo.

Ma se i proprietari vogliono pagare i loro amministratori delegati anche 1.000 volte quello che pagano al loro lavoratore medio, non sono affari nostri.
Ma aspettate... e se il denaro stesso è stato manipolato? Se un amministratore delegato può accendere prestiti ad un costo quasi vicino allo zero... perché non pagare milioni a sé stesso... e corrompere anche gli azionisti, riacquistando le loro azioni e aumentandone il prezzo?

È un mondo scorretto di fare le cose, caro lettore; e la scorrettezza assume molte forme e travestimenti.

Alcuni dicono che il capitalismo abbia deluso l'America. È più probabile che l'America abbia deluso il capitalismo. Il capitalismo ha bisogno di capitale, denaro reale. In altre parole i federali hanno diffuso denaro falso.

E ora, in una delle truffe più eleganti e subdole della storia, le élite (pseudo-capitalisti) intascano i guadagni, mentre le perdite sono poste alle spalle delle classi lavoratrici o sotto forma di una valuta svalutata, oppure sotto forma di debito pubblico.

La rabbia contro i ricchi sembra fermentare pericolosamente di questi tempi. Ricorderete anche che la folla crede che ci sia qualcosa di sbagliato nel "capitalismo"... la colpa dell'ampio divario tra ricchi e poveri.
Alexandra Ocasio Cortez, ad esempio, ha detto che la "disuguaglianza" di reddito è stata causata dal capitalismo e che il sistema è "senza speranza di salvezza".

Per semplificare, ci sono solo due modi per fare le cose: o volontariamente, per accordi win-win... oppure involontariamente, dicendo agli altri cosa fare. Il capitalismo ha senso solo come sistema volontario, vantaggioso per tutti.
Il socialismo è diverso: un'élite decide chi ottiene cosa, imponendo accordi win-lose con la forza (imposizione dei prezzi, lavoro involontario, dazi, imposte, regolamenti).

Certo, non esiste un capitalismo puro o un socialismo puro... Persino in un sistema comunista le persone in genere cercano di andare d'accordo e di andare avanti, facendo affari nel mercato nero.

Nel corso del tempo i governanti allentano la presa, quindi si possono fare più accordi vantaggiosi per entrambe le parti (Cina)... o il sistema tende a restare indietro (Corea del Nord) e alla fine cade a pezzi.

E in un sistema capitalista ci sono sempre persone che cercano di usare la coercizione degli stati per imporre affari win-lose sugli altri. Nel corso del tempo sempre più di loro hanno avuto successo in questa pratica e il sistema capitalista è diventato sempre più corrotto.

Dal momento che viviamo in quello che è fondamentalmente un sistema capitalista, è indicato fare un esame di coscienza di quanto accaduto...

In un sistema capitalista e libero le persone povere e a reddito medio vendono il loro tempo: è tutto ciò che hanno.

Poi se gestiscono le loro finanze con prudenza, accumulano risparmi e alla fine hanno abbastanza capitale per ritirarsi comodamente... magari passando la casa e l'argento della famiglia alla generazione successiva.

Il ricco, in genere, ha il capitale (ereditato o guadagnato) sotto forma di azioni, obbligazioni o immobili. Questo capitale è spesso una fonte di entrate più grande del loro tempo.

Anche quelli senza molto capitale possono entrare in azione: ottengono posti di lavoro come manager e traggono beneficio da una compensazione legata alle prestazioni, ben oltre il valore effettivo del loro tempo.

Un giovane, ad esempio, potrebbe aiutare a mettere insieme una fusione o un'acquisizione... o un documento su uno schema di riacquisto di azioni... e guadagnare.

Ecco perché, per più di 20 anni, il figlio di ogni madre è stato invitato a non entrare né nella manifattura, né nelle miniere, né nell'agricoltura, ma a Wall Street. Perché? È lì che ci sono i soldi!

C'è qualcosa di sbagliato in questo? No. È solo il capitalismo in azione.

Ma cosa accadrebbe se i federali avessero sottovalutato l'intera faccenda introducendo un nuovo tipo di denaro che non era capitale reale? Un tipo di denaro che non rappresentava alcun risparmio, nessuna invenzione, nessuna produzione, nessun lavoro, nessun profitto, nessuna tolleranza, nessun sudore, nessuna innovazione e nessun aumento reale del PIL?

E se i federali prestassero questo denaro falso ai capitalisti a tassi falsi e artificialmente bassi? E se avessero usato questo denaro falso per comprare gli asset dei capitalisti, ma non il tempo del lavoratore?

E se quando i mercati hanno tentato di correggere gli scandalosi prezzi degli asset... nel 2000, e di nuovo nel 2008... i federali non abbiano fatto altro che aggiungere più denaro falso e trasformare Wall Street in un affare "testa o croce"... un affare win-lose dove gli addetti ai lavori hanno vinto alla grande e tutti gli altri sono stati lasciati con $13.000 miliardi di debiti in più?

Ahia! Ora stiamo andando molto in profondità... fino all'osso...

Saluti,


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/