giovedì 29 febbraio 2024

I pericoli di un Bitcoin sintetico

 

 

da Bitcoin Magazine

Tenete ancora i vostri bitcoin su un exchange?

Lasciate che vi racconti una storia di cosa succede quando li tenete lì. Potreste rimanere sorpresi di sapere cosa significa per le vostre partecipazioni.

Chiamiamo il nostro personaggio Bill. Egli osserva con cautela bitcoin da anni, sentendone parlare di sfuggita e leggendo articoli. Dopo aver inavvertitamente risparmiato un sacco di soldi, decide infine di comprarne qualcuno. Un amico gli ha detto di dare un'occhiata a Coinbase, Binance o un altro exchange popolare e “affidabile” per acquistarli.

Quindi Bill crea un account e carica una sua foto, i suoi documenti, il numero di previdenza sociale, l'indirizzo e ogni altro dettaglio rilevante sulla sua vita fino a raggiungere la schermata “Acquista Bitcoin”. Poi pensa tra sé e sé: “Non ho bisogno d'imparare tutti questi complicati dettagli tecnici sui wallet hardware e sull'autocustodia: voglio solo che i miei bitcoin siano al sicuro”.

Bill esamina il sito web dell'exchange e decide che gli esperti di sicurezza dell'exchange, con le loro fantastiche contromisure crittografiche all'avanguardia, siano più bravi di lui a proteggere i suoi bitcoin.

Bill è molto soddisfatto di sé stesso dopo aver preso questa decisione: non solo l'exchange gli facilita investire in bitcoin, ma gli dà tranquillità sapendo che qualcun altro è responsabile della protezione dei suoi beni da qualsiasi tipo di furto o attività dannosa. Dopotutto, perché dovrebbe preoccuparsi di cose del genere quando invece ci sono professionisti che possono occuparsene?

Da allora Bill è abbastanza a suo agio con l’idea di fidarsi degli exchange: le sue coin ora sono al sicuro dai suoi stessi errori!


QUANDO LA FIDUCIA SCOMPARE: LA CADUTA DI FTX

Poi una mattina Bill guarda il telegiornale e scopre che l'exchange FTX aveva appena sospeso i prelievi ed era a riscio di perdita “accidentale” per $10 miliardi, circa un terzo della sua capitalizzazione di mercato.

Come può un'azienda con il proprio logo sulla facciata di un grande stadio e un amministratore delegato invitato da CNBC, Bloomberg e addirittura finito davanti al Congresso (!) degli Stati Uniti per parlare delle risorse digitali e della regolamentazione, perdere – o probabilmente rubare – così tanto sotto gli occhi di tutti?

Fonte

Ora Bill è bloccato tra l'incudine e il martello. Sebbene sospettoso del proprio exchange, impostare il proprio wallet hardware continua a sembrare difficile e spaventoso. Richiede d'investire in un dispositivo fisico, acquisire le conoscenze necessarie per proteggerlo adeguatamente e tenere traccia del backup della frase seed. Anche se apprendesse le nozioni di base, c'è ancora il rischio di smarrire il suo dispositivo o di archiviare in modo improprio il suo backup e perdere l'accesso ai suoi bitcoin.

FTX è stato scioccante, ma sicuramente l'exchange di Bill non si comporterebbe mai allo stesso modo. La gente se ne accorgerebbe prima e lui avrebbe il tempo di uscire... giusto?


MOTIVI PER TOGLIERE I PROPRI BITCOIN DAGLI EXCHANGE

È chiaro che affidare i propri bitcoin a un exchange comporta il rischio di svegliarsi una mattina e scoprire che non ci sono più. Se invece usate un waller hardware, questo non può accadere.

Tuttavia c'è un altro grande motivo per cui è importante togliere i propri bitcoin dagli exchange: il prezzo.

In che modo l'autocustodia potrebbe influenzare il prezzo di Bitcoin? Tutto in economia dice che l’acquisto e la vendita influenzano il prezzo di mercato di un bene, non chi lo detiene. Tuttavia l'autocustodia è molto importante per valutare il prezzo e ha a che fare con qualcosa che chiamerò “BTC sintetico”.


LA PROSSIMA GRANDE NOVITÀ: BITCOIN SINTETICI

Diamo un'occhiata a come funziona un exchange facendo un esempio ipotetico con uno chiamato ExchangeCorp, posseduto e gestito da un allegro imprenditore di nome Bernie. ExchangeCorp crea un modo semplice per acquistare bitcoin e assume un team di esperti in sicurezza per assicurarsi che gli hacker siano tenuti a bada. Nel corso del tempo e attraverso grandi campagne di marketing, ExchangeCorp conquista la fiducia di trader e investitori, convincendone molti a depositare i propri bitcoin sull'exchange.

Quando gli utenti conservano i propri bitcoin su ExchangeCorp, l'Ad Bernie e il suo team mantengono il controllo su tali coin. I clienti hanno un diritto su di esse: possono accedere e vedere il loro saldo, nonché richiedere di prelevarle. Tuttavia se Bernie vuole trasferire tali coin ad altr, è tecnicamente in grado di farlo senza il permesso dei clienti.

Quando Bernie guarda i saldi nel caveau di ExchangeCorp, è felice di vedere decine di migliaia di bitcoin che i suoi clienti hanno depositato. Dato che ExchangeCorp sta andando bene, entrano sempre più bitcoin che in uscita.

Quindi Bernie ha un'idea: potrebbe prestare alcune di quelle coin dei clienti, guadagnare interessi e ottenere le coin indietro senza che nessuno se ne accorga. Diventerebbe più ricco e il rischio che un numero sufficiente di clienti di ExchangeCorp chiedano prelievi tutti in ​​una sola volta per portare a zero il saldo del suo caveau è minuscolo. Quindi Bernie presta migliaia di coin qua e là agli hedge fund e alle imprese.

Le banche tradizionali sono persino peggiori di ExchangeCorp. E dal marzo 2020 possono prestare il 100% dei vostri soldi!

Ora c'è un'altra serie di affermazioni da considerare. I clienti vantano un credito nei confronti dei loro bitcoin presso ExchangeCorp, ma quest'ultimo non ha più i bitcoin veri e propri: vanta solo un credito sulle coin che ha prestato. Ciò che i clienti ora hanno è un credito su bitcoin sintetici detenuti da ExchangeCorp e i bitcoin veri si trovano nelle mani dei mutuatari.

È qui che le cose si fanno strane. Tutti i clienti di ExchangeCorp pensano ancora di avere un diritto diretto sui bitcoin reali detenuti in modo sicuro da ExchangeCorp, mentre invece essi si trovano nelle mani di coloro che hanno preso in prestito da ExchangeCorp, e quelle entità lo stanno svendendo sul mercato.

Cosa succede quando ExchangeCorp presta una grande quantità di bitcoin depositati dai suoi clienti? Molti bitcoin extra iniziano a fluttuare nel mercato, perché gli investitori che pensano di detenere bitcoin reali detengono solo BTC sintetici. Tutta quell’offerta extra di bitcoin sul mercato assorbe la pressione di acquisto, che ne sopprime il prezzo.

Diamo un'occhiata a un semplice grafico domanda/offerta:

Quando i BTC sintetici entrano nel mercato, poiché gli attori di mercato non sono consapevoli che questa nuova offerta non è reale, hanno lo stesso effetto di un aumento dell’offerta di bitcoin reali, finché la frode non viene scoperta.

Questa storia ipotetica assomiglia in qualche modo alle recenti notizie su FTX?


I BITCOIN SINTETICI AL CENTRO DELLA FRODE DI FTX

La storia di ExchangeCorp e Bernie è esattamente la storia di FTX e del suo fondatore Sam Bankman-Fried, redatta con alcuni complessi da salvatore del mondo, studi sulle droghe e orge poliamorose.

Prestando i fondi dei clienti, FTX ha sostanzialmente gonfiato l'offerta di bitcoin approfittando della fiducia riposta dagli utenti in esso. FTX ha creato tonnellate di BTC sintetici.

Quanti ne avrebbe potuti creare? Non possiamo essere sicuri delle cifre esatte data la sua contabilità assolutamente orribile, ma la stima seguente suggerisce che FTX aveva 80.000 BTC sintetici sui suoi libri contabili: bitcoin dovuti ai clienti che non erano coperti da bitcoin reali.

Ciò rappresentva uno sbalorditivo 24% dei circa 330.000 nuovi bitcoin creati quell’anno attraverso il mining. Si trattava di un sacco di bitcoin extra che entravano nel mercato di cui nessuno, a parte un piccolo gruppo di addetti ai lavori di FTX, era a conoscenza!

È impossibile dire dove sarebbe andato il prezzo senza che l’offerta extra di bitcoin entrasse nel mercato, ma possiamo essere quasi certi che il prezzo sarebbe salito più in alto rispetto al 2021.

Sebbene il crollo di FTX sia recente, la sua storia ci fornisce moniti riguardo i pericoli degli asset sintetici e la manipolazione dei prezzi. La storia dell’incapacità dell’oro di resistere alla cattura centralizzata, ad esempio, può dirci dove è diretto Bitcoin se continuiamo a fidarci degli exchange e di terze parti che li detengono al nostro posto.


LA CADUTA DELL'ORO

Un tempo l'oro veniva utilizzato nelle transazioni quotidiane: basta una visita a un museo di storia per vedere le collezioni di antiche monete d'oro che un tempo circolavano nei mercati locali. La narrativa tradizionale riguardo la scomparsa dell’oro come valuta di transazione ci dice che era diventato troppo ingombrante, o troppo prezioso, per continuare a funzionare bene come mezzo per acquistare generi alimentari e altri beni di consumo giornalieri.

Tuttavia questa storiella omette alcuni componenti chiave che emergono solo quando tracciamo l’evoluzione dalle monete d’oro alle banconote cartacee e ai conti bancari digitali.

Secoli fa, le banche iniziarono a prendere l’oro dei clienti in cambio di banconote, offrendo loro una misura di sicurezza e un mezzo più conveniente per effettuare transazioni. Tuttavia affidare a una banca il proprio metallo prezioso significava che essa poteva prestarlo o fare cattivi investimenti senza il consenso del depositante. Quando una banca si trovava intrappolata tra cattivi prestiti e un alto tasso di prelievi da parte dei depositanti, doveva dichiarare bancarotta e chiudere, lasciando molti clienti senza un soldo con crediti sintetici sull’oro che a quel punto non valevano più nulla.

Poi sono arrivate le banche centrali per “risolvere” il problema delle banche in bancarotta. Le banche centrali detenevano oro a nome delle persone e delle banche commerciali, dando loro banconote come ricevute per il loro oro. Nel 1960 le disponibilità ufficiali delle banche centrali rappresentavano circa il 50% di tutte le riserve auree estratte, con le relative banconote in circolazione. Alle banche commerciali e agli individui non importava, dal momento che ogni banconota era convertibile in un determinato peso d’oro dalla banca centrale che l’aveva emessa.

Avete fatto caso alla nota in alto a sinistra? Questa banconota da $5 della Federal Reserve, conosciuta anche come banconota da $5, è rimborsabile in oro.

Ciò avrebbe funzionato bene, se non fosse stato per il fatto che le banche centrali, in particolare la Federal Reserve negli Stati Uniti, iniziarono a creare più banconote di quanto oro ci fosse a copertura. Creare più banconote di quanto la FED avesse in oro equivaleva essenzialmente a creare oro sintetico, poiché ogni banconota era un credito su quell’oro. Farlo in segreto significava che la FED stava manipolando il prezzo dell’oro, data l’offerta extra circolante di cui il mercato non era a conoscenza. Quando molti depositanti di oro presso la Federal Reserve – come il governo francese – iniziarono a mettere in discussione le riserve auree in suo possesso e a creare la minaccia di una corsa agli sportelli, il governo degli Stati Uniti dovette intervenire.

Nel 1971 tutto ciò giunse al culmine con lo shock di Nixon. Una sera il presidente Nixon annunciò che gli Stati Uniti avrebbero temporaneamente smesso di convertire le banconote in oro.

Questa sospensione temporanea dei prelievi non è mai stata revocata. Poiché tutte le valute erano collegate all’oro attraverso gli Stati Uniti dollari in base agli accordi di Bretton Woods, lo shock di Nixon fece sì che il mondo intero abbandonasse immediatamente il gold standard. Tutte le valute erano ora solo pezzi di carta, invece di banconote che davano al detentore un diritto su una certa quantità d'oro.

Fonte

Ciò è stato realizzabile solo perché l’oro, nel tempo, è stato depositato nelle banche commerciali e poi nelle banche centrali. Una volta che le banche centrali sono entrate in possesso della maggior parte dell’oro, hanno potuto manipolarne il prezzo e rimuoverlo completamente dal commercio quotidiano. La gente comune ha scelto la comodità delle banconote piuttosto che la sicurezza di detenere oro, e ne ha pagato il prezzo.

Invece di una moneta neutrale coperta da un metallo prezioso difficile da estrarre e impossibile da sintetizzare, le valute sono diventate facili da stampare e quindi altamente politicizzate. Mantenere il dollaro in cima alla catena alimentare non richiedeva più moderazione e buona gestione per garantirne il sostegno in oro. Invece sono state necessarie spedizioni militari e una forte attività di polizia per garantire che i vari e cittadini del mondo continuassero a utilizzare il dollaro per effettuare transazioni.

Un ritorno all’oro a questo punto sarebbe poco pratico: le reti commerciali mondiali coprono una distanza troppo grande e le transazioni avvengono a una velocità troppo elevata. Con la valuta cartacea e, infine, con i sistemi bancari digitali, ciò che abbiamo guadagnato in velocità e comodità lo abbiamo perso in solidità e neutralità. Di conseguenza abbiamo perso i nostri risparmi, la nostra coesione sociale e le nostre istituzioni politiche.


IMPEDIRE LA CADUTA DI BITCOIN

Togliere i vostri bitcoin dagli exchange non è solo una buona pratica per la vostra sicurezza, ma protegge anche il prezzo di Bitcoin. Le nostre libertà dipendono dal fatto che gli individui abbiano il controllo sulla propria ricchezza. Quando la affidiamo ad aziende o stati, ripercorriamo la strada già percorsa dall’oro.

Grazie alla divisibilità e alla natura digitale di Bitcoin, è possibile superare gli ostacoli che hanno impedito all’oro di sostenere la nostra economia moderna e interconnessa. Bitcoin può supportare un mercato mondiale, ma ci arriverà solo se ognuno di noi possiede il proprio bitcoin.

Non lasciate che banchieri e burocrati manipolino il prezzo di Bitcoin: toglieteli dagli exchange e metteteli sul vostro hardware/software wallet.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/


Supporta Francesco Simoncelli's Freedonia lasciando una “mancia” in satoshi di bitcoin scannerizzando il QR seguente.

https://opentip.io/freedonia


mercoledì 28 febbraio 2024

Le regole fiscali non compromettono gli investimenti, ma lo sperpero degli stati sì

 

 

di Mihai Macovei

Per evitare che il debito pubblico salisse alle stelle sulla scia della crisi finanziaria mondiale del 2009, la Germania inserì un “freno al debito” nella sua costituzione. Tale freno pone limiti rigorosi ai livelli del debito pubblico e limita l’indebitamento dello stato. Questa regola fiscale raggiunse il suo scopo e il debito pubblico seguì un percorso discendente, calando di circa 15 punti percentuali in rapporto al prodotto interno lordo (PIL) sin dalla sua introduzione. Tuttavia lo stato l'ha sospesa durante la pandemia e ha contratto ulteriori €370 miliardi di debito nel 2020 e nel 2021. Ha anche cercato di aggirare suddetta regola in diverse occasioni istituendo fondi fuori bilancio, come un fondo speciale da €100 miliardi per spese militari durante la guerra in Ucraina.

Nel 2022 il parlamento tedesco ha deciso di trasferire circa €60 miliardi dal debito inutilizzato e contratto durante la crisi sanitaria in un nuovo fondo per il clima e finanziare la transizione verde della Germania. Con sorpresa di tutti, la Corte Costituzionale tedesca ha dichiarato illegale questa mossa, lasciando i politici a grattarsi la testa su come pagare i sussidi previsti. Invece di rendersi conto che la carenza di finanziamenti è dovuta principalmente a un sistema di welfare gonfiato e a un’economia stagnante, i verdi e i politici di sinistra danno la colpa al freno all’indebitamento e cercano di sbarazzarsene.


Le regole possono migliorare la performance fiscale

Il freno al debito tedesco limita l’indebitamento strutturale netto dello stato allo 0,35% del PIL all'anno, ma mantiene una certa flessibilità consentendo ulteriori prestiti durante le recessioni. Inoltre la norma può essere sospesa in caso di calamità naturali o situazioni di emergenza, com'è avvenuto dal 2020 al 2022 a causa della pandemia. Il freno al debito tedesco è molto più severo del quadro fiscale dell’Unione Europea, il quale consente invece un deficit strutturale pari al 3% del PIL all’anno. La normativa fiscale tedesca è una delle più severe al mondo, sia per il suo obiettivo numerico che per il suo ancoraggio costituzionale.

Anche la Svizzera ha introdotto un freno all’indebitamento più di vent’anni fa. La norma fu approvata da un’ampia maggioranza di elettori in un referendum costituzionale e successivamente servì da modello per il governo tedesco. Inoltre i cantoni svizzeri beneficiano di una lunga tradizione di regole fiscali e di autonomia fiscale decentralizzata. Un altro esempio calzante è quello della Svezia, anch’essa ha un rigido quadro fiscale basato su regole numeriche, come un obiettivo di surplus strutturale di bilancio pari allo 0,3% del PIL e un tetto del debito pubblico pari al 35% del PIL.

Negli ultimi trent’anni le regole fiscali sono diventate molto popolari e il numero di Paesi che le hanno introdotte è passato da meno di dieci nel 1990 a oltre un centinaio nel 2021, secondo il Fondo monetario internazionale (FMI). L’adozione di regole fiscali è stata spesso guidata da crisi finanziarie ed economiche che hanno innescato forti aumenti del debito pubblico; diversi Paesi dell’UE hanno adottato norme nazionali analoghe al quadro fiscale comune dell’UE stessa.

Con un numero così elevato di Paesi che utilizzano regole fiscali, ci si potrebbe chiedere perché il debito pubblico sia cresciuto a dismisura in tutto il mondo negli ultimi anni. La risposta è semplice: la definizione delle regole fiscali è fondamentale e, in molti Paesi, le regole sono troppo morbide o la loro attuazione è troppo permissiva. Le regole fiscali sono efficaci solo quando sono accompagnate da un forte impegno politico, da una solida base giuridica per garantirne un’adeguata applicazione e da un rigoroso monitoraggio da parte di istituzioni fiscali indipendenti.

Un’indagine condotta dall’Amministrazione federale delle finanze svizzera ha concluso che le regole migliorano la performance fiscale in termini di migliori saldi di bilancio, riduzione del debito e riduzione della volatilità della spesa. Inoltre la ricerca empirica ha dimostrato che le regole fiscali sono associate a previsioni di bilancio più accurate e a un miglioramento dei rating dei titoli sovrani. Ciò spiega perché anche i Paesi con regole fiscali più morbide, come l’Australia e i Paesi Bassi, beneficiano comunque di una migliore pianificazione di bilancio a medio termine e di migliori risultati fiscali. Negli ultimi anni il debito pubblico è sceso a livelli moderati in Germania e in altri Paesi con regole fiscali – nonostante la pandemia e la guerra in Ucraina – mentre è cresciuto raggiungendo livelli molto elevati negli Stati Uniti e nel Regno Unito (Grafico 1). Di fatto il Government Accountability Office degli Stati Uniti raccomanda agli stessi d'introdurre regole fiscali rigorose e di correggere il loro “percorso fiscale insostenibile a lungo termine”.

Grafico 1: debito pubblico. Fonte: dati del “ World Economic Outlook Database ”, Fondo monetario internazionale, consultati il ​​31 gennaio 2024


Le regole fiscali non compromettono gli investimenti pubblici

Nonostante il suo successo, il freno al debito è finito oggetto di forti critiche sia da parte degli esperti che dei politici di sinistra in Germania. Lo descrivono come “troppo zelante” e una “camicia di forza” sugli investimenti pubblici, mettendo in pericolo l’ecologizzazione e la modernizzazione dell’economia tedesca. Per diverso tempo il freno al debito è stato il capro espiatorio dei sottoinvestimenti tedeschi nelle infrastrutture: ferrovie, ponti, scuole e infrastrutture digitali.

Questo non è vero. In primo luogo, i €60 miliardi rappresentano solo circa l’1,5% del PIL e difficilmente rappresentano un punto di svolta in un Paese come la Germania dove il governo spende ben il 50% del PIL. In secondo luogo, se la Germania non riesce a finanziare gli investimenti pubblici con questa enorme dotazione di bilancio, allora il problema è altrove: consumi pubblici eccessivi, spesa sociale eccessiva, burocrazia asfissiante e normative ambientali.

Come controesempio, in Corea gli investimenti pubblici in rapporto al PIL sono più del doppio che in Germania, mentre la spesa pubblica totale è circa la metà (cioè il 25% del PIL), e non ci sono molte lamentele nei confronti delle infrastrutture coreane. In terzo luogo, la regola fiscale tedesca è piuttosto flessibile in quanto persegue un obiettivo di deficit strutturale nel corso del ciclo economico e consente clausole di salvaguardia in caso di emergenza in modo da non penalizzare gli investimenti in tempi di aggiustamento fiscale.

In linea di principio, le regole fiscali non costituiscono un ostacolo agli investimenti pubblici; garantiscono solo che quest’ultimo sia finanziato in modo trasparente dalle entrate fiscali e non dai deficit pubblici e dal debito galoppante. La stessa indagine dell’Amministrazione federale delle finanze svizzere ha mostrato che la maggior parte degli studi esaminati suggerisce che le regole fiscali possono compromettere gli investimenti pubblici solo se applicate rigidamente, mentre le regole fiscali con flessibilità incorporata non compromettono gli investimenti pubblici. In realtà si può sostenere che disciplinando i consumi correnti, riducendo l’onere del debito e minimizzando il costo del capitale, le regole fiscali offrono maggiore margine di manovra per gli investimenti, sia pubblici che privati. Il Grafico 2 mostra che i Paesi con regole fiscali rigide, come Svizzera e Svezia, hanno in realtà investimenti pubblici più elevati rispetto ai più dissoluti Regno Unito e Stati Uniti, mentre la Germania non resta molto indietro.

Grafico 2: Investimenti pubblici. Fonte: dati tratti da “Government at a Glance 2023”, Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, consultati il 31 gennaio 2024


Investimenti pubblici & investimenti di mercato

Un elemento chiave che la maggior parte degli esperti sembra ignorare è che non tutti gli investimenti pubblici sono utili e produttivi. È un dato di fatto, gli investimenti pubblici possono essere piuttosto dispendiosi se sono motivati ​​politicamente, mal pianificati, gestiti burocraticamente e soggetti a frode e corruzione. Secondo il Fondo monetario internazionale i Paesi sprecano in media circa un terzo della spesa per le infrastrutture a causa di inefficienze, e la perdita può arrivare fino alla metà in quei Paesi a basso reddito. Secondo Murray Rothbard gli investimenti pubblici rappresentano una deviazione delle risorse economiche dai loro usi più produttivi determinati dagli individui nei processi di mercato. Attraverso un’errata allocazione dei fattori di produzione, l’utilità sociale ed economica della spesa pubblica può essere negativa in molti casi.

Le inefficienze degli investimenti pubblici sono certamente più limitate nel caso della Germania che nei Paesi a basso reddito. Tuttavia la transizione della Germania verso la neutralità dell'anidride carbonica entro il 2045 è un progetto motivato politicamente. La sua giustificazione scientifica e le azioni politiche proposte sono altamente discutibili e non hanno nulla a che fare con le preferenze dei consumatori. La maggior parte degli “investimenti verdi” sono in realtà un mucchio di sussidi per fabbriche di veicoli elettrici e batterie, infrastrutture di ricarica, piste ciclabili, capacità di produzione di idrogeno e altri progetti che gli individui altrimenti non avrebbero intrapreso.

Inoltre il fondamento democratico di questo mega progetto nazionale è molto fragile. La transizione verde comporta un prezzo enorme, stimato in circa €6.000 miliardi, ovvero il 150% del PIL tedesco. Normalmente richiederebbe un voto tramite referendum piuttosto che l’attuazione tramite decisioni dall’alto da parte di politici vicini al Partito dei Verdi. Quest'ultimo ha ottenuto solo il 15% dei voti nelle ultime elezioni e da allora il suo sostegno pubblico è diminuito. Come gli svizzeri, anche la maggioranza dei tedeschi sostiene invece il freno all'indebitamento, secondo un sondaggio dell'emittente ZDF.

Probabilmente è giunto il momento che le élite politiche tedesche riconoscano che la loro ambiziosa agenda verde è difficilmente sostenibile, dato il debole potenziale di crescita del Paese e l’enorme fardello del suo stato sociale. Invece di rimuovere il freno all’indebitamento e finanziare gli enormi costi della transizione verde attraverso la porta sul retro, dovrebbero piuttosto chiederne l’approvazione pubblica in modo democratico.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/


Supporta Francesco Simoncelli's Freedonia lasciando una “mancia” in satoshi di bitcoin scannerizzando il QR seguente.

https://opentip.io/freedonia


martedì 27 febbraio 2024

Milei ha dimostrato che le idee contano

La presenza di Milei a Davos era strettamente legata al tema di quest'anno di tale incontro: “Ricostruire ponti”. La cricca, che come facciata ha questo forum annuale, ha realizzato di essersi spinta troppo oltre nelle proprie ambizioni di un controllo capillare della società, scatenando come sottoprodotto una guerra (al momento solo finanziaria) tra le élite del mondo. Chiamiamola una tregua. Per quanto non demordano nel voler applicare la loro visione, hanno dovuto altresì rendersi conto che il socialismo/collettivismo può comprare tempo, ma esso è scarso e, se non adeguatamente allocato, porta inevitabilmente al fallimento di quei piani presumibilmente ben congegnati. Per quanto possano essere abbondanti le risorse economiche della popolazione da cui attingere, esse sono destinate a esaurirsi. Questa è la lezione che ha ricordato Milei, nella teoria; a quella pratica c'ha pensato Jamie Dimon. Il messaggio di questi due era: “Non ci possono essere ponti con i socialisti”; anche in astratto, rimane pur sempre un problema di manutenzione. Milei, dal suo canto, per dimostrare questo punto non ha dovuto far altro che ricordare la storia del suo Paese: il modello peronista di pianificazione macroeconomica ha portato l’Argentina a fondo. Ciò significa che è tra le nazioni peggiori in termini di libertà economica, con misure deplorevoli riguardo apertura al commercio, politica monetaria e protezione della proprietà. Una volta l’Argentina era nella fascia più alta delle nazioni più ricche del mondo, ora si trova a fianco di Paesi del calibro di Libia, Serbia e Mauritius. Le forze della megapolitica che fanno riferimento alla cricca di Davos stanno utilizzando motivazioni diverse per tenere in piedi la struttura del furto sistematico: razza, immigrazione, cambiamento climatico, valuta digitale, ecc. Queste idee sono state impiantate dalle élite attraverso figure di spicco e i media generalisti, finanziate con fondi pubblici. Più i loro tentativi spingono verso un'accelerazione, più dimostrano la loro disperazione. E tutto sommato è un bene, dato che ciò è sintomo di un’opportunità per puntellare, invece, quelle idee su cui poggia la civiltà occidentale. Se Mises definì il ventesimo secolo il secolo del socialismo, noi potremmo definire il ventunesimo come il secolo del libertarismo.

____________________________________________________________________________________


di G. Patrick Lynch

Javier Milei è andato al World Economic Forum e ha dominato facilmente il palco, rimproverando la Gente di Davos con arguzia e saggezza. Mentre la maggior parte dei partecipanti arrivava con i propri jet privati, Milei ha preso un volo commerciale sfoggiando le sue tipiche basette e un sorriso leggermente malizioso. Insieme al suo aspetto unico, un'altra sua caratteristica sono i costanti moniti sui fallimenti del collettivismo. E francamente nessun altro leader politico presente all’evento poteva dire di saperne di più sui pericoli delle economie collettiviste. Se non avete mai sentito uno dei discorsi, o visto una delle sue apparizioni in TV, vi esorto caldamente a farlo. In particolare, poi, quello tenuto a Davos.

L’ampiezza della sua conoscenza della storia e della teoria economica è notevole. Rimarrete commossi dalla passione che mette nelle sue discussioni e presentazioni e vi chiederete perché altri leader politici non possono eguagliare le sue capacità ed energia. I politici non sono stupidi, tutt'altro, ma il loro idealismo tende a erodersi mentre inseguono i voti lasciando dietro di sé i loro principi. Non Milei. Potrebbe non riuscire nella sua missione di smantellare la burocrazia sclerotica e la disfunzionale banca centrale argentina, ma è stato fermamente chiaro su ciò in cui crede e su ciò che sta cercando di fare: salvare l’Argentina da quasi un secolo di governance fiscale e monetaria distruttiva.

A Davos ha iniziato presentando la tesi di Angus Deaton sull’importanza dei sistemi di mercato nel promuovere lo sviluppo economico sin dal 1800. Ha anche citato, per nome, Israel Kirzner, e sembrava quasi Ayn Rand quando ha descritto gli imprenditori come eroi e i burocrati parassiti. Milei ha evidenziato come dare la giusta importanza ai fallimenti dello stato sia fondamentale e ha respinto le affermazioni neoclassiche sui presunti fallimenti del mercato. Era quasi come se il suo pubblico fosse la Mont Pelerin Society, non Davos.

I media internazionali hanno cercato di collegare Milei all’ex-presidente Donald Trump, al populismo di destra e ad altri politici anti-establishment. Non c’è dubbio che Milei stia affrontando le élite argentine, e Trump e i suoi sostenitori stanno trasmettendo un messaggio anti-élite simile a chiunque sia disposto ad ascoltarlo. È anche vero che Trump e tanti suoi sostenitori (come il presidente della Heritage Foundation, Kevin Roberts, intervenuto anch'egli al World Economic Forum) abbiano cercato di adulare Milei con tanti complimenti sui social media riguardo il suo discorso a Davos. Anche se il campo di Trump potrebbe allinearsi con Milei, le politiche offerte dai nazionalisti economici hanno poca, se non nessuna, somiglianza con il coraggio economico del parvenu argentino. Piuttosto che sul risentimento economico offerto dai populisti americani di destra, le politiche di Milei si basano sulla sua conoscenza di un pensiero economico sano e di successo, sebbene politicamente impopolare.

Le idee di Milei sono un insieme coerente di principi interconnessi basati su un impegno incondizionato a favore del libero mercato, a favore di un'economia politica liberale classica. Lui, insieme a milioni di argentini, ha sperimentato per anni come un intervento statale pervasivo danneggi gravemente un’economia. Dopo la sua vittoria su una piattaforma volta a invertire il furto e la mala gestione, Milei deve ora affrontare gli interessi radicati che hanno tratto vantaggio da questa vasta rete di capitalismo clientelare. Milei sarà fortunato se riuscirà anche solo a fermare l'emorragia e rimettere in carreggiata l'Argentina.

Il libero scambio rimane un fattore chiave nel produrre crescita, per quanto alcune persone vogliano distorcere i fatti al riguardo.

La popolarità di Milei tra i giovani di tutta l'America Latina è dovuta alla scintilla di speranza che ha fornito loro in Paesi impantanati per anni proprio nell'ingerenza politica che i nazionalisti desiderano espandere. Forse lo stile e la sostanza di Milei potrebbero contagiare Trump e i populisti conservatori, imaprando qualcosa da lui.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/


Supporta Francesco Simoncelli's Freedonia lasciando una “mancia” in satoshi di bitcoin scannerizzando il QR seguente.

https://opentip.io/freedonia


lunedì 26 febbraio 2024

Ben fatto, Trump! Lo spreco nel pacchetto da $118 miliardi dell'Unipartito era nato morto

 

 

di David Stockman

Il grande talento di Donald Trump nell’arena politica è far esplodere le cose e, in questo caso più di altri, tale attributo si è rivelato estremamente utile. Ci riferiamo al suo colpo mortale nei confronti del cosiddetto pacchetto di riforme bipartisan sull’immigrazione e al pot-pourri di finanziamenti da $118 miliardi che ne è derivato.

Sebbene la fine di questo pacchetto abbia il carattere di una demolizione incontrollata piuttosto che di un’iniziativa politica mirata, presenta alcune virtù collaterali salvifiche. Forse la folle guerra per procura di Washington contro la Russia in Ucraina fallirà per mancanza di finanziamenti, incoraggiando così i capi più sani di mente dell'esercito ucraino a mandare Zelensky nel suo rifugio della CIA in America Centrale e a negoziare una spartizione pacifica di un Paese messo insieme da Lenin, Stalin e Krusciov.

Allo stesso modo, Israele ha bisogno solo di aumentare le tasse di 2-3 punti percentuali del PIL per generare i $14 miliardi in aiuti che lo Zio Sam non fornisce. Anche così, però, il bilancio della difesa di Israele rappresenterebbe un peso molto inferiore sul suo PIL da $550 miliardi rispetto ai primi 50 anni della sua esistenza.

Inoltre quando all’elettorato israeliano verrà mostrato che la combriccola di Netanyahu non ha un bancomat nel Campidoglio degli Stati Uniti, potrebbe iniziare a eleggere governi disposti a perseguire onestamente un modus vivendi con la popolazione palestinese e i vicini arabi.

Per quanto riguarda i $10 miliardi extra per gli aiuti umanitari, è una bella liberazione. Si tratta di una mancia del 20% in aggiunta ai $50 miliardi già presenti nel bilancio federale per gli aiuti esteri e l’assistenza alla sicurezza, nessuno dei quali contribuisce alla sicurezza interna dell’America.

Quindi mettendo fine alle componenti del pacchetto “avventure all’estero” si risparmierebbero $85 miliardi e si costituirebbe un primo passo verso la sanità fiscale sulle rive del Potomac.

Ma l’ironia è che lo spreco ancora più grande nel pacchetto sono i $20 miliardi necessari per fermare la cosiddetta invasione di immigrati. Solo che l’“invasione” è autoinflitta da un sistema di controllo dell’immigrazione americano completamente distrutto che invita letteralmente milioni di migranti a venire al confine degli Stati Uniti e infrangere la legge con il pretesto di chiedere “asilo” ai sensi del diritto e delle tutele internazionali.

Quindi basta sistemare il sistema dell'immigrazione e non ci sarà nemmeno bisogno dei $30 miliardi dell'attuale bilancio federale per i relativi Dipartimenti, per non parlare del 50% extra, o $15 miliardi, forniti a queste agenzie dall'accordo del Senato.

Il punto di partenza, quindi, è riconoscere che la stragrande maggioranza dei 2,43 milioni di persone arrestate durante gli “incontri” al confine sudoccidentale nell’anno fiscale 2022 erano migranti economici, non rifugiati politici. Per dirla tutta, ben 808.400 di loro, ovvero il 33%, erano solo di nazionalità messicana. Ma da quando Washington ha dichiarato che il nostro vicino del sud è uno stato fuorilegge dal quale i suoi cittadini devono fuggire per paura nei confronti della propria vita e incolumità fisica?

Certo, ci sono un numero modesto di persone che sono vittime dei feroci cartelli della droga, ma attenzione: i cartelli della droga messicani sono stati favoriti anche a Washington, a causa della sua idiota guerra alla droga. Quindi basta abrogare le leggi sulla droga, e smantellare la DEA e le sue agenzie collegate, e non ci saranno più i signori della droga messicani da cui fuggire.

Allo stesso modo, altri 705.500 degli arrestati in questi “incontri” provenivano dall’America centrale. Molti dei Paesi che si trovano lì potrebbero essere definiti stati semi-falliti in cui la criminalità è piuttosto elevata, ma in realtà non si tratta di oppressione politica e non sono molto diversi dalla maggior parte delle principali città degli Stati Uniti.

Ad esempio, 213.000 di questi incontri sono avvenuti con migranti provenienti dall’Honduras, dove il tasso di omicidi era di 36 su 100.000 abitanti nel 2022, rendendolo il peggiore di tutti in America Centrale. Oltre a ciò, i 231.565 incontri che hanno coinvolto migranti provenienti dal Guatemala riguardavano un Paese il cui tasso di omicidi era di appena 17 su 100.000 abitanti; i 163.876 incontri con migranti nicaraguensi provenivano da un Paese con un  tasso di omicidi di 6,7 ogni 100.000 abitanti; e i 97.030 di El Salvador fuggivano da un Paese il cui tasso di omicidi era di appena 8,0 ogni 100.000 abitanti.

Anche nel caso del Messico, cartelli della droga e tutto il resto, il tasso di omicidi nel 2022 era di 25,0 su 100.000 abitanti.

Il tasso di omicidi nelle principali città degli Stati Uniti è molto più alto a quello del Messico e dell’America centrale. Di seguito sono riportati i tassi di omicidi ogni 100.000 abitanti per alcune importanti città degli Stati Uniti nel 2021, così come il tasso di 6,3 ogni 100.000 abitanti per gli Stati Uniti nel loro insieme. Il tasso complessivo degli Stati Uniti è evidentemente nella stessa misura di El Salvador/Nicaragua, suggerendo che, mentre gran parte dell’America centrale potrebbe trarre vantaggio da un sistema giuridico più forte, stiamo parlando solo di grado, non del presunto incubo di caos omicida che spesso si è addotto come giustificazione per spiegare le orde di richiedenti asilo al confine degli Stati Uniti.

Infatti ognuna di queste città americane ha un tasso di omicidi più alto dello stesso Messico, la presunta fonte di omicidi e caos al confine degli Stati Uniti; e anche tassi che sono molto, molto più alti di quelli di tutta l’America centrale, ad eccezione dell’Honduras.

Tasso di omicidi ogni 100.000 abitanti nelle prime 10 città degli Stati Uniti nel 2021: 

• St. Louis: 64,0

• Baltimora: 58,6

• Detroit: 41,0

• Milwaukee: 42,5

• New Orleans: 40,6

• Cleveland: 33,7

• Atlanta: 32,0

• Los Vegas: 31,4

• Memphis: 27,1

• Newark: 25,6

• Stati Uniti: 6,3

Infatti altri tre Paesi dell’emisfero occidentale nell’elenco sopra suggeriscono chiaramente che non sono gli omicidi e i dittatori da cui i migranti fuggono, piuttosto dal socialismo e dalla povertà. Ben 462.000, ovvero il 19% degli “incontri” nell’anno fiscale 2022, sono avvenuti con cittadini di Cuba, Haiti e Venezuela. I rifugiati politici dalle carceri di Castro lasciarono l'isola per Miami decenni fa, quindi i fuggitivi di oggi sono semplicemente vittime della povertà comunista, come è essenzialmente il caso anche di Haiti e del Venezuela.

Infatti se si guarda al PIL pro capite dei principali Paesi dell’America Latina da cui arrivano la stragrande maggioranza degli “incontri” al confine degli Stati Uniti, è dannatamente evidente che si tratta di forze economiche sotto forma di carenza di manodopera qui e profonda povertà là. Rispetto al PIL pro capite degli Stati Uniti pari a $65.425 nel 2022, ecco le cifre comparabili per 11 principali fornitori di migranti dell’America Latina. In tutti i casi il rapporto varia da più di 40:1 a un minimo di 6:1 (rispetto al paradiso comunista di Cuba).

PIL pro capite 2022: 

• Haiti: $1.600

• Nicaragua: $2.090

• Honduras: $2.750

• El Salvador: $4.700

• Venezuela: $3.980

• Guatemala: $ 5.475

• Ecuador: $6.300

• Perù: $6.475

• Colombia: $6.500

• Cuba: $7.490

• Messico: $10.820

• Stati Uniti: $65.425

Inutile dire che i rifugiati economici provenienti da questi Paesi sono incentivati ​​a fingere di arrivare per ottenere asilo politico. Questo perché non esistono quote di immigrazione legale, o carte verdi, per i lavoratori non qualificati e non stagionali oltre ai 4.300 all'anno consentiti nelle categorie EW3 ed EW8.

Naturalmente questo è un piccolo buco nel sistema legale delle quote. I geni di Washington hanno ritenuto opportuno ammettere legalmente un totale di 1.018.349 di immigrati nel 2022, ma solo lo 0,4% di questi rientrava nelle categorie di quote per lavoratori non qualificati e poco qualificati.

Eppure queste ultime categorie sono esattamente quelle in cui l’America registra una grave carenza di manodopera. Quindi non sorprende affatto se milioni di rifugiati economici a sud del confine vogliano migrare qui nella tradizione storica di lavorare sodo, costruirsi una vita migliore e contribuire alle tasse e a tutti gli altri aspetti della società americana.

In pratica, i 2,43 milioni di migranti “arrestati” dalla polizia di frontiera nell’anno fiscale 2022 sono stati costretti da una follia normativa a:

• Infrangere la legge attraversando il confine per essere arrestati.

• E poi richiedere lo status di asilo attraverso una procedura burocratica contorta che può richiedere mesi, se non anni, per essere completata e che esige dai richiedenti il fornire prove esaustive riguardo l'effettivo pericolo nel loro Paese d’origine, quando ciò che conta davvero è la loro capacità di lavorare, vivere e diventare buoni cittadini degli Stati Uniti.

Inoltre, in contrasto con il semplice limite per l’ingresso di lavoratori non qualificati, ecco un riepilogo delle categorie normative attraverso le quali i restanti 1.013.998 di immigrati legali sono arrivati ​​in America nel 2022. E la stragrande maggioranza di questi è arrivata con visti concessi nei consolati statunitensi all’estero, in modo ordinario facendosi timbrare i documenti allo sportello di controllo passaporti dei cittadini non statunitensi.

E nessuno di quei 1.013.998 di persone ha aggiunto un briciolo alla brulicante “invasione” dei confini.

Immigrati legali nel 2022 per le principali categorie normative: 

Parenti stretti di cittadini statunitensi: 428.268

• Altre preferenze basate sulla famiglia: 166.041

• Dottorati di ricerca e operai specializzati e loro familiari: 265.933

• Rifugiati e richiedenti asilo: 83.096

• Lotteria della diversità: 43.233

• Iracheni e afgani impiegati dal governo americano: 11.911

• Vittime di criminalità e altre categorie politiche: 15.536

Lavoratori non qualificati: 4.351

Inutile dire che quanto sopra è solo un riassunto della mostruosità normativa che passa per il sistema nazionale di controllo delle quote di immigrazione. Se si selezionano le 428.268 carte verdi emesse sotto la voce “parenti stretti”, ad esempio, si ottengono i seguenti numeri.

Carte verdi 2022 emesse per parenti prossimi di cittadini statunitensi per categoria di quota: 

• R1/R6/CR1/CR6/B1/B6, Coniugi di cittadini statunitensi: 222.565

• W1/W6, altri coniugi, vedove o vedovi: 1.201

• CF1/F1, fidanzate e fidanzati: 14.846

• IR2/IR7/CR2/CR7, Figli di cittadini statunitensi: 52.163

• IH3/IH8/IH4, Adottati in base alla Convenzione dell'Aja: 971

• IR3/IR4/IR8/IR9, Orfani adottati all'estero: 571

• IR5/IR0, genitori di cittadini statunitensi maggiorenni: 132.428

• IBO, genitori di cittadini statunitensi maltrattati all'estero: 77

• Altro: 3.446

E queste sono le categorie normative più semplici e dirette. A titolo di confronto, si consideri solo la ripartizione della quota 2022 per i 162.514 lavoratori di Prima e Seconda Priorità ammessi legalmente in base alle “preferenze basate sull’occupazione”:

• E11/E16, Lavoratori con capacità straordinarie: 7.499

• E12/E17: Professori o ricercatori eccellenti: 4.447

• E13/E18. Dirigenti o manager multinazionali eccezionali: 10.290

• E21/E25. Professionisti con titoli di studio avanzati: 54.491

• E14/E15/E19/E20/E22/E23/E27/E28, Coniugi e figli delle quattro categorie sopra indicate: 85.787

Proprio così. La più grande carenza nell’economia americana oggi è quella dei lavoratori poco qualificati e non qualificati, eppure i burocrati di Washington hanno fatto spazio a 20 volte più coniugi e figli di professori, dirigenti, laureati e lavoratori con abilità “straordinarie” rispetto ai semplici vecchi lavoratori comuni.

In una parola, i lobbisti della Silicon Valley e delle aziende Fortune 500 si sono assicurati di poter ottenere tutti i dottorati di ricerca e i dipendenti high-tech di cui hanno bisogno attraverso un processo ordinato di elaborazione dei visti nei consolati all’estero. Indubbiamente Facebook e Google hanno pagato fior di quattrini ai lobbisti e agli avvocati di Washington che hanno mantenuto aperte le porte delle loro carte verdi.

Ma se siete un operaio, non così tanto. In primo luogo, siate pronti a rischiare la vita e l’incolumità fisica e a essere privati di ogni centesimo che avete dai “coyote” che vi portano al confine con gli Stati Uniti e poi vi presentate all’arresto e alla detenzione in campi di concentramento improvvisati. Successivamente pianificate di rimanere nel limbo per mesi, se non anni, in attesa dell'udienza per l'asilo mentre pagate le spese degl iavvocati; e poi molto probabilmente finirete per essere rimandati a casa quando non potrete dimostrare di essere stati sufficientemente in pericolo, ad esempio, in Costa Rica, il nuovo punto caldo per i vacanzieri americani alla moda.

Dall’altra parte un datore di lavoro a corto di manodopera a Kansas City potrebbe ritenere che l’attuale  costo di $217 per un biglietto dell’autobus dalla Costa Rica all’aeroporto locale sia un vero affare, poiché ammonterebbe a sole 29 ore di busta paga con il salario minimo. Cioè, un costo di assunzione molto modesto coincidente con l'occupazione di posti di lavoro in un magazzino di Kansas City, in un fast food, o in un cantiere edile.

Allo stesso tempo il migrante economico potrebbe anche considerare un biglietto aereo da $217 un vero affare rispetto alla tariffa da $3.000 a $15.000 addebitata dai coyote per il pericoloso viaggio dalla Costa Rica al Rio Grande, per non parlare dei mesi e persino degli anni. nel processo di richiesta di asilo.

E questa possibilità porta direttamente all’aspetto molto più importante: se ci fosse un’altra categoria di controllo dell’immigrazione, magari etichettata “GW10”, che sta per “Lavoratore ospite, percorso di 10 anni verso la cittadinanza”, ci sarebbero delle orde al confine? No.

L’Unipartito sarebbe finalmente libero dalla battaglia su come razionalizzare e riformare il programma di asilo. Non litigherebbe più sul limite delle 5.000 ammissioni di asilo al giorno come tetto o livello minimo, né litigherebbe più su come calcolare i limiti secondari settimanali e annuali, o come riavviare il flusso di asilo una volta attivata la chiusura delle frontiere e innumerevoli altri inutili guai legislativi e normativi.

La risposta è No perché un programma GW10 smaschererebbe lo sporco segreto dell'intero fenomeno dell'“invasione” dei confini. In altre parole, un programma GW10 potrebbe essere elaborato attraverso le 249 ambasciate e consolati statunitensi sparsi in tutto il pianeta: meccanismi burocratici ordinati che elaborano letteralmente milioni di domande all’anno sia per visti di viaggio temporanei che per visti di immigrazione permanente, giorno dopo giorno.

Invece i richiedenti asilo devono arrivare al confine tra Texas e il Sud-ovest piuttosto che accedere a questo sistema locale perché, beh, i consolati statunitensi non sono in grado di spiegare prontamente l’insulto implicito al Paese ospitante. Dopotutto concedere asilo a cittadini presumibilmente “perseguitati” presso il consolato americano a Città del Messico, ad esempio, equivarrebbe ad aiutare e favorire presunti nemici dello stato messicano.

Proprio così. Ci sono centinaia di categorie di persone che si rivolgono ai consolati statunitensi per ottenere visti di viaggio, ricongiungimenti familiari, permessi di lavoro, permessi di studio, permessi sportivi, permessi legati all'intrattenimento, all'insegnamento e molto altro, ma non per fuggire dall’oppressione del proprio Paese.

Infatti la disconnessione è così evidente che vale la pena sottolineare i Paesi di origine dei 55.882 immigrati legali nell’anno fiscale 2022 nell’ambito della Lotteria della Diversità, che da soli hanno rappresentato 13 volte più carte verdi nell’anno fiscale 2022 rispetto all’intera categoria dei lavoratori non qualificati.

Questi immigrati sono arrivati ​​qui a decine di migliaia attraverso un'ordinata lotteria con sede nei consolati statunitensi condotta in più di 170 nazioni sparse in tutto il pianeta. E la lotteria ha prodotto più carte verdi “diversità” solo per Algeria e Albania rispetto al numero totale di lavoratori ammessi nelle quote di lavoratori non qualificati (EW3/EW8).

Immigrati della lotteria della diversità per l'anno fiscale 2022 per Paese: 

• Algeria: 2.380

• Albania: 2054

• Camerun: 1.705

• Congo: 903

• Kenia: 1.157

• Sudan: 1.704

• Arabia Saudita: 450

• Yemen: 625

• Afghanistan: 723

• Marocco: 2.559

• Ruanda: 661

• Togo: 838

• Zimbabwe: 1.142

• Siria: 240

• Cambogia: 166

• Giordania: 713

• Mongolia: 196

• Armenia: 1.308

• Kazakistan: 865

• Moldavia: 481

• Fiji: 537

• Cuba: 612

• 147 altre nazioni: 34.863

• Lotteria della diversità totale: 55.882

In breve, tutti questi nuovi titolari della carta verde nella lotteria della diversità sono stati processati nei consolati e nelle ambasciate statunitensi dei Paesi indicati. Non c’è stata congestione al confine, nessuna violazione della legge, nessun arresto, nessuna incarcerazione temporanea, nessuna attesa prolungata nella fase di richiesta di asilo.

In altre parole, la risposta non è un programma di trattamento dell’asilo più ampio, più severo e più costoso secondo il cosiddetto compromesso bipartisan, ma un cambiamento politico che ridurrebbe drasticamente i 2,5 milioni di “incontri” annuali al confine sudoccidentale reindirizzando il flusso dei migranti per motivi economici a un processo di candidatura GW10. Nel caso del Messico, ad esempio, ci sono 10 consolati sparsi in tutto il Paese, come mostrato di seguito, e ci sono strutture simili in tutta l'America centrale e meridionale, così come nel resto del mondo.

Nell’ambito di un sistema di politica dell’immigrazione che includesse un programma su larga scala per i lavoratori ospiti, non ci sarebbe bisogno di una chiusura delle frontiere o di un test contorto, come nel pacchetto del Senato, per riaprire successivamente il processo di asilo. Infatti ci sarebbero probabilmente solo poche migliaia di richiedenti asilo alla frontiera e ai porti d'ingresso in qualsiasi momento, perché i milioni di persone in cerca di lavoro che attualmente invadono il confine verrebbero processati nei loro Paesi d’origine dai burocrati del Dipartimento di Stato. E quest’ultimo processo potrebbe essere notevolmente migliorato con un elenco computerizzato delle persone in cerca di lavoro a cui potrebbero accedere tutti i datori di lavoro statunitensi che cercano lavoratori già preselezionati e pre-approvati.

Nell’ambito di tale programma GW10 i lavoratori ospiti non avrebbero diritto ai benefici sociali negli Stati Uniti per 10 anni e potrebbero rimanere negli Stati Uniti finché un datore di lavoro non validerebbe il loro status lavorativo di ospite, con un’opzione per ottenere la cittadinanza dopo 10 anni di lavoro e pagamento delle tasse.

Inutile dire che questo approccio basato sull’economia eliminerebbe il 95% delle folle radunate al confine tra Stati Uniti e Messico. Ciò che rimarrebbe del tentativo d'ingresso illegale sarebbe il piccolo numero di criminali, spacciatori, terroristi e disadattati che non potrebbero qualificarsi per un visto di lavoratore ospite.

Inoltre, con le “minacce” ridotte a poche migliaia anziché ai milioni attuali, la polizia di confine potrebbe mantenere il confine così “sicuro” da stupire anche Donald Trump. E potrebbe farlo con budget e manodopera significativamente inferiori rispetto a quelli di cui dispone oggi!

Come porre fine al caos al confine degli Stati Uniti: permessi di lavoro presso i consolati statunitensi.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/


Supporta Francesco Simoncelli's Freedonia lasciando una “mancia” in satoshi di bitcoin scannerizzando il QR seguente.

https://opentip.io/freedonia


venerdì 23 febbraio 2024

Sovranismo, parte #4: l'ascesa della proprietà e del crimine organizzato

 

 

di Robert Breedlove

Nella Parte 3 abbiamo esaminato la mega-politica, i modelli storici e macrostrutturali della civiltà e, più nello specifico, le variabili che modellano l’organizzazione socioeconomica. Questa discussione ci ha portato attraverso la logica della violenza, il processo associato allo sviluppo sociale e la Teoria dei giochi evolutivi incorporata negli affari umani. Oggi scaveremo nuovamente nella storia, esplorando le origini dello Stato, della criminalità organizzata e della proprietà per vedere come questi costrutti sociali cambieranno con l’ascesa del sovranismo durante l’era digitale.


Denaro, Stato e criminalità organizzata 

“Un cambiamento apparentemente semplice nella natura del lavoro può alterare radicalmente l’organizzazione della società.”

~ The Sovereign Individual

Contrariamente al pensiero comune, lo Stato non è il creatore del denaro. In verità, è il contrario. Quando una società inizia a impegnarsi nel commercio, beneficia della divisione del lavoro e accumula un surplus economico. Il primo grande cambiamento verso una società più ricca avvenne con la transizione dalla caccia/raccolta come modalità predominante di esistenza umana a uno stile di vita più stabile incentrato sull’agricoltura. Infatti l’agricoltura è stata il punto di partenza della cultura della civilizzazione – come afferma Will Durant:

La prima forma di cultura è l’agricoltura. È quando ci si mette a coltivare la terra e si accumulano provviste per il futuro che si trova il tempo e la ragione per essere civilizzati.

Quando una società diventa sufficientemente sofisticata da impegnarsi nel commercio, il denaro diventa la merce più commerciata, dando così origine all’accumulo di capitale. La commerciabilità di una merce è un termine equivalente a liquidità o vendibilità. L’impegno dello Stato nasce per tutelare i surplus economici o i risparmi generati dal commercio denominato in denaro. Pertanto il commercio significa l’esistenza del denaro e quest'ultimo alimenta un maggiore surplus economico, il che crea domanda per servizi di protezione prodotti dallo Stato. Quest'ultimo non può esistere in una società in cui il risparmio e il denaro non esistono. Con l’avvento del denaro, una società agricola s'indirizzò verso quella specializzazione economica necessaria per consentire alla violenza e alla protezione dalla violenza di diventare servizi commerciabili. Per queste ragioni l’agricoltura è fondamentale per l’organizzazione della violenza.

“Una divisione del lavoro che consentisse alla specializzazione d'impiegare la violenza era insopportabile in quelle società in cui il cibo in eccedenza non poteva essere immagazzinato [...]. I raccolti e gli animali domestici allevati dagli agricoltori erano beni preziosi; potevano essere immagazzinati, accumulati e rubati.

~ The Sovereign Individual

Commercio, denaro e risparmio sono le realtà economiche alla base dell’emergere dello Stato. Nell’era agricola il risparmio significava raccolti, animali domestici, terreni migliorati, edifici e strumenti che gli agricoltori avevano faticato a creare. I beni agricoli erano preziosi: in quanto strumenti chiave per il sostentamento e la sopravvivenza, le persone tentavano di immagazzinarli in modo sicuro e di ottenerli con “ogni mezzo necessario”. La criminalità organizzata è nata per le stesse ragioni dello Stato: l’esistenza di risparmi saccheggiabili. Pertanto la protezione era una preoccupazione primaria per i primi imprenditori dell’era agricola. In tal senso il servizio commerciabile della violenza e la protezione da essa sono due facce della stessa medaglia: i monopolisti potevano addebitare un tributo fino alla quasi totalità dei risparmi degli agricoltori e i cittadini non avevano altra scelta se non quella di pagare. A seconda del lato del confine in cui qualcuno si trovava, lo Stato di uno era l'associazione a delinquere di un altro.

Per queste brutali ragioni economiche (e ironiche), le riscossioni dei pagamenti per la protezione dal saccheggio furono imposte attraverso la tassazione.


Tassazione: predazione sistematica

“La tassazione è un furto, puro e semplice, anche se si tratta di un furto su grande scala e che nessun criminale comune potrebbe sperare di eguagliare. È un sequestro obbligatorio delle proprietà degli abitanti, o sudditi, dello Stato.”

~ Murray Rothbard

L’agricoltura ha reso possibile l’accumulo di ricchezza. Gli antenati dello Stato e della criminalità organizzata – i primi specialisti della violenza – trovarono sempre più redditizio saccheggiare, o proteggere dal saccheggio, i risparmi legati all’agricoltura.

La produzione della più antica riserva di valore – il cibo – ha dato origine alla divisione del lavoro necessaria a sostenere la specializzazione della violenza. Come tutte le altre imprese umane, lo Stato originariamente colmò una lacuna nella domanda sul libero mercato. Accumulando l’energia solare sotto forma di cibo, le società agricole creavano anche un “vaso di marmellata” per tutte quelle mani limitrofe che l'avessero notato. L’istituzione dello Stato è nata per proteggere dai furti il cibo e i beni destinati alla produzione alimentare. La tassazione, quindi, è una forma più prevedibile di furto per finanziare la protezione contro forme più grandi e meno prevedibili. Di fronte alla perdita totale derivante dalla confisca, la tassazione è ancora oggi considerata dalla maggior parte degli imprenditori come il “minore dei due mali”.

Generando qualcosa che valeva la pena saccheggiare e proteggere, l’agricoltura ha reso più redditizi gli investimenti in armi e tecnologie difensive. Ne seguì una corsa agli armamenti verso strumenti più affilati e specializzazione nel loro utilizzo, in cui coloro che riuscivano a scoprire determinati vantaggi strategici o tecnologici ottenevano pretese sproporzionate sui surplus economici prodotti dall’agricoltura e, successivamente, dall’attività commerciale. In questo modo l’agricoltura ha sostenuto l’organizzazione della violenza e della criminalità – per lo più saccheggio sotto forma di coscrizione, inflazione e tassazione. Poiché l’accumulo dei risparmi comportava considerazioni strategiche sia sul saccheggio che sulla protezione dei beni, creava anche requisiti di contabilità. Il commercio, le imprese e la tassazione non erano possibili senza una tenuta dei registri affidabile. Infatti la Stele di Rosetta – una delle opere scritte più antiche – consisteva principalmente in tabelle fiscali.

I simboli dei conti nei registri di imprenditori, contabili ed esattori delle tasse erano i precursori della lingua scritta: un’innovazione che avrebbe trasformato completamente l’umanità. La scrittura ha consentito il trasferimento e l'accumulo di conoscenze nel tempo con maggiore fedeltà e capacità rispetto alla sola parola. Insieme al risparmio del tempo che l’innovazione stava concedendo agli esseri umani, migliorandone la produttività, il linguaggio scritto è diventato uno strumento fondamentale di maggiore astrazione, comprensione e coscienza. Le istituzioni sociali furono in grado di raggiungere nuove vette grazie alla scrittura e l’organizzazione socioeconomica finì per essere dominata da varie istituzioni monolitiche nel corso della storia, tra cui le varie monarchie, la Chiesa e più tardi lo Stato-nazione. Indipendentemente dalla forma assunta da queste varie istituzioni, tutte esistevano per preservare (e occasionalmente saccheggiare) il concetto socioeconomico più importante: la proprietà.


Principi primi della proprietà

“Il diritto alla vita è la fonte di tutti i diritti – e il diritto alla proprietà è la loro unica attuazione. Senza diritti di proprietà, nessun altro diritto è possibile. Poiché l’essere umano deve sostenere la propria vita con i propri sforzi, quell'essere umano che non ha diritto al prodotto dei suoi sforzi non ha i mezzi per sostenere la propria vita.”

~ Ayn Rand

Contrariamente al pensiero comune, la proprietà non è un bene. Una casa, un'auto, o una quota di capitale aziendale sono asset. La proprietà è la relazione reciprocamente riconosciuta ed esclusiva tra il proprietario di un bene e qualsiasi bene particolare. Un atto, un titolo, o un certificato azionario sono la commemorazione degli interessi di proprietà di un proprietario rispettivamente a una casa, a un'auto, o a una quota di capitale aziendale. Essendo una relazione piuttosto che un elemento particolare, l'essenza di ogni proprietà è puramente informativa.

La proprietà è descritta con impareggiabile eloquenza alla voce “Proprietà” nell’Enciclopedia di scienze politiche di Lalor:

Se l'essere umano acquista diritti sulle cose è perché è attivo, intelligente e libero; con la sua attività si propaga sulla natura esterna; con la sua intelligenza la governa e la piega a suo uso; con la sua libertà stabilisce tra sé ed essa il rapporto di causa ed effetto e lo fa suo. [...] Dove c’è, in un Paese civile, una zolla di terra, una foglia, che non porti questa impronta della personalità dell’essere umano? In città siamo circondati dalle opere degli esseri umani; camminiamo su un marciapiede o su una strada battuta; è l'essere umano che ha reso sana la terra un tempo fangosa, che ha preso dal fianco di una collina lontana la selce o la pietra che la ricopre. Viviamo in case; è l'essere umano che ha estratto la pietra dalla cava, che l'ha intagliata, che ha spiantato il bosco; è il pensiero dell'essere umano che ha disposto adeguatamente i materiali e ha fatto un edificio di ciò che prima era roccia e legno. E in campagna l'azione dell'essere umano è ancora presente ovunque; ha coltivato la terra e generazioni di lavoratori l'hanno addolcita e arricchita; le opere dell'essere umano hanno arginato i fiumi e creato fertilità laddove le acque avevano portato solo desolazione. [...] Ovunque s'individua una mano potente che ha plasmato la materia e una volontà intelligente che l'ha [...] adattata [...] al soddisfacimento dei propri bisogni. La natura ha riconosciuto il suo padrone ed egli si sente a suo agio nella natura. Quest'ultima è stata da lui appropriata per il suo uso; è diventata sua; lei è di sua proprietà. Questa proprietà è legittima; costituisce un diritto altrettanto sacro per l'essere umano quanto lo è il libero esercizio delle sue facoltà. È sua perché è venuta interamente da lui e non è altro che un'emanazione del suo essere. Davanti a lui non c'era quasi altro che materia e grazie a lui esiste ricchezza intercambiabile, vale a dire articoli aventi un valore acquisito da qualche industria, dalla manifattura, dalla manipolazione, dall'estrazione o semplicemente dal trasporto. Dall'immagine di un grande maestro, che è forse di tutta la produzione materiale quella in cui la materia ha la parte più piccola, al secchio d'acqua che il portatore attinge dal fiume e porta al consumatore, la ricchezza, qualunque essa sia, acquista il suo valore solo per le qualità comunicate, e quest'ultime fanno parte dell'attività umana, dell'intelligenza, della forza. Il produttore ha lasciato nella cosa un frammento della propria persona che in tal modo è divenuto prezioso e può quindi essere considerato un prolungamento delle facoltà dell'essere umano sulla natura esterna. Come essere libero appartiene a sé stesso; la causa è la forza produttiva; l'effetto è la ricchezza prodotta. Chi oserà contestare il suo titolo di proprietà così chiaramente segnato dal sigillo della sua personalità? [...] È allora che dobbiamo [...] ritornare all'essere umano, creatore di ogni ricchezza [...] è con il lavoro che l'essere umano imprime la sua personalità sulla materia. È il lavoro che coltiva la terra e fa di un deserto non occupato un campo appropriato; è il lavoro che fa di una foresta inesplorata un bosco regolarmente ordinato; è il lavoro, o meglio, una serie di laboratori popolati spesso da una successione numerosissima di operai, che ricava canapa da seme, filo dalla canapa, stoffa dal filo, vestito dalla stoffa; che trasforma l'informe pirite, raccolta nella miniera, in un elegante bronzo che adorna qualche luogo pubblico, e ripete a un popolo intero il pensiero di un artista. [...] La proprietà, resa manifesta dal lavoro, è parte dei diritti della persona di cui è emanazione; come essa è inviolabile finché non si estende fino a entrare in collisione con un altro diritto; come essa è individuale, perché ha origine nell'indipendenza dell'individuo e perché, quando più persone hanno cooperato alla sua formazione, l'ultimo possessore la acquista con valore, il frutto del suo lavoro personale, l'opera di tutti i compagni di lavoro che lo hanno preceduto [...].

In senso stretto, la proprietà è un elenco di “chi possiede cosa”. Archiviazione affidabile, l'aggiornamento e la comunicazione delle informazioni contenute in questo elenco sono l'applicazione nativa della proprietà. Dal punto di vista storico la proprietà ha subito una limitazione universale: la necessità di fidarsi (e pagare) di un’autorità per mantenere questo elenco e prevenirne la falsificazione o la duplicazione. A causa delle realtà tecnologiche dell’Era Analogica, questo collo di bottiglia limitava l’utilità della proprietà facendo sì che le sue transazioni comportassero ritardi e spese significativi.

Prima di Bitcoin raggiungere il consenso sullo stato del patrimonio immobiliare era un processo costoso, lento e complesso. Istituzioni analoghe come governi, banche centrali e sistemi giudiziari esistono quasi esclusivamente per soddisfare questa funzione: il raggiungimento del consenso sui rapporti di proprietà degli attori di mercato. Come si dice: “il possesso è i nove decimi della legge”. Peggio ancora, ogni volta che non è stato possibile raggiungere il consenso sui diritti di proprietà tra gli Stati attraverso mezzi politici, è scoppiato un conflitto. Se adeguatamente considerata, la proprietà rappresenta praticamente tutta l’attività criminale.


Agricoltura, proprietà e criminalità

“Ovviamente nessuno si accontenterebbe di faticare per tutta la stagione di semina solo per vedere qualcun altro prendere ciò che ha prodotto. L’idea di proprietà è emersa come inevitabile conseguenza dell’agricoltura, ma la chiarezza del concetto di proprietà privata è stata attenuata dalla logica della violenza che ha accompagnato anche l’introduzione dell’agricoltura.”

~ The Sovereign Individual

Il calo della produttività agricola, insieme ad una confluenza di altri fattori favorevoli alla centralizzazione del potere, si verificò durante la transizione dell'Europa dal Medioevo alla Rivoluzione Feudale nell'anno 1000. Contribuirono in modo determinante a questa centralizzazione le variabili mega-politiche del clima, della microbiologia e e tecnologia. Con le popolazioni ancora in ripresa dalla caduta di Roma, l’offerta di manodopera era in eccesso, causandone la svalutazione mentre venivano poste maggiori richieste sulla terra. L'eredità causò la frammentazione dei titoli fondiari e i mercati immobiliari iniziarono di nuovo ad emergere. Un improvviso calo delle temperature devastò i raccolti durante gli ultimi decenni del X secolo; seguirono gravi carestie. L’arrivo della peste peggiorò le cose e fece indebitare gli agricoltori. Quando i rendimenti dei raccolti non si ripresero, le terre vennero sequestrate dai creditori. Infine i rapporti di potere furono destabilizzati in seguito all’emergere della cavalleria pesante come forza militare. Spinti da semplici innovazioni come la staffa (che migliorava la potenza offensiva di un cavaliere) e il ferro di cavallo chiodato (che migliorava la durata di un cavallo da guerra), i cavalieri a cavallo divennero rapidamente la forza marziale dominante dell'epoca.

“Chiunque abbia un'armatura e un cavallo ora poteva diventare una legge a sé stante.”

~ The Sovereign Individual

Dotati di armature e armi troppo costose per i contadini, i cavalieri divennero inarrestabili saccheggiatori nelle campagne europee. Erano anche ingovernabili da parte delle autorità politiche grazie ai loro armamenti. Nel tentativo di frenarne la violenza, la Chiesa divenne determinante nell’attuazione del feudalesimo avviando un movimento noto come “La Pace di Dio”. Questa interdizione da parte della Chiesa comportava la conversione delle proprietà immobiliari dei contadini in possedimenti feudali. In cambio della sicurezza della servitù della gleba, i piccoli agricoltori accettarono di cedere le loro proprietà ai cavalieri con poteri megapolitici, che divennero i loro signori, catturando la maggior parte del surplus economico generato assumendosi i rischi di capitale della proprietà. Gli agricoltori vendettero sé stessi e i loro discendenti alla servitù della gleba come strategia di sopravvivenza in condizioni mega-politiche sfavorevoli alla loro posizione nella società. E qui troviamo un principio di realtà fisica: la garanzia della sicurezza è antitetica alla libertà.

Quando la produttività agricola è elevata, ciò significa che una maggiore quantità di energia solare viene sfruttata e incanalata in tutta la società. Catturare più energia porta a un’ideazione accelerata, all’accumulo di capitale e alla crescita della popolazione. Finché questa produttività non si basa sull’accesso a sistemi controllati centralmente come l’idraulica o le fonderie, la libertà e i diritti di proprietà degli individui tendono ad aumentare di pari passo, poiché un tale ambiente favorisce l’imprenditorialità. Nelle società più imprenditoriali il settore immobiliare inizia quindi a riflettere una forma di proprietà più moderna, nel senso che è interamente posseduto anziché affittato. Ciò consente ai relativi proprietari di sopportare maggiori rischi e di guadagnare maggiori benefici associati alle iniziative agricole. I risparmi accumulati dai singoli agricoltori permisero loro di autoassicurarsi e reinvestire in altre imprese commerciali. Tirandosi su in questo modo, alcuni agricoltori si elevarono al di sopra dei contadini e ottennero una ricchezza indipendente.

Nelle aree in cui la produttività agricola era bassa, o dipendeva dall’accesso a sistemi centralizzati, la libertà e i diritti di proprietà dei lavoratori rimanevano minimi. I vincoli di accesso centralizzato hanno incentivato nel tempo il gatekeeping, la ricerca di rendite e la concentrazione del potere in meno mani (una dinamica ancora inerente al sistema bancario centrale). Questa è una realtà economica inevitabile: quando la produttività è bassa, lo sono anche i profitti, e le economie di scala sono di maggiore importanza, il che fa sì che la centralizzazione e la violenza diventino le strategie dominanti per l'allocazione delle risorse. Poiché i comportamenti umani emergono da condizioni limite, le dinamiche di potere centralizzato inquinano le personalità che le persone sviluppano. Come si suol dire: “Nessun essere umano è migliore dei suoi incentivi”; o come disse Lord Actor: “Il potere tende a corromper, e il potere assoluto corrompe in modo assoluto”. In sintesi: i diritti di proprietà e le libertà tendono a fiorire quando la creazione di ricchezza è positiva e in aumento; al contrario la scarsità amplifica le divisioni, la malvagità e la violenza all’interno di una popolazione – una ragione fondamentale per cui la lente d’ingrandimento centralizzata della scarsità – l’inflazione – è velenosa per la società, e perché una moneta con un’inflazione terminale allo 0% – l’unica proprietà inviolabile del mondo – è molto importante.


Bitcoin: proprietà inviolabile

Bitcoin potrebbe essere una nuova tecnologia, ma come idea è molto più antica. Quando nel 1983 gli fu chiesto come avrebbe risolto i problemi geopolitici senza violenza, Buckminster Fuller rispose:

Cerco sempre di risolvere i problemi con qualche artefatto, qualche strumento o invenzione che renda obsoleto ciò che fanno le persone, in modo da rendere questo particolare tipo di problema non più rilevante. La mia risposta sarebbe quella di sviluppare una rete energetica mondiale, una rete elettrica che coinvolga tutti. All’improvviso non ci sarebbero più problemi nazionali, né internazionali. La nostra nuova base economica non sarebbe rappresentata dall’oro o dai dollari; sarebbero i kilowattora.

Chiaramente Fuller non aveva idea che Bitcoin sarebbe nato un giorno, ma era abbastanza preveggente da comprendere le implicazioni della proprietà inviolabile sulla pace degli stati. Allora qual è il rapporto di Bitcoin con il concetto socioeconomico di proprietà?

Bitcoin reinventa i contorni della proprietà. Combinando il costo di riproduzione (quasi a zero) insito in Internet e nelle tecnologie digitali con l’irriproducibilità del tempo e dell’energia, Bitcoin è un sistema radicalmente nuovo per registrare le transazioni immobiliari in un registro indiscutibile. In quanto pura informazione codificata in modo irreversibile attraverso il processo termodinamico del dispendio energetico, Bitcoin è una proprietà ottimizzata per il rapporto costo-efficacia, la velocità di liquidazione e la correttezza del registro. Come ha scritto il venture capitalist Marc Andreessen nel 2014:

Bitcoin ci offre, per la prima volta, la possibilità di trasferire un pezzo unico di proprietà digitale a un altro utente, in modo tale che il trasferimento sia garantito, sicuro e protetto; tutti sanno che il trasferimento è avvenuto e nessuno può contestarne la legittimità. Le conseguenze di questa svolta sono difficili da sopravvalutare.

I diritti di proprietà privata possono essere chiamati anche responsabilità di proprietà privata. Un proprietario è incentivato ad assumersi la responsabilità dei beni che possiede per massimizzarne l'utilità e la longevità. Come scrisse Matilda Betham-Edwards:

Date a un essere umano il possesso sicuro di una roccia brulla e guardatelo trasformarla in un giardino. Date a un essere umano un affitto di 9 anni su un giardino e guardatelo trasformarlo in un deserto. La magia della proprietà trasforma la sabbia in oro.

L’inflazione della valuta fiat è una violazione della proprietà privata – il movimento arbitrario di ricchezza da un gruppo di mani all’altro. L’inflazione è un’ingiustizia imposta dalla legge; disincentiva la prudenza e innesca una diffusa abdicazione di responsabilità tra gli attori di mercato. Privati di ogni mezzo affidabile per immagazzinare valore nel tempo, essi sono disincentivati ​​a pensare al lungo termine, disintegrando così la moralità sociale. Coloro che non hanno voce in capitolo sono i più colpiti dall’inflazione: i nascituri, i poveri e l’ambiente su cui vengono esternalizzati i suoi costi. Nel presente l’aumento dei prezzi si traduce in una maggiore scarsità, la quale incentiva il comportamento egoistico e la divisione sociale, e un ampliamento del divario di ricchezza poiché i prezzi degli asset vengono gonfiati artificialmente. Ma come dice Jordan Peterson “le opportunità si nascondono dove la responsabilità è stata abdicata”. L’inflazione della valuta fiat è l’abdicazione di responsabilità che spinge l’opportunità di puntare su Bitcoin. Esso è l’unica salvezza dell’umanità: un’arca di energia crittografata progettata specificamente per resistere alle tempeste socioeconomiche dell’inflazione.

Essendo lo strato base per un’interazione commerciale con fiducia ridotta al minimo nello spazio digitale, Bitcoin può teoricamente sostenere protocolli di livello superiore (come RGB) utili per effettuare transazioni su qualsiasi forma di proprietà privata in modo decentralizzato, totalmente libero da qualsiasi autorità di controllo centralizzato. Disintermediare il consenso sulla proprietà e decentralizzare le interazioni digitali è dirompente per il concetto stesso di proprietà. I regimi-Stato-nazione abituati a controllare questa funzione sociale basilare durante l’Era Analogica si trovano ad affrontare un brusco risveglio durante l’ascesa del sovranismo.

Bitcoin, una proprietà puramente informativa con sicurezza integrata che massimizza la libertà individuale, altera questo precetto per l’Era digitale. Il sovranismo è una rivoluzione socioeconomica basata sugli inviolabili diritti di proprietà privata intrinseci a Bitcoin. Quando la proprietà diventerà a prova di saccheggio, le istituzioni politiche moderne basate sul saccheggio vacilleranno, insieme ai personaggi modellati dai precetti dell'Era Analogica. Nella quinta parte esploreremo l’estinzione della politica e le sue allegorie storiche in ciò che The Sovereign Individual chiama i “Paralleli tra il declino senile della Santa Madre Chiesa e lo Stato paternalista”.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/


Supporta Francesco Simoncelli's Freedonia lasciando una “mancia” in satoshi di bitcoin scannerizzando il QR seguente.

https://opentip.io/freedonia


👉 Qui il link alla Prima Parte: https://www.francescosimoncelli.com/2023/12/sovranismo-parte-1-distruzione-creativa.html

👉 Qui il link alla Seconda Parte: https://www.francescosimoncelli.com/2024/01/sovranismo-parte-2-bitcoin-sistema.html

👉 Qui il link alla Terza Parte: https://www.francescosimoncelli.com/2024/01/sovranismo-parte-3-mega-politica-la.html

👉 Qui il link alla Quinta Parte: https://www.francescosimoncelli.com/2024/03/sovranismo-parte-5-lestinzione.html

👉 Qui il link alla Sesta Parte: https://www.francescosimoncelli.com/2024/05/sovranismo-parte-6-la-strategia-dello.html

👉 Qui il link alla Settima Parte: 

👉 Qui il link alla Ottava Parte:  

👉 Qui il link alla Nona Parte: 

👉 Qui il link alla Decima Parte:  

👉 Qui il link alla Undicesima Parte: 

👉 Qui il link alla Dodicesima Parte: