domenica 29 agosto 2010

10 pratici passi per isolarvi (almeno in qualche modo) dal collasso economico


Un decalogo di regolo che potrebbe tornare utile quando i tempi si faranno più bui.


Non so voi, ma dopo le "rassicurazioni" di Bernanke, che ha garantito che "interverrà, in caso di necessità", sono alquanto terrorizzato. "Armarsi" individualmente è l'unica opzione plausibile rimasta ormai. L'articolo si concentra sugli Stati Uniti, ma essendo concatenate le economie mondiali è inutile dirvi che il domino farà crollare tutti i tasselli una volta partito.
_______________________________________________



da The Economic Collapse

La maggior parte degli americani sta ancora agendo sotto l'illusione che questa "recessione" finirà e che i "bei tempi" ritorneranno presto, ma una minoranza crescente di americani sta iniziando a rendersi conto che le cose stanno fondamentalmente cambiando e sta iniziando a prepararsi per quello che verrà. Questi "preparatori" vengono da tutto lo spettro politico e da ogni gruppo d'età. Più di ogni altro periodo della moderna storia, gli americani non si fidano del sistema economico degli Stati Uniti. In dozzine di precedenti colonne, ho dettagliatamente descritto gli orrendi problemi economici che ora stiamo fronteggiando fin nei più spaventosi dettagli. Molti lettori hanno iniziato a lamentarsi che tutto ciò che faccio è "spaventare" le persone e che non provveda a nessuna soluzione pratica. Bè non tutti possono spostarsi dal Montana ed aprire una fattoria di lama, ma se tutto va bene questo articolo darà alle persone alcuni punti pratici per potersi isolare (almeno fino ad un certo punto) dal collasso economico incombente.

Ma prima che inizi a dire ciò che le persone debbano fare, prendiamoci un minuto per capire quanto male stiano le cose là fuori. I numeri dell'economia nei titoli dei giornali vanno su e giù e ciò può essere una fonte di confusione per la maggior parte degli americani.

Comunque ci sono due andamenti a lungo termine che sono molto chiari e che tutti possono capire:

  1. gli Stati Uniti si stanno impoverendo e perdono lavoro ogni mese;
  2. gli Stati Uniti si stanno indebitando ogni mese di più.

Quando menzionate bilancio commerciale in deficit, la maggior parte degli americani gira gli occhi e smette di ascoltare. E questo è un'enorme errore, perchè il bilancio commerciale in deficit è assolutamente uno dei problemi principali che abbiamo.

Ogni mese gli americani comprano di più, molto di più dal resto del mondo rispetto a quanto comprino in America. Ogni mese sono più le decine di miliardi di dollari che vanno fuori dal paese rispetto a quelle che vi entrano.

Ciò significa che gli Stati Uniti ogni mese diventano più poveri.

L'eccesso di beni e servizi che compriamo dal resto del mondo viene "consumato" ed il resto del mondo finisce con più soldi rispetto a quanto era partito.

Ogni anno centinaia di miliardi di dollari lasciano gli Stati Uniti e non ritornano. Il trasferimento di ricchezza che ciò rappresenta è stupefacente.

Ma non solo stiamo perdendo ricchezza, stiamo perdendo anche lavoro ogni mese.

I milioni di lavori che l'economia statunitense sta perdendo a favore di Cina, India e dozzine di altre nazione del terzo mondo non torneranno. Le classi medie americane sono state piazzate in diretta competizione, per il lavoro, con lavoratori dall'altra parte del mondo, che sono più che felici di lavorare per poco più di un salario da schiavo. A meno che ciò non cambi, l'economia statunitense continuerà a perdere lavori.

Il governo degli Stati Uniti ha aiutato molto a mascherare questa emorragia economica con quantità senza precedenti di spesa e debito di governo, ma ora il debito nazionale degli Stati Uniti eccede i 13 trilioni di dollari ed è in peggioramento ogni mese. Non solo questo, ma i governi locali e statali di tutta l'America stanno accatastando ridicole quantità di debito.

Così quello che abbiamo è un paese che diventa povero ogni mese, perde lavoro a favore di altri paesi ogni mese e che ha accumulato la più grande montagna di debito nella storia del mondo, la quale peggiora ogni mese.

Non c'è bisogno di dire che ciò non può durare in eterno. Infine l'intera faccenda crollerà come un castello di carte.

Quindi che cosap ossiamo fare individualmente per isolarci in qualche modo dai problemi economici incombenti?

  1. Sbarazzarsi dei debiti: Il vecchio diceva "colui che prende in prestito è schiavo di colui che presta", è incredibilmente vero. La chiave per isolarvi da un collasso economico è di diventare il più indipendenti possibile e finchè sarete in debito semplicemente non sarete indipendenti. Non vorreste mai che un'orda di creditori vi rincorra quando le cose si metteranno davvero male là fuori.


  2. Trovare nuove fonti d'entrate: nel 2010 non c'è nessun lavoro sicuro. Se siete dipendenti da un lavoro per il 100% delle vostre entrate, siete in una brutta situazione. Ci sono migliaia di differenti modi per guadagnare denaro extra. L'importante è che non teniate tutte le uova in un'unico canestro. Un giorno quando l'economia collasserà e sarete senza lavoro, vorrete andare a mendicare o vorrete essere a posto?


  3. Ridurre le spese: molti americani hanno lasciato la corsa al successo ed hanno trovato modi di vivere con metà o perfino un quarto di ciò che guadagnavano precedentemente. E' possibile -- se siete inclini a ridurre le vostre spese. I tempi futuri saranno più duri, quindi imparate a vivere con meno oggi.


  4. Imparare a coltivare il proprio cibo: oggi la grande maggioranza degli americani è completamente dipendente nell'essere capace di andare al supermercato o al più vicino Wal-Mart per comprare cibo. Ma cosa succede se il dollaro crolla drammaticamente nel valore e costerebbe dieci dollari comprare una pagnotta di pane? Se imparate a coltivare il vostro cibo (anche se è un piccolo giardino) vi isolerete contro l'aumento dei prezzi del cibo.


  5. Accertarsi di avere un'affidabile scorta d'acqua: il problema della scarsità d'acqua sta spuntando in tutto il mondo. L'acqua sta diventando rapidamente una dei più "caldi" prodotti là fuori. Perfino negli Stati Uniti, le scarsità d'acqua hanno guadagnato i titoli dei giornali recentemente. Man mano che ci avviciniamo al futuro, diventerà un'imperativo per voi e la vostra famiglia avere un'affidabile scorta d'acqua. Alcuni americani hanno imparato a raccogliere l'acqua piovana e molti altri stanno usando tecnologie avanzate, come un collezionatore d'acqua atmosferico, per rifornire d'acqua le loro famiglie. Ma qualsiasi cosa facciate, assicuratevi di non rimanere senza una decente fonte d'acqua nei prossimi anni.


  6. Comprare terre: questa è dura, perchè i prezzi sono ancora alti. Comunque, come abbiamo scritto precedentemente, i prezzi delle case scenderanno nei prossimi mesi ed infine ci saranno grandi affari da concludere là fuori. La verità è che non dovreste aspettare troppo comunque, perchè una volta che l'elicottero di politiche inflazionarie di Ben Bernanke farà totalmente cadere il valore del dollaro, il prezzo di tutto (inclusa la terra) andrà alle stelle. Se potete comprare terre quando ancora i prezzi sono bassi, ciò vi assicurerà un buon isolamento dal prezzo in aumento delle case che avverrà quando il dollaro sarà completamente svalutato.


  7. Staccare la spina: un numero in aumento di americano sta "staccando la spina". Essenzialmente ciò significa che stanno tentando di agire indipendentemente, senza l'aiuto dei servizi pubblici. In particolare "staccare la spina" vi renderà in grado di isolarvi dal rapido incremento dei prezzi dell'energia che vederemo in futuro. Se siete in grado di produrre energia da soli a casa, non vi spaventerete come i vostri vicini quando i prezzi dell'elettricità si triplicheranno un giorno.


  8. Immagazzinare scorte non deteriorabili: le scorte non deteriorabili sono uno degli investimenti che è sicuro che acquisterà valore. Non che le dobbiate rivendere. Dovrete immagazzinare scorte non deteriorabili perchè ne avrete bisogno un giorno. Quindi perchè non immagazzinare le cose di cui avrete bisogno prima che esse raddoppino o triplichino il loro prezzo in futuro? Il vostro denaro non si stirerà mai più a lungo di quanto stia facendo adesso.


  9. Sviluppare rapporti più forti: gli americani sono diventate delle creature molto schive. Agiamo come se non avessimo bisogno di niente e nessuno. Ma la verità è che quando l'economia cadrà, avremo bisogno l'uno dell'altro. Sono quelli che stanno sviluppando forti rapporti con la famiglia e gli amici ora che saranno in grado di trovare accoglienza da loro quando i tempi si faranno difficili.


  10. Informarsi ed essere elastici: quando i tempi si stabilizeranno, non sarà così importante essere informati perchè le cose rimarranno bene o male le stesse. Comunuque quando le cose cambieranno rapidamente è imperativo essere informati così da sapere cosa dovrete fare. I tempi venturi ci richiederanno di essere altamente elastici e saranno quelli che si adatteranno che riusciranno a cavarsela quando le cose peggioreranno.

Avete altri consigli che vorreste condividere con noi? Se si, sentitevi liberi di condividerli nei commenti sottostanti....


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: http://francescosimoncelli.blogspot.it/


16 commenti:

  1. Scusa, ma perchè "liberarsi dei debiti"??? In un ipotesi iperinflazionistica, come quella che presenti negli altri post, uno che ha un debito FISSATO in euro (non un mutuo variabile...ma supponiamo 10.000 euro di prestito personale con una banca) se lo vedrà letteralmente rimpicciolire dall'iperinflazione! Certo, farà fatica a pagarlo comunque se avrà un reddito anch'esso fisso...ma farebbe comunque fatica anche senza quel debito...con la differenza che avrebbe dato via dei soldi per ripianarlo PRIMA dell'iperinflazione! Riassumendo: essere inseguiti dai creditori incazzati con i bastoni non è così terribile, quando quel credito che vogliono indietro ha il valore di una pagnotta (ma ci ha permesso di comprare una macchina due anni prima)!!!! O no????

    RispondiElimina
  2. Ciao Giacomo. Se, ovviamente, tutto va a ramengo, i debitori vengono enormemente avvantaggiati da questa situazione. Infatti, l'inflazione favorisce i debitori a scapito dei creditori. Ma questo è quello che si vede.

    Quello che non si vede è che quei debiti sono stati contratti in un periodo in cui l'epsnasione monetaria ha rilanciato sempre di più gli stipendi ed i prezzi. A fronte di questa situazione le persone si sono indebitate oltre le loro reali possibilità, e per questo motivo devono ripagare i loro obblighi. Sono errori che hanno commesso loro ed è giusto che li paghino. Ma piuttosto che aspettare il crack finale, è meglio proteggersi; perché nel frattempo i creditori (ad esempio, le banche) ti ruberanno anche le mutande prima di andare falliti.

    E comunque, non esiste un modo per liberarsi definitivamente dal debito.

    RispondiElimina
  3. Grazie per la risposta molto "bastiatiana"! :-)
    Sono ancora un po' confuso a riguardo...ci rifletterò su! Ciao!

    RispondiElimina
  4. Quello che voglio comunicare, Giacomo, è che il debito non è visto come una passività bensì come un'opportunità; quella di scaricare sugli altri gli oneri contratti da una persona (o ente). E' un'abitudine, potremmo dire.

    Per il governo lo è sicuramente. Come avrai potuto notare dalle ultime diatribe negli USA, il debito sale sempre. Ecco perché i politici credono sempre che possono raccogliere denaro tassando di più. Tale abitudine del governo è diventata abitudine anche per le persone comuni, quando hanno visto rilanciati i loro stipendi a fronte dell'espansione monetaria.

    Anche se ci sarà un default questo fatto non cambierà (come, ad esempio, non è cambiata l'abitudine di porre fiducia negli IOU del governo), perché è ormai perennemente iscritto nel "modo di agrire finanziario" della gente comune. Bisogna considerare il debito come uno dei mali peggiori, una sorta di lezione per gli errori commessi durante un periodo di euforia. Una sorta di compromissione del proprio futuro, e le persone che non sono orientate al futuro sono svantaggiate nella vita.

    Ti consiglierei, a questo proposito, di osservare questa pagina dal sito di Gary North: Deliverance from Debt.

    RispondiElimina
  5. Borderline Keroro14 settembre 2011 08:38

    Riguardo a quanto detto da Zucco e la tua risposta.
    Poniamo caso che io mi indebiti oggi, mettiamo 20'000 neuri, per comprare oro. Adesso come adesso posso pagare le rate del rimborso con una parte dello stipendio.
    Dopo di che ho sempre dell'oro per ripianare, e se devo restituire ancora, che so, 15'000 neuri, male che vada perderò solo una parte di quanto opportunamente incamerato.
    Può essere un buon piano per fottere le banche?

    RispondiElimina
  6. Io se fossi in te userei quella parte dello stipendio dedicata alle rate per comprare una piccola moneta al mese, senza fare debiti ed incamerando lentamente. ;)

    Se ci si vuole davvero imbarcare in una esperienza da debitori bisogna avere una fonte sicura di ripagamento, e lo stipendio non sempre può fungere da fonte sicura di guadagno.

    RispondiElimina
  7. Borderline Keroro14 settembre 2011 14:40

    Oh, non ti preoccupare,niente rate per me. D'altro canto nemmeno oro, visto che mi puliscono ben bene.
    E per quanto riguarda l'energia, come faccio ad autoprodurmela? Con una cyclette con la dinamo? Minieolico? Fotovoltaico? Intanto ho deciso di comprarmi una bici. Al pomeriggio può andare bene per andare al lavoro.
    Ma per l'energia, come fare?
    Confesso che ho sentito qualche chiacchiera su Tesla, robetta che non va troppo d'accordo con la fisica ufficiale imparata a scuola. Però, pensandoci, nemmeno la scuola Austriaca si accorda a quanto insegnano nelle scuole.
    Non ho trovato niente di concreto, magari tu sai, e non me lo dirai...
    Ciao

    RispondiElimina
  8. Il debito è un qualcosa che andrebbe maneggiato con molta cura, fino a che ti trovi nella condizione di pagare 1/6 a massimo 1/4 del reddito, il debito è sotto-controllo quando si inzia ad arrivare ad 1/3 o 1/2 dello stesso allora sei praticamente fregato; hai 2 chancé :

    1) Aumentare le entrate
    2) Ridurre i consumi

    RispondiElimina
  9. Ma per l'energia, come fare? [...] Non ho trovato niente di concreto, magari tu sai, e non me lo dirai...

    Ha ragione. Io qualcosa la so, ma piuttosto ti "re-indirizzerò" su un altro sito amico (su cui scrivo, ma più sporadicamente) dove c'è il gestore che è più preparato di me su questo argomento. Infatti, per l'energia niente deve essere più approfondito come soluzione ai problemi energetici come la Fusione Fredda.

    RispondiElimina
  10. ma sul serio c'è ancora gente che crede a sta fregnaccia del collasso globale?......ne ho visti io di cazzari in giro ma uno come per esempio tyler durden su zerohedge.. beh quello secondo me lo pagano un tanto a fregnaccia, tipo un dollaro per ognuna che ne scrive. Sul serio un po mi fate ridere, ma un po siete anche patetici e penosi tipo quelli che credono che l'anno prossimo finirà il mondo perchè l'hanno detto i maya.....il sistema caro johnny non è MAI stato così solido e non ha mai fatto bene il suo lavoro come dal crollo della lehman a oggi....se quelli come voi sta cosa hanno difficoltà a capirla....beh allora ecco forse sarebbe veramente il caso che vi isolate..che ve ne scappate in campagna perchè vuol dire che del mondo in cui vivete della socità che vi circonda non avete capito una benemerita ceppa

    RispondiElimina
  11. ma sul serio c'è ancora gente che crede a sta fregnaccia del collasso globale?

    Ma ancora c'è gente che spara puttanate senza argomentare?


    Sul serio un po mi fate ridere, ma un po siete anche patetici e penosi tipo quelli che credono che l'anno prossimo finirà il mondo perchè l'hanno detto i maya

    Quando la smetterai di sparare stronzate che non mi appartengono farai un favore al pubblico che osserva, dato che mi stanno spintonando per farti notare che con quel voi maiestatis vai a prendere per il culo gente della risma della Brown o di Stiglitz.


    il sistema caro johnny non è MAI stato così solido e non ha mai fatto bene il suo lavoro come dal crollo della lehman a oggi

    Ora ho capito. Sei la reincarnazione di Paul Samuelson, giusto?

    RispondiElimina
  12. Ti sei incazzato cloaca?….toccato un tastino dolente?..sai a volte capita. Non è colpa mia se alle stronzate di stampo “austro – economico” io non c’ho mai creduto, tipo quella del debito per capirci. Sai come si dice? A voi Martin Armstrong v’ha dato alla testa!!! Un ciarlatano come Armastrong giusto in galera poteva finire. Adesso ti dico una cosa che ti farà incazzare ancora di più. Allora senti: alza il culo dalla sedia e apri la finestra….ok lo vedi quel mondo che ch’hai davanti agli occhi?….quel modello sociale?…quel modello economico?….quel sistema?…..li vedi si, ce l’hai davanti. Beh ecco guardali bene perchè quei modelli, li sono sempre stati, li stanno e li continueranno a stare per decenni e decenni senza che nulla di sostanziale cambi. Questa cosa ti fa schifo? Ti da sui nervi? Lo capisco lo immagino, in un certo senso fa incazzare anche me. Ma sai cosa? Quelli che le leve del potere in mano ce l’hanno sul serio sono molto ma molto più intelligenti non solo di te che scrivi stronzate sul web ma anche di me che le commento. Sono così bravi che sono riusciti a vendere all’intero pianeta la mega stronzata che il sistema è in crisi, in bancarotta al collasso, senza più risorse….perchè…perchè….ah si perchè c’è troppo debito in giro e tutti sono indebitati e stanno per fallire.!!!!…Ma va??? …ahahahah….a me la cosa che più mi fa ridere non è tanto questa minchiata del debito in se….no la cosa che mi fa più ridere è che c’è gente che ci crede pure e magari si appresta ad entrare nel bunker temendo chissà quale pericolo. Vabbè che altro ti devo dire?…ah si vendi tutto, rintanati nel bunker che per colpa di Trichet, Bernanke, FED, BCE, fiat money e soprattutto de “troppo debito” adesso collassa tutto, si tutto è la fine….è la fine…

    P.S….salutami Armastrong, Tyler Durden, Zero Hedge e Carbone di Usemlab…che lui ancora non l’ha capito che passerà il resto della sua vita ad aspettare una cosa che non accadrà mai

    RispondiElimina
  13. Sarebbe stupendo incorniciare questa cosa e consegnarla all'Anonimo tra un paio d'anni! :-DD
    Se solo non fosse anonimo! :-D

    Comunque sull'iperinflazione c'è il discorso di North nell'altro articolo che qualche senso ce l'ha...se non ha preso cantonate, lo scenario in questo articolo diventa il secondo in termini di probabilità.

    RispondiElimina
  14. Ti sei incazzato cloaca?….toccato un tastino dolente?..

    BURP!


    Non è colpa mia se alle stronzate di stampo “austro – economico” io non c’ho mai creduto, tipo quella del debito per capirci.

    Il karma non si manifesta all'istante in modo da consegnarti la possibilità di capire il legame tra causa ed effetto in assenza di coercizione, concedentoti quindi una chiara occasione di crescita spirituale: se il karma fosse immediato sareste tutti buoni, ma uguali ai buoi dentro il recinto elettrificato.


    li vedi si, ce l’hai davanti. Beh ecco guardali bene perchè quei modelli, li sono sempre stati, li stanno e li continueranno a stare per decenni e decenni senza che nulla di sostanziale cambi.

    Sapevi che creando una forma-pensiero negativa è possibile sterminare tutti gli Arturiani sul piano astrale?


    Sono così bravi che sono riusciti a vendere all’intero pianeta la mega stronzata che il sistema è in crisi, in bancarotta al collasso, senza più risorse….perchè…perchè….ah si perchè c’è troppo debito in giro e tutti sono indebitati e stanno per fallire.!!!!

    Zombie: "Tu volere dire che USA mai andati in default?"


    ah si vendi tutto, rintanati nel bunker che per colpa di Trichet, Bernanke, FED, BCE, fiat money e soprattutto de “troppo debito” adesso collassa tutto, si tutto è la fine….è la fine…

    Il tuo nichilismo minimalista mi annichilisce.

    RispondiElimina
  15. Borderline Keroro15 settembre 2011 08:49

    @anonimo
    ma guarda che qui nessuno pretende di aver ragione. Io per esempio sono convinto che tra te e Johnny sia tu quello che è nel giusto.
    In effetti è ben visibile a tutti come l'economia si sia ripresa perfettamente dopo la recente crisi. I posti di lavoro sono in crescita, il benessere sempre più diffuso.
    E finalmente il tempo delle emergenze e dei rischi per l'euro, il dollaro, i conti pubblici, ecc. è definitivamente seppellito.
    Siccome è tutto OK tranquillo, puppa e dormi.

    RispondiElimina
  16. Pure voi però vi ci mettete... questo è un semplice flame è come andare alla festa dell'unità e cantare faccetta nera, l'unica cosa che puoi scatenare è una rissa.

    Ignorate i sarcastici, d'altronde si sa che il sarcasmo è la più bassa forma di spirito.

    RispondiElimina