venerdì 31 maggio 2024

Sovranismo, parte #6: la strategia dello statalismo

 

 

di Robert Breedlove

Nella Parte 5 di questa serie ho dimostrato che la moderna ossessione per la politica, inclusa la sua presenza nell’identità individuale e di gruppo, è una psicosi di massa basata sulla violabilità della proprietà. Questa illusione è aggravata dalla corruzione del denaro – la (psico)tecnologia più importante dell’umanità – che non solo distorce il denominatore dello scambio economico, ma viene anche utilizzata per violare i diritti di proprietà dei cittadini di tutto il mondo attraverso l’inflazione sfrenata dell'offerta di valuta fiat. In quanto denaro incorruttibile e proprietà inviolabile, Bitcoin è un elisir contro la psicosi di massa della politica.

Oggi illustreremo la strategia commerciale generale dello statalismo e attraverseremo il crollo del comunismo sovietico alla fine del XX secolo, un episodio utile per comprendere l’imminente fallimento dello statalismo, definito in senso più ampio. Ciò determinerà un ritorno al rapporto tra psicosi di massa e monopolizzazione del denaro che invece verrà esplorato nella Parte 7. Per prima cosa, diamo uno sguardo alla strategia commerciale della più grande impresa del mondo moderno: lo statalismo.


Il business dello statalismo

“Lo Stato ha utilizzato le risorse estratte da una popolazione in gran parte disarmata per schiacciare i predatori su piccola scala. Lo Stato-nazione è diventato lo strumento di maggior successo della storia per impossessarsi delle risorse economiche. Il suo successo si è basato sulla sua capacità superiore di estrarre ricchezza dai suoi cittadini.”

~ The Sovereign Individual

Lo statalismo è una condizione in cui un governo – l’apparato di coercizione, costrizione e violenza – esercita un’influenza importante sull’attività economica. Come ogni altra attività, lo statalismo è guidato da considerazioni economiche come entrate e profitti: tutte le politiche dello statalismo sono a valle della sua economia. Secondo la legge economica, ci sono solo due modi per acquisire ricchezza: producendola e prendendola. Il sovranismo si basa esclusivamente sul fare, mentre lo statalismo (compresi i suoi “marchi” di comunismo, fascismo, capitalismo, ecc.) si basa strettamente sul prendere. In poche parole: il libero mercato crea, gli stati prendono.

Fare e prendere non è una dicotomia nuova nelle strategie di accumulo della ricchezza. Oppenheimer definì il metodo del libero mercato per la creazione di ricchezza come “il mezzo economico” e lo paragonò ai mezzi coercitivi, esercitati prevalentemente da statalisti, definendoli “il mezzo politico”. Oppenheimer definì lo Stato come l’organizzazione sistematica dei mezzi politici. Ecco perché Clausewitz aveva ragione nel definire la guerra un’estensione della politica: ciascuna implica l’imposizione della forza di volontà di alcune persone su altre. Quando i mezzi politici diventano più prevalenti di quelli economici – quando il prendere supera il fare – la torta economica si restringe e tende a verificarsi un conflitto armato per le fette rimanenti. Come ci ha insegnato il XX secolo, lo statalismo portato all’estremo è un’impresa potenzialmente catastrofica.

Ogni organismo, organizzazione e istituzione ha questo in comune: ognuno è una strategia per acquisire più territorio (espresso dagli esseri umani come ricchezza o proprietà) allo scopo di riprodursi. Questo “imperativo territoriale” è un impulso biologico fondamentale inerente alla maggior parte delle specie sociali: è la ragione per cui gli uccelli costruiscono nidi, i lupi cacciano in branco e gli esseri umani si sforzano di acquisire risorse. La ricchezza può essere generata solo attraverso consumi posticipati e investimenti, una realtà economica massimizzata da forti diritti di proprietà. Ma man mano che viene creata più ricchezza, l’incentivo a violare i diritti di proprietà e ad acquisire con la forza la ricchezza altrui aumenta di pari passo. La conclusione fondamentale è che tutti gli organismi, le organizzazioni e le istituzioni sono imprese: il loro obiettivo darwiniano comune è l’acquisizione e il controllo di una maggiore ricchezza, con le buone o con le cattive (o come afferma senza mezzi termini Michael Goldstein, “Tutti sono truffatori”).

Lo statalismo è una strategia di acquisizione della ricchezza che implica coercizione, costrizione e violenza. Gli Stati-nazione, come qualsiasi altra attività, condividono un obiettivo comune: crescita e massimizzazione del profitto. Sfruttando i loro monopoli naturali sulla violenza, gli Stati centralizzano sempre il controllo come minimo sul mercato del denaro (com’è ancora il caso del “capitalismo emarginato” di marca statunitense), o come massimo prendono il controllo sull’intera economia (com’è avvenuto nel comunismo del XX secolo). Qualunque sia la forma che assume uno Stato moderno, l’incremento dei suoi profitti dipende dalle standardizzazioni.


Standard applicati per far scalare la tassazione

“I conquistatori dei nostri giorni, popoli o principi, vogliono che il loro impero possieda una superficie unificata sulla quale l'occhio superbo del potere possa spaziare senza incontrare alcuna disuguaglianza che ne offenda o ne limiti la vista. Lo stesso codice di diritto, le stesse misure, le stesse regole e, se potessimo arrivarci gradualmente, lo stesso linguaggio: questo è ciò che viene proclamato come la perfezione dell’organizzazione sociale [...]. La parola d’ordine del giorno è uniformità”

~ Benjamin Constant, De l'esprit de conquête

Il fulcro della strategia aziendale dello statalismo è la standardizzazione. Organizzando e misurando le popolazioni in modi precisi, secondo standard comuni, gli Stati possono semplificare le funzioni classiche di tassazione, coscrizione e repressione della ribellione. In altre parole, uno degli obiettivi primari dello statalismo è quello di migliorare la “leggibilità” dei cittadini, allo scopo di razionalizzare i flussi delle entrate fiscali. Poiché le principali fonti di entrate degli Stati comportano l’applicazione di coercizione, costrizione o violenza, classificheremo collettivamente tutti questi tipi di entrate (non consensuali) come tasse. Tutte le tasse sono violazioni dell’autoproprietà individuale e dei diritti di proprietà che ne derivano. Pertanto quando sono disponibili opzioni per evitare d'incappare in passività fiscali, i cittadini le sfruttano. Gli Stati, a loro volta, si sforzano di rendere la tassazione quanto più invisibile e inevitabile possibile. Norme comuni sono fondamentali per la generazione e la riscossione di imposte economicamente efficienti.

Gli Stati pre-moderni erano inefficienti nelle loro richieste ai cittadini, proprio perché mancavano di sistemi informativi rapidi e accurati. Questi primi Stati sapevano poco del patrimonio netto, delle proprietà terriere totali, dei raccolti e persino dell’identità dei loro cittadini. Senza standard comuni per calcolare e comunicare, l’attività dello statalismo era in gran parte localizzata e priva di una visione sinottica dei suoi argomenti. In confronto ai moderni Stati-nazione, quelli pre-moderni erano operazioni a bassa tecnologia. I costi fissi gravavano sui primi monopolisti della violenza e inibivano la scalabilità efficiente dello statalismo. Adottando le lezioni degli operatori forestali privati e di altre imprese incentrate sulla manipolazione del mondo naturale, alla fine hanno imparato che potevano ottenere una maggiore leva operativa attraverso l’imposizione di determinati protocolli.

All’improvviso, nel grande arco della storia, gli Stati hanno iniziato a stabilire una gamma di pratiche di standardizzazione tra cui cognomi permanenti, pesi e misure uniformi, misurazioni catastali, coerenza del discorso legale, progettazione urbana e controllo sul trasporto delle merci. Tutti questi sforzi hanno reso le attività imponibili dei cittadini più facilmente misurabili. E qui viene da pensare a un vecchio detto: “Ciò che viene misurato, viene a galla”; attraverso una migliore leggibilità, le azioni coercitive dell’arte statale potevano essere eseguite con maggiore precisione. Dotati di una comprensione più approfondita delle attività commerciali dei cittadini, gli statalisti potevano ora ampliare le proprie attività riducendo i costi fissi di accertamento e riscossione delle imposte.

La mappatura catastale ha migliorato l’efficienza degli accertamenti e delle riscossioni fiscali

Mappe più chiare dei territori sotto il dominio statale si sono dimostrate uno strumento potente, utile per ridisegnarle con risoluzioni sempre più elevate. Questa riorganizzazione dei sistemi informativi è avvenuta in un momento in cui gli esseri umani stavano imponendo con successo standard organizzativi su altri aspetti della natura. L’agricoltura e la silvicoltura sono due esempi classici in cui gli esseri umani sistematizzano e standardizzano gli stanziamenti dalla natura in modi adatti ai loro bisogni. La silvicoltura scientifica, i sesti di piantagione e le fattorie collettive erano tutte attività di specializzazione amministrativa destinate a migliorare la resa dei raccolti.

Le risorse e i terreni mappati con una risoluzione più elevata mostravano una maggiore leggibilità agli occhi dei sorveglianti, offrendo loro una maggiore leva operativa. In breve, la leggibilità è direttamente proporzionale alla manipolabilità delle risorse. Il controllo centrale e dall’alto verso il basso è diventato molto più efficace nei sistemi informativi statali con costi di transazione molto più bassi. Nel libro, Seeing Like a State, l'autore James C. Scott ci fornisce un'eccellente analogia che collega questa tendenza degli esseri umani a imporre il controllo sui frutti della natura e gli uni sugli altri:

Un’analogia familiare con l’apicoltura può essere utile. In epoca pre-moderna la raccolta del miele era un’impresa difficile. Anche se le api venivano alloggiate in alveari di paglia, raccogliere il miele di solito significava scacciarle e spesso distruggere la colonia. La disposizione delle camere di covata e delle celle seguiva schemi complessi che variavano da alveare ad alveare, schemi che non consentivano estrazioni ordinate. L’arnia moderna, al contrario, è progettata per risolvere il problema dell’apicoltore. Con un dispositivo chiamato “escludiregina”, si separano le camere di covata inferiori dalle riserve di miele superiori, impedendo alla regina di deporre le uova al di sopra di un certo livello. Inoltre le celle di cera sono disposte ordinatamente in verticale, nove o dieci per scatola, che permettono di estrarre facilmente miele, cera e propoli. L’estrazione è resa possibile osservando lo “spazio delle api”, ovvero la distanza precisa tra le celle che le api lasceranno aperte come passaggi anziché colmarli costruendo favi intermedi. Dal punto di vista dell'apicoltore l'arnia moderna è ordinata e “leggibile”, la quale gli consente di verificare le condizioni della colonia e della regina, giudicarne la produzione (in peso), ingrandire o ridurre le dimensioni dell'arnia in base al peso. unità standard, spostarla in una nuova posizione e, soprattutto, estrarre il miele sufficiente (nei climi temperati) per garantire che la colonia sverni con successo.

L’efficienza operativa è chiaramente un aspetto vitale di ogni azienda, compresi gli Stati, dove le entrate consistono interamente in esazioni coercitive sui cittadini. Le tasse sono una forma di prelievo. In combinazione con il fatto che i politici non hanno alcun interesse a lungo termine sulla base imponibile, lo schema odierno degli incentivi degli statalisti, che sono a capo della forza marziale più potente del mondo – lo Stato-nazione – e che li influenza affinché abbiano un’elevata preferenza temporale, sono estrattive e non si preoccupano del benessere a lungo termine delle reti economiche sottostanti.

Nonostante la vuota retorica (un uso malizioso di una potente psicotecnologia intesa a nascondere la vera natura dello statalismo), i burocrati e i politici hanno poco o nessun incentivo ad agire verso un qualsiasi obiettivo diverso dall’aumento delle entrate fiscali. Ad esempio, un moderno policymaker in uno Stato-nazione attraversa comunemente la proverbiale “porta girevole” tra regolamentazione e industria. In primo luogo, agendo in qualità di legislatore, un funzionario pubblico elaborerà regolamenti sfumati, poi, alla scadenza del suo mandato, andrà a lavorare come consulente in quei settori di cui era stato precedentemente responsabile della regolamentazione. Ciò significa che sono perfettamente posizionati e che sfruttano (e addirittura creano preventivamente) le lacune nelle normative che stabiliscono.

Tali incentivi perversi sono solo esacerbati dal furto praticamente illimitato consentito dalla valuta fiat. Il risultato netto è più corruzione, uno Stato più grande, una nazionalizzazione costante delle principali industrie, più tasse, più inflazione dei prezzi e meno libertà per i cittadini. Ricordate: un cittadino tassato al 100% è uno schiavo. Gli incentivi associati allo statalismo spingono i cittadini lungo il continuum da un sovranista tassato allo 0% verso uno schiavo tassato al 100%. A tal fine la standardizzazione dei dati dei contribuenti (o dei potenziali schiavi) è della massima importanza per l’efficienza operativa dello statalismo come impresa.

Non sorprende che, dal momento che lo scopo originario dello Stato era quello di preservare i diritti di proprietà privata per proteggere le reti commerciali produttive, quei modelli di statalismo che soddisfacevano maggiormente tale funzione di libero mercato tendevano ad accumulare più ricchezza. Come vedremo, il capitalismo statalista ha avuto la meglio sul comunismo per ragioni correlate, una sequenza economica che, secondo la stima del sottoscritto, presagisce un collasso di tutti i modelli di business statalisti negli anni a venire. Da questo punto di vista la caduta del muro di Berlino è stata il simbolo di un cambiamento socioeconomico molto più significativo di quanto comunemente si intenda...


La caduta simbolica del muro di Berlino

Originariamente intesi a preservare i diritti di proprietà da minacce endogene ed esogene, gli Stati hanno indirizzato i loro sforzi verso la protezione-produzione e l’espansione territoriale. Tuttavia, in seguito all’abbondanza economica sbloccata dall’industrializzazione mondiale nel XX secolo, questi monopolisti della violenza hanno rivolto sempre più i loro sforzi verso crescenti prelievi dai loro cittadini. Il passaggio dalla preservazione alla violazione della proprietà privata è il percorso oscuro intrapreso storicamente dagli Stati: un cambiamento di tendenza che tipicamente porta a sconvolgimenti sociali e rivoluzioni. I muri, gli eserciti e le istituzioni, un tempo destinati a difendere gli interessi economici dei cittadini, diventano invariabilmente il mezzo per imprigionarli in fattorie fiscali. Nel XX secolo la caduta del muro di Berlino è stata significativa in quanto ha rappresentato la rottura della strategia comunista statale di raccolta delle tasse.

“Il muro di Berlino è stato costruito con uno scopo molto diverso rispetto alle mura di San Giovanni: impedire alle persone all’interno di scappare piuttosto che impedire ai predatori dall’esterno di entrare.”

~ The Sovereign Individual

Dopo il crollo del muro di Berlino il presidente degli Stati Uniti, Bill Clinton, propose un “muro di Berlino per il capitale”: una tassa di uscita che avrebbe imposto agli americani al di sopra di una certa soglia di patrimonio netto di rinunciare a una somma considerevole affinché potessero sfuggire al sistema fiscale predatorio statunitense. A differenza di molti altri Paesi il sistema fiscale americano era basato sul reddito e sul patrimonio a livello mondiale, invece di essere localizzato all’interno dello Stato che imponeva la tassazione. Questo riscatto draconiano ricordava le misure adottate dall’Impero Romano in declino quando la sua posizione fiscale stava subendo un rapido deterioramento. Questo passaggio, tratto da The Cambridge Ancient History, descrive in dettaglio le azioni di confisca dell’Impero Romano ormai al collasso:

Iniziò così il feroce tentativo dello Stato di spremere la popolazione fino all’ultima goccia. Poiché le risorse economiche erano insufficienti, i forti lottavano per assicurarsi la quota principale con violenza e spregiudicatezza ben consapevoli di chi detenesse cosa e con una soldataglia abituata a saccheggiare. Sulla popolazione si riversò tutto il rigore della legge. I soldati fungevano da ufficiali giudiziari, o vagavano come poliziotti segreti per il Paese. Coloro che soffrirono di più furono, ovviamente, la classe possidente. Era relativamente facile mettere le mani sulle loro proprietà e, in caso di emergenza, erano la classe a cui si poteva estorcere qualcosa più frequentemente e rapidamente.

Gli Stati occidentali – primi fra tutti gli Stati Uniti – dipendono dalla loro capacità di estrarre una parte significativa della produzione economica attraverso la tassazione per avere stabilità e, in ultima analisi, vitalità come modelli di business redditizi. Per soddisfare le attuali richieste di bilancio – che sono sovraccaricate da molti decenni di spesa per lo stato sociale, inefficienze burocratiche e altre dispendiose allocazioni errate del capitale – gli Stati occidentali oggi devono fissare i prezzi dei loro servizi a tassi di “supermonopolio”. Nell’era digitale delle popolazioni, delle informazioni e dei capitali ipermobili, il ricarico dei servizi governativi da parte del supermonopolio pari al 10.000% o più dei loro costi di produzione non sarà più tollerato dai cittadini dotati di nuovi livelli di opzionalità. Come spiegato nei pezzi precedenti di questa serie sul sovranismo, più i politici stringono forte, più velocemente Bitcoin avrà successo. Questa non è una teoria, questo gioco geopolitico è già in corso:

Infatti è proprio questa stretta che porterà i sovranisti a “salpare” nello spazio digitale e a spostarsi fisicamente verso giurisdizioni dove vengono trattati meglio. Gli Stati-nazione che resistono a questa realtà economica stanno “combattendo la marea” degli interessi personali individuali – uno sforzo inutile se visto attraverso il più lungo arco della storia. Questa mega-transizione politica è in atto da molti decenni e la caduta del Muro di Berlino è stato un primo momento spartiacque, simbolico dell’imminente fallimento dello statalismo:

“La caduta del muro di Berlino è stata più di un semplice simbolo della morte del comunismo. È stata una sconfitta per l’intero sistema mondiale degli Stati-nazione, un trionfo dell’efficienza e dei mercati. Il fulcro del potere era cambiato. Riteniamo che la caduta del muro di Berlino nel 1989 fosse il culmine dell’era dello Stato-nazione, una fase storica durata 200 anni e iniziata con la Rivoluzione francese. Gli Stati esistono da 6.000 anni, ma prima del XIX secolo rappresentavano solo una piccola frazione delle sovranità mondiali. La loro ascesa inizia e finisce con una rivoluzione. I grandi eventi del 1789 instradarono l’Europa verso governi nazionali; i grandi eventi del 1989 segnarono la morte del comunismo e l’affermazione del controllo delle forze di mercato.”

~ The Sovereign Individual

Il superamento delle barriere arbitrarie all’informazione e al capitale da parte delle forze di mercato si è manifestato fisicamente con la caduta del muro di Berlino. Dal punto di vista simbolico questo evento ha fatto presagire l’imminente resa dello statalismo al principio della proprietà inviolabile sancito dall’emergere di Bitcoin.


Lo statalismo si arrende

Le forze di mercato, un tempo sopprimibili, hanno iniziato a sfondare le dighe artificiali erette dagli Stati-nazione moderni. Gli impedimenti includevano controlli sui capitali, leggi sul corso legale e politiche fiscali ostili: tutti implementati per interrompere i flussi dell'azione umana volontaria. L’ascesa dello Stato-nazione è stata un evento indotto dal punto di vista megapolitico: non era dovuto alla realizzazione dei desideri di statalisti o teorici politici. In accordo con i temi cari al sovranismo, è stata la logica della violenza a spostare la storia nell’era delle strutture di potere statale più grandi e invadenti. Gli Stati del passato puntavano al controllo centralizzato sulle risorse critiche – come l’acqua – per far rispettare i loro monopoli sulla violenza e sui sistemi di riscossione delle tasse. Tuttavia la mancanza di concentrazione delle risorse rendeva insostenibile lo statalismo pre-moderno.

“Prima del periodo moderno la maggior parte degli Stati era ‘dispotismi orientali’, società agricole nei deserti e dipendenti dal controllo dei sistemi di irrigazione per la loro sopravvivenza. Anche l’Impero Romano, attraverso il controllo dell’Egitto e del Nord Africa, era indirettamente una società idraulica. Ma non era abbastanza affinché potesse sopravvivere. Roma, come la maggior parte degli Stati pre-moderni, alla fine non aveva la capacità di imporre l’adesione al monopolio della violenza fornito dalla capacità di affamare le persone. Lo Stato romano al di fuori dell’Africa non poteva tagliare l’acqua per la coltivazione negando alle persone non sottomesse l’accesso al sistema di irrigazione. Tali sistemi idraulici fornivano più leva alla violenza di qualsiasi altra configurazione megapolitica nell’economia antica. Chiunque controllasse l’acqua in queste società poteva estrarre bottino a un livello quasi paragonabile alla percentuale della produzione totale assorbita dagli Stati-nazione moderni.”

~ The Sovereign Individual

Monopolizzare l’acqua è stata una strategia proibitivamente costosa nella maggior parte dei casi, data la sua ampia distribuzione geografica. Gli Stati-nazione moderni hanno aggirato questa carenza indotta dallo spazio fisico monopolizzando invece l’acqua economica dell’umanità: il denaro. Modellata sul punto n. 5 del Manifesto al Partito Comunista del 1848, “Centralizzazione del credito nelle mani dello Stato per mezzo di una banca nazionale con capitale statale e monopolio esclusivo”, la banca centrale dà allo Stato-nazione il potere di estrazione di ricchezza necessario per crescere fino ai livelli esorbitanti di oggi. In altre parole, la valuta fiat viene utilizzata per pagare tutta la “burocrazia” che vincola i cittadini moderni.

Le banche centrali sottraggono ampie porzioni della ricchezza generata dagli attori di mercato (insonsapevoli) attraverso regolamentazione e tassazione. Da qui il motivo per cui Marx amava le banche centrali. La cosa più importante per gli Stati-nazione è che la banca centrale ha offerto l’accesso al forziere più illimitato mai concepito: il rubinetto della valuta fiat, la quale potrebbe essere stampata per confiscare i risparmi dei cittadini fino al punto del “crack-up boom”. A differenza delle antiche monarchie, costrette a fare la guerra entro i confini dei propri bilanci, gli Stati-nazione moderni sono relativamente sfrenati dal punto di vista monetario. La tassazione ombra tramite l’inflazione è stata storicamente importante per finanziare la violenza statale:

“La cosa più importante di tutte è che il successo in guerra dipende dall’avere abbastanza denaro affinché una tale impresa abbia tutto ciò di cui ha bisogno.”

~ Robert De Balsac, 1502

Le banche centrali e la moneta fiat hanno amplificato la portata e le conseguenze dei conflitti armati nel XX secolo. Similmente al combattimento territoriale a tutto campo tra due predatori apicali, tutto ciò che contava nella determinazione di quale Paese sarebbe stato la prossima superpotenza mondiale era la capacità di uno Stato-nazione di mobilitare la ricchezza e spenderla per proiettare la forza attraverso lo spazio-tempo. A differenza delle imprese oneste e competitive che aderiscono al principio della proprietà inviolabile – un principio antico almeno quanto la Magna Carta del XIII secolo – il dominio statale era storicamente più dipendente dalla forza di grandezza che poteva esercitare piuttosto che dalla sua efficienza. Detto in modo semplice: la proprietà violabile amplifica la violenza dello stato. Come scrisse lo storico Charles Tilly:

Quegli Stati che disponevano dei maggiori mezzi coercitivi tendevano a vincere le guerre; l’efficienza (il rapporto tra output e input) arrivava per seconda rispetto all’efficacia (output totale).

Secondo questo rapporto economico il modello di Stato-nazione in grado di massimizzare la tassazione della ricchezza era destinato a emergere vittorioso nella lotta per diventare la superpotenza all’interno della gerarchia geopolitica. La realtà economica, e non il patriottismo o l’ideologia, ha determinato l’esito della contesa del XX secolo tra le forme stataliste di capitalismo e comunismo.

Sebbene la saggezza convenzionale concepisca il comunismo come antitetico al capitalismo, quando sono coinvolti gli Stati suddetti concetti sono più simili che diversi: ciascuno diventa una strategia aziendale statalista per facilitare il controllo della ricchezza da parte di un governo centrale. La differenza fondamentale tra i due è che il capitalismo genera ricchezza poiché dipende da mercati liberi (anche se marginalizzati) piuttosto che dal controllo totale comunista. In altre parole, il capitalismo di Stato ha beneficiato della sua maggiore enfasi sull’economia “dal basso verso l’alto” rispetto all’approccio assoluto “dall’alto verso il basso” del comunismo. Di conseguenza gli Stati capitalisti sono diventati molto più ricchi degli Stati comunisti, fornendo loro le risorse necessarie per superare la concorrenza.

Visto attraverso la lente dello statalismo è chiaro che il capitalismo sponsorizzato dallo Stato e il comunismo hanno più in comune di quanto si creda tradizionalmente. La caduta del muro di Berlino ha simboleggiato molto più della morte del comunismo; questo evento storico fu il sussulto geopolitico che presagì l’imminente collasso del modello di organizzazione umana dello Stato-nazione.

Considerata come un modello di business concorrente, l’improvvisa scomparsa della Russia sovietica rappresentò il crollo di una strategia statalista inferiore. Pensate alla violabilità della proprietà come a un quadrante che lo Stato potrebbe “alzare” qualora avesse bisogno di aumentare le proprie entrate. Il problema, ovviamente, è che alzando questo livello, le garanzie di cui gli attori di mercato hanno bisogno per generare ricchezza vengono dissipate, causando un crollo nella divisione del lavoro e nella conseguente creazione di ricchezza. La strategia ottimale per lo statalismo, quindi, è quella di alzare gradualmente il “quadrante dei violatori della proprietà” – in particolare, a un ritmo più lento rispetto agli Stati concorrenti – in modo tale che il mercato possa continuare a generare ricchezza per un’ulteriore “raccolta” attraverso la tassazione.

Il capitalismo di Stato praticato negli Stati Uniti era semplicemente meno aggressivo nelle violazioni della proprietà rispetto alla strategia concorrente del comunismo sovietico. Offrendo un maggiore allineamento degli incentivi tra gli attori di mercato e i confiscatori statali, il capitalismo statunitense si è dimostrato un modello di business più redditizio in questa contesa statalista del XX secolo. Rivisitando la nostra precedente analogia con la silvicoltura, il capitalismo ha concesso alla foresta (il libero mercato) più tempo per maturare prima di raccoglierne il legname (la ricchezza dei cittadini). La democrazia, il meccanismo di governance che si sovrappone al capitalismo statunitense, è quindi diventata niente più che un “quadrante per violare la proprietà” e ottenere il controllo sui potenziali proventi che sarebbero stati successivamente rubati attraverso la tassazione.

“Lo stato sociale, al contrario, ha avanzato pretese più modeste, e quindi ha utilizzato incentivi superiori per mobilitare una maggiore produzione. Invece di rivendicare tutto all’inizio, i governi occidentali hanno permesso agli individui di possedere proprietà e accumulare ricchezza. Poi, dopo che la ricchezza è stata accumulata, gli Stati-nazione occidentali ne hanno tassato una grande parte [...]. Un'elezione è, come scrisse H. L. Mencken: "Un'asta anticipata sui beni rubati". Lo stato sociale moderno combina l'efficienza della proprietà privata e gli incentivi per la creazione di ricchezza con un meccanismo per facilitare un accesso sostanzialmente incontrollato a tale ricchezza. La democrazia non ha fatto altro che tenere aperte le tasche dei produttori di ricchezza.

~ The Sovereign Individual

Il saccheggio di massa da parte degli Stati continua ancora oggi ed è stato radicalmente accelerato dopo gli eventi del marzo 2020. Come indica chiaramente l’economia dello statalismo, il capitalismo statunitense sta ora seguendo rapidamente le orme del comunismo sovietico e accelerando verso l’insolvenza totale. Ancora una volta, gli obblighi finanziari accumulati dallo Stato sono inservibili rispetto agli attuali livelli di entrate, il che significa che la tassazione sarà necessariamente aumentata, creando incentivi affinché le persone possano sfuggire a questa predazione e proteggere il proprio capitale con ogni mezzo necessario. A tal fine esiste un solo asset al mondo totalmente immune da qualsiasi azione politica statale o sforzo di ridistribuzione della ricchezza: Bitcoin.

Nel 2021 il deterioramento dello Stato-nazione non è mai stato così evidente e il fulcro di questa transizione verso una nuova era è la neutralizzazione della confisca delle banche centrali resa possibile da Bitcoin. Le forze del libero mercato stanno ora, lentamente ma inesorabilmente, alimentando la resa dello statalismo di fronte all’antico principio della proprietà inviolabile. Gli strumenti digitali sono migliori quando si tratta di fornire molti di quei servizi che storicamente sono stati forniti dallo Stato; il risultato finale è l’irrilevanza dello Stato-nazione. In nessun luogo ciò è più evidente che nell’ascesa del denaro digitale ingovernabile: Bitcoin.


Il sovranismo sconvolge lo statalismo

Una realtà economica fondamentale è chiaramente dimostrata dalla bancarotta dell’Unione Sovietica e dal crollo megapolitico del Muro di Berlino: maggiori saranno le garanzie di inviolabilità dei diritti di proprietà che gli attori di mercato possiedono, maggiore sarà la ricchezza che creeranno. Usando la nostra analogia con la silvicoltura potremmo dire che il comunismo sovietico ha gestito in modo sconsiderato gli “alberi”, facendo sì che non producessero tanto “legname” quanto avrebbero potuto fare altrimenti. Dall’altra parte il capitalismo statunitense ha coinvolto fin dall’inizio uno Stato meno aggressivo nei suoi interventi, consentendo ai mercati liberi di auto-organizzarsi e produrre più “legname” per il successivo raccolto.

Ma cosa succede quando l’inviolabilità della proprietà diventa assoluta? Una cosa è certa: con l’eliminazione dell’inflazione come fonte di entrate e come meccanismo per “nascondere” i cattivi processi decisionali, gli Stati-nazione saranno sempre più ritenuti responsabili dai loro elettori, nello stesso modo in cui i clienti chiedono conto a tutti i fornitori di servizi.

Insediare una banca centrale in un’economia equivale a sottoporre il suo supervisore statale a steroidi anabolizzanti. Non solo la centralizzazione del controllo sul sistema finanziario aumenta radicalmente la “leggibilità” delle attività dei contribuenti, ma diminuisce esponenzialmente il costo della riscossione delle imposte, poiché l’inflazione diventa fin troppo facile. Un semplice aggiornamento al database del dollaro è tutto ciò che serve per aumentarne l’offerta e derubare coloro che dipendono da esso come riserva di valore. Mai prima d’ora è stata possibile una tale efficienza nel campo della tassazione; la tecnologia moderna offre agli Stati-nazione un meccanismo incredibilmente a basso costo per la predazione finanziaria di massa attraverso l’inflazione. Il sostituto d'imposta è un’altra forma di tassazione basata sulla tecnologia, ma la tecnologia è un’arma a doppio taglio e con Bitcoin (se usato massimizzando la privacy) i sovranisti acquisiscono la capacità di nascondersi dall’occhio onniveggente dello Stato-nazione. Anche i “normali” detentori di Bitcoin sono al riparo dalla tassa ombra dell’inflazione. Armati dell’opzione economicamente vantaggiosa di accettare un saldo finale in qualsiasi momento e ovunque, l’elevata portabilità di Bitcoin consente ai clienti di ritenere le controparti responsabili delle loro azioni, ricoprendo un ruolo che storicamente ricorda il gold standard.

Il sistema bancario centrale è stato implementato per interrompere il modulatore dell’oppressione statale dell’Era Analogica: l’oro. Senza la possibilità di convertire la valuta in oro o spostare capitali fuori da un Paese, i cittadini diventano economicamente immobilizzati, rendendoli sempre meno capaci di creare ricchezza e sempre più vulnerabili all’essere abbattuti dalla tassazione. Sequestrando l’oro – il controllo automatico del libero mercato sugli eccessi statali – le banche centrali innescano un’escalation a cascata di coercizione, costrizione e violenza statale. Lo statalismo senza vincoli è un’impresa autodistruttiva: l’accelerazione delle violazioni della proprietà spinge tutti gli attori di mercato ad adottare misure disperate. Ciò spiega perché la ricerca di rendite e la truffa sono così diffuse nelle economie di oggi. Come scrisse Ayn Rand in Atlas Shrugged nel 1957:

Quando vedete che per produrre è necessario ottenere il permesso da persone che non producono nulla; quando vedete che il denaro affluisce nelle tasche di coloro che commerciano non in beni, ma in favori; quando vedete che le persone si arricchiscono con il clientelismo piuttosto che con il lavoro, e le leggi non vi proteggono da loro, ma al contrario proteggono loro; quando vedete che la corruzione viene premiata e l'onestà punita, la vostra società è condannata.

Come via di fuga dalla tirannia economica, Bitcoin è il “porto sicuro” verso il quale salperanno gli intrepidi sovranisti che cercano di resistere alla confisca mentre la predazione da parte degli Stati-nazione aumenta inevitabilmente. Gli Stati che capiranno l’inarrestabile vortice di incentivi legato alla Legge di Gresham adotteranno Bitcoin a scapito dei ritardatari. Il risultato dell’ascesa di Bitcoin è l’interruzione di tutte le strategie di reddito statali basate su coercizione, costrizione, frode e violenza. Per le stesse inconfutabili ragioni economiche per cui un livello più graduale di violazioni dei diritti di proprietà ha portato il capitalismo statunitense a mandare in bancarotta il comunismo sovietico, l’assoluta inviolabilità di Bitcoin come proprietà porterà quelle “imprese” (organismi, organizzazioni e Stati) che si standardizzeranno a esso a sconfiggere tutti coloro che lo rifiutano.

Bitcoin incentiva gli attori antagonisti a comportarsi come alleati, almeno economicamente, poiché la strategia commerciale predatoria della confisca della ricchezza è in gran parte annullata da un diritto di proprietà che non può essere violato “manipolando un quadrante”. In questo senso Bitcoin rappresenta un grande disgregatore per tutti quei modelli di business basati sulle specializzazioni statali di coercizione, costrizione e violenza; Bitcoin potrebbe rivelarsi una delle più grandi forze di civiltà nella storia umana.

Gli Stati che sopravvivranno a questa trasformazione economica saranno necessariamente quelli che riconosceranno la prospettiva autodistruttiva dello statalismo tradizionale e sceglieranno di adottare la base della proprietà inviolabile di Bitcoin come nuovo paradigma. Il miracolo di Bitcoin è che allinea l’interesse personale economico con un’impresa non coercitiva. Nuovi “Stati” pro-Bitcoin potrebbero emergere come risultato di questa interruzione dei tradizionali modelli di business statalisti. Con nuovi sistemi di incentivi questi “Stati sovranisti” saranno praticamente irriconoscibili attraverso la lente dello statalismo dell’Era Analogica. Le tradizionali linee di servizio degli Stati – che dipendevano da cittadini sfortunati ed economicamente manipolabili – non avranno più a che fare con il “legname” di una volta, saranno invece costretti a negoziare con i cittadini per raggiungere condizioni reciprocamente favorevoli e competeranno tra loro per guadagnarsi il loro favore.

Gli Stati che offrono garanzie sull’inviolabilità della proprietà alla pari dello standard Bitcoin attireranno le persone migliori, più brillanti e più ricche. Questo principio di proprietà è il motivo per cui il comunismo è caduto ai piedi dl capitalismo di Stato e perché quest'ultimo sta cadendo ai piedi del sovranismo. Per paragonare ancora una volta lo statalismo alla silvicoltura, il comunismo ha rappresentato un disboscamento, mentre il capitalismo ha rappresentato un disboscamento più lento; il sovranismo è la coltivazione di “alberi” inattaccabili. Il cambiamento più importante negli Stati sovranisti sarà che gli “alberi” saranno liberi di negoziare la misura in cui il loro “legname” verrà raccolto. In cambio i contribuenti richiederanno servizi di qualità a un costo accessibile.

A ogni livello dell’interazione umana Bitcoin incentiva il comportamento onesto, proprio perché è la forma di proprietà più costosa da violare nella storia umana. Bitcoin rende la coercizione una strategia antieconomica e le ripercussioni di ciò ricadranno su tutti gli organismi, organizzazioni e Stati. La variabile mega-politica della tecnologia sta alterando in misura sufficiente la logica economica della violenza in un modo che trasformerà per sempre la civiltà umana.

La proprietà e l’autoproprietà costituiscono il substrato assiomatico della sostenibilità socioeconomica. Bitcoin sta aprendo gli occhi dell’umanità affinché veda questa “foresta per gli alberi”.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/


Supporta Francesco Simoncelli's Freedonia lasciando una “mancia” in satoshi di bitcoin scannerizzando il QR seguente.


👉 Qui il link alla Prima Parte: https://www.francescosimoncelli.com/2023/12/sovranismo-parte-1-distruzione-creativa.html

👉 Qui il link alla Seconda Parte: https://www.francescosimoncelli.com/2024/01/sovranismo-parte-2-bitcoin-sistema.html

👉 Qui il link alla Terza Parte: https://www.francescosimoncelli.com/2024/01/sovranismo-parte-3-mega-politica-la.html

👉 Qui il link alla Quarta Parte: https://www.francescosimoncelli.com/2024/02/sovranismo-parte-4-lascesa-della.html

👉 Qui il link alla Quinta Parte:  https://www.francescosimoncelli.com/2024/03/sovranismo-parte-5-lestinzione.html

👉 Qui il link alla Settima Parte: 

👉 Qui il link alla Ottava Parte:  

👉 Qui il link alla Nona Parte: 

👉 Qui il link alla Decima Parte:  

👉 Qui il link alla Undicesima Parte: 

👉 Qui il link alla Dodicesima Parte:  

 

Nessun commento:

Posta un commento