venerdì 23 febbraio 2024

Sovranismo, parte #4: l'ascesa della proprietà e del crimine organizzato

 

 

di Robert Breedlove

Nella Parte 3 abbiamo esaminato la mega-politica, i modelli storici e macrostrutturali della civiltà e, più nello specifico, le variabili che modellano l’organizzazione socioeconomica. Questa discussione ci ha portato attraverso la logica della violenza, il processo associato allo sviluppo sociale e la Teoria dei giochi evolutivi incorporata negli affari umani. Oggi scaveremo nuovamente nella storia, esplorando le origini dello Stato, della criminalità organizzata e della proprietà per vedere come questi costrutti sociali cambieranno con l’ascesa del sovranismo durante l’era digitale.


Denaro, Stato e criminalità organizzata 

“Un cambiamento apparentemente semplice nella natura del lavoro può alterare radicalmente l’organizzazione della società.”

~ The Sovereign Individual

Contrariamente al pensiero comune, lo Stato non è il creatore del denaro. In verità, è il contrario. Quando una società inizia a impegnarsi nel commercio, beneficia della divisione del lavoro e accumula un surplus economico. Il primo grande cambiamento verso una società più ricca avvenne con la transizione dalla caccia/raccolta come modalità predominante di esistenza umana a uno stile di vita più stabile incentrato sull’agricoltura. Infatti l’agricoltura è stata il punto di partenza della cultura della civilizzazione – come afferma Will Durant:

La prima forma di cultura è l’agricoltura. È quando ci si mette a coltivare la terra e si accumulano provviste per il futuro che si trova il tempo e la ragione per essere civilizzati.

Quando una società diventa sufficientemente sofisticata da impegnarsi nel commercio, il denaro diventa la merce più commerciata, dando così origine all’accumulo di capitale. La commerciabilità di una merce è un termine equivalente a liquidità o vendibilità. L’impegno dello Stato nasce per tutelare i surplus economici o i risparmi generati dal commercio denominato in denaro. Pertanto il commercio significa l’esistenza del denaro e quest'ultimo alimenta un maggiore surplus economico, il che crea domanda per servizi di protezione prodotti dallo Stato. Quest'ultimo non può esistere in una società in cui il risparmio e il denaro non esistono. Con l’avvento del denaro, una società agricola s'indirizzò verso quella specializzazione economica necessaria per consentire alla violenza e alla protezione dalla violenza di diventare servizi commerciabili. Per queste ragioni l’agricoltura è fondamentale per l’organizzazione della violenza.

“Una divisione del lavoro che consentisse alla specializzazione d'impiegare la violenza era insopportabile in quelle società in cui il cibo in eccedenza non poteva essere immagazzinato [...]. I raccolti e gli animali domestici allevati dagli agricoltori erano beni preziosi; potevano essere immagazzinati, accumulati e rubati.

~ The Sovereign Individual

Commercio, denaro e risparmio sono le realtà economiche alla base dell’emergere dello Stato. Nell’era agricola il risparmio significava raccolti, animali domestici, terreni migliorati, edifici e strumenti che gli agricoltori avevano faticato a creare. I beni agricoli erano preziosi: in quanto strumenti chiave per il sostentamento e la sopravvivenza, le persone tentavano di immagazzinarli in modo sicuro e di ottenerli con “ogni mezzo necessario”. La criminalità organizzata è nata per le stesse ragioni dello Stato: l’esistenza di risparmi saccheggiabili. Pertanto la protezione era una preoccupazione primaria per i primi imprenditori dell’era agricola. In tal senso il servizio commerciabile della violenza e la protezione da essa sono due facce della stessa medaglia: i monopolisti potevano addebitare un tributo fino alla quasi totalità dei risparmi degli agricoltori e i cittadini non avevano altra scelta se non quella di pagare. A seconda del lato del confine in cui qualcuno si trovava, lo Stato di uno era l'associazione a delinquere di un altro.

Per queste brutali ragioni economiche (e ironiche), le riscossioni dei pagamenti per la protezione dal saccheggio furono imposte attraverso la tassazione.


Tassazione: predazione sistematica

“La tassazione è un furto, puro e semplice, anche se si tratta di un furto su grande scala e che nessun criminale comune potrebbe sperare di eguagliare. È un sequestro obbligatorio delle proprietà degli abitanti, o sudditi, dello Stato.”

~ Murray Rothbard

L’agricoltura ha reso possibile l’accumulo di ricchezza. Gli antenati dello Stato e della criminalità organizzata – i primi specialisti della violenza – trovarono sempre più redditizio saccheggiare, o proteggere dal saccheggio, i risparmi legati all’agricoltura.

La produzione della più antica riserva di valore – il cibo – ha dato origine alla divisione del lavoro necessaria a sostenere la specializzazione della violenza. Come tutte le altre imprese umane, lo Stato originariamente colmò una lacuna nella domanda sul libero mercato. Accumulando l’energia solare sotto forma di cibo, le società agricole creavano anche un “vaso di marmellata” per tutte quelle mani limitrofe che l'avessero notato. L’istituzione dello Stato è nata per proteggere dai furti il cibo e i beni destinati alla produzione alimentare. La tassazione, quindi, è una forma più prevedibile di furto per finanziare la protezione contro forme più grandi e meno prevedibili. Di fronte alla perdita totale derivante dalla confisca, la tassazione è ancora oggi considerata dalla maggior parte degli imprenditori come il “minore dei due mali”.

Generando qualcosa che valeva la pena saccheggiare e proteggere, l’agricoltura ha reso più redditizi gli investimenti in armi e tecnologie difensive. Ne seguì una corsa agli armamenti verso strumenti più affilati e specializzazione nel loro utilizzo, in cui coloro che riuscivano a scoprire determinati vantaggi strategici o tecnologici ottenevano pretese sproporzionate sui surplus economici prodotti dall’agricoltura e, successivamente, dall’attività commerciale. In questo modo l’agricoltura ha sostenuto l’organizzazione della violenza e della criminalità – per lo più saccheggio sotto forma di coscrizione, inflazione e tassazione. Poiché l’accumulo dei risparmi comportava considerazioni strategiche sia sul saccheggio che sulla protezione dei beni, creava anche requisiti di contabilità. Il commercio, le imprese e la tassazione non erano possibili senza una tenuta dei registri affidabile. Infatti la Stele di Rosetta – una delle opere scritte più antiche – consisteva principalmente in tabelle fiscali.

I simboli dei conti nei registri di imprenditori, contabili ed esattori delle tasse erano i precursori della lingua scritta: un’innovazione che avrebbe trasformato completamente l’umanità. La scrittura ha consentito il trasferimento e l'accumulo di conoscenze nel tempo con maggiore fedeltà e capacità rispetto alla sola parola. Insieme al risparmio del tempo che l’innovazione stava concedendo agli esseri umani, migliorandone la produttività, il linguaggio scritto è diventato uno strumento fondamentale di maggiore astrazione, comprensione e coscienza. Le istituzioni sociali furono in grado di raggiungere nuove vette grazie alla scrittura e l’organizzazione socioeconomica finì per essere dominata da varie istituzioni monolitiche nel corso della storia, tra cui le varie monarchie, la Chiesa e più tardi lo Stato-nazione. Indipendentemente dalla forma assunta da queste varie istituzioni, tutte esistevano per preservare (e occasionalmente saccheggiare) il concetto socioeconomico più importante: la proprietà.


Principi primi della proprietà

“Il diritto alla vita è la fonte di tutti i diritti – e il diritto alla proprietà è la loro unica attuazione. Senza diritti di proprietà, nessun altro diritto è possibile. Poiché l’essere umano deve sostenere la propria vita con i propri sforzi, quell'essere umano che non ha diritto al prodotto dei suoi sforzi non ha i mezzi per sostenere la propria vita.”

~ Ayn Rand

Contrariamente al pensiero comune, la proprietà non è un bene. Una casa, un'auto, o una quota di capitale aziendale sono asset. La proprietà è la relazione reciprocamente riconosciuta ed esclusiva tra il proprietario di un bene e qualsiasi bene particolare. Un atto, un titolo, o un certificato azionario sono la commemorazione degli interessi di proprietà di un proprietario rispettivamente a una casa, a un'auto, o a una quota di capitale aziendale. Essendo una relazione piuttosto che un elemento particolare, l'essenza di ogni proprietà è puramente informativa.

La proprietà è descritta con impareggiabile eloquenza alla voce “Proprietà” nell’Enciclopedia di scienze politiche di Lalor:

Se l'essere umano acquista diritti sulle cose è perché è attivo, intelligente e libero; con la sua attività si propaga sulla natura esterna; con la sua intelligenza la governa e la piega a suo uso; con la sua libertà stabilisce tra sé ed essa il rapporto di causa ed effetto e lo fa suo. [...] Dove c’è, in un Paese civile, una zolla di terra, una foglia, che non porti questa impronta della personalità dell’essere umano? In città siamo circondati dalle opere degli esseri umani; camminiamo su un marciapiede o su una strada battuta; è l'essere umano che ha reso sana la terra un tempo fangosa, che ha preso dal fianco di una collina lontana la selce o la pietra che la ricopre. Viviamo in case; è l'essere umano che ha estratto la pietra dalla cava, che l'ha intagliata, che ha spiantato il bosco; è il pensiero dell'essere umano che ha disposto adeguatamente i materiali e ha fatto un edificio di ciò che prima era roccia e legno. E in campagna l'azione dell'essere umano è ancora presente ovunque; ha coltivato la terra e generazioni di lavoratori l'hanno addolcita e arricchita; le opere dell'essere umano hanno arginato i fiumi e creato fertilità laddove le acque avevano portato solo desolazione. [...] Ovunque s'individua una mano potente che ha plasmato la materia e una volontà intelligente che l'ha [...] adattata [...] al soddisfacimento dei propri bisogni. La natura ha riconosciuto il suo padrone ed egli si sente a suo agio nella natura. Quest'ultima è stata da lui appropriata per il suo uso; è diventata sua; lei è di sua proprietà. Questa proprietà è legittima; costituisce un diritto altrettanto sacro per l'essere umano quanto lo è il libero esercizio delle sue facoltà. È sua perché è venuta interamente da lui e non è altro che un'emanazione del suo essere. Davanti a lui non c'era quasi altro che materia e grazie a lui esiste ricchezza intercambiabile, vale a dire articoli aventi un valore acquisito da qualche industria, dalla manifattura, dalla manipolazione, dall'estrazione o semplicemente dal trasporto. Dall'immagine di un grande maestro, che è forse di tutta la produzione materiale quella in cui la materia ha la parte più piccola, al secchio d'acqua che il portatore attinge dal fiume e porta al consumatore, la ricchezza, qualunque essa sia, acquista il suo valore solo per le qualità comunicate, e quest'ultime fanno parte dell'attività umana, dell'intelligenza, della forza. Il produttore ha lasciato nella cosa un frammento della propria persona che in tal modo è divenuto prezioso e può quindi essere considerato un prolungamento delle facoltà dell'essere umano sulla natura esterna. Come essere libero appartiene a sé stesso; la causa è la forza produttiva; l'effetto è la ricchezza prodotta. Chi oserà contestare il suo titolo di proprietà così chiaramente segnato dal sigillo della sua personalità? [...] È allora che dobbiamo [...] ritornare all'essere umano, creatore di ogni ricchezza [...] è con il lavoro che l'essere umano imprime la sua personalità sulla materia. È il lavoro che coltiva la terra e fa di un deserto non occupato un campo appropriato; è il lavoro che fa di una foresta inesplorata un bosco regolarmente ordinato; è il lavoro, o meglio, una serie di laboratori popolati spesso da una successione numerosissima di operai, che ricava canapa da seme, filo dalla canapa, stoffa dal filo, vestito dalla stoffa; che trasforma l'informe pirite, raccolta nella miniera, in un elegante bronzo che adorna qualche luogo pubblico, e ripete a un popolo intero il pensiero di un artista. [...] La proprietà, resa manifesta dal lavoro, è parte dei diritti della persona di cui è emanazione; come essa è inviolabile finché non si estende fino a entrare in collisione con un altro diritto; come essa è individuale, perché ha origine nell'indipendenza dell'individuo e perché, quando più persone hanno cooperato alla sua formazione, l'ultimo possessore la acquista con valore, il frutto del suo lavoro personale, l'opera di tutti i compagni di lavoro che lo hanno preceduto [...].

In senso stretto, la proprietà è un elenco di “chi possiede cosa”. Archiviazione affidabile, l'aggiornamento e la comunicazione delle informazioni contenute in questo elenco sono l'applicazione nativa della proprietà. Dal punto di vista storico la proprietà ha subito una limitazione universale: la necessità di fidarsi (e pagare) di un’autorità per mantenere questo elenco e prevenirne la falsificazione o la duplicazione. A causa delle realtà tecnologiche dell’Era Analogica, questo collo di bottiglia limitava l’utilità della proprietà facendo sì che le sue transazioni comportassero ritardi e spese significativi.

Prima di Bitcoin raggiungere il consenso sullo stato del patrimonio immobiliare era un processo costoso, lento e complesso. Istituzioni analoghe come governi, banche centrali e sistemi giudiziari esistono quasi esclusivamente per soddisfare questa funzione: il raggiungimento del consenso sui rapporti di proprietà degli attori di mercato. Come si dice: “il possesso è i nove decimi della legge”. Peggio ancora, ogni volta che non è stato possibile raggiungere il consenso sui diritti di proprietà tra gli Stati attraverso mezzi politici, è scoppiato un conflitto. Se adeguatamente considerata, la proprietà rappresenta praticamente tutta l’attività criminale.


Agricoltura, proprietà e criminalità

“Ovviamente nessuno si accontenterebbe di faticare per tutta la stagione di semina solo per vedere qualcun altro prendere ciò che ha prodotto. L’idea di proprietà è emersa come inevitabile conseguenza dell’agricoltura, ma la chiarezza del concetto di proprietà privata è stata attenuata dalla logica della violenza che ha accompagnato anche l’introduzione dell’agricoltura.”

~ The Sovereign Individual

Il calo della produttività agricola, insieme ad una confluenza di altri fattori favorevoli alla centralizzazione del potere, si verificò durante la transizione dell'Europa dal Medioevo alla Rivoluzione Feudale nell'anno 1000. Contribuirono in modo determinante a questa centralizzazione le variabili mega-politiche del clima, della microbiologia e e tecnologia. Con le popolazioni ancora in ripresa dalla caduta di Roma, l’offerta di manodopera era in eccesso, causandone la svalutazione mentre venivano poste maggiori richieste sulla terra. L'eredità causò la frammentazione dei titoli fondiari e i mercati immobiliari iniziarono di nuovo ad emergere. Un improvviso calo delle temperature devastò i raccolti durante gli ultimi decenni del X secolo; seguirono gravi carestie. L’arrivo della peste peggiorò le cose e fece indebitare gli agricoltori. Quando i rendimenti dei raccolti non si ripresero, le terre vennero sequestrate dai creditori. Infine i rapporti di potere furono destabilizzati in seguito all’emergere della cavalleria pesante come forza militare. Spinti da semplici innovazioni come la staffa (che migliorava la potenza offensiva di un cavaliere) e il ferro di cavallo chiodato (che migliorava la durata di un cavallo da guerra), i cavalieri a cavallo divennero rapidamente la forza marziale dominante dell'epoca.

“Chiunque abbia un'armatura e un cavallo ora poteva diventare una legge a sé stante.”

~ The Sovereign Individual

Dotati di armature e armi troppo costose per i contadini, i cavalieri divennero inarrestabili saccheggiatori nelle campagne europee. Erano anche ingovernabili da parte delle autorità politiche grazie ai loro armamenti. Nel tentativo di frenarne la violenza, la Chiesa divenne determinante nell’attuazione del feudalesimo avviando un movimento noto come “La Pace di Dio”. Questa interdizione da parte della Chiesa comportava la conversione delle proprietà immobiliari dei contadini in possedimenti feudali. In cambio della sicurezza della servitù della gleba, i piccoli agricoltori accettarono di cedere le loro proprietà ai cavalieri con poteri megapolitici, che divennero i loro signori, catturando la maggior parte del surplus economico generato assumendosi i rischi di capitale della proprietà. Gli agricoltori vendettero sé stessi e i loro discendenti alla servitù della gleba come strategia di sopravvivenza in condizioni mega-politiche sfavorevoli alla loro posizione nella società. E qui troviamo un principio di realtà fisica: la garanzia della sicurezza è antitetica alla libertà.

Quando la produttività agricola è elevata, ciò significa che una maggiore quantità di energia solare viene sfruttata e incanalata in tutta la società. Catturare più energia porta a un’ideazione accelerata, all’accumulo di capitale e alla crescita della popolazione. Finché questa produttività non si basa sull’accesso a sistemi controllati centralmente come l’idraulica o le fonderie, la libertà e i diritti di proprietà degli individui tendono ad aumentare di pari passo, poiché un tale ambiente favorisce l’imprenditorialità. Nelle società più imprenditoriali il settore immobiliare inizia quindi a riflettere una forma di proprietà più moderna, nel senso che è interamente posseduto anziché affittato. Ciò consente ai relativi proprietari di sopportare maggiori rischi e di guadagnare maggiori benefici associati alle iniziative agricole. I risparmi accumulati dai singoli agricoltori permisero loro di autoassicurarsi e reinvestire in altre imprese commerciali. Tirandosi su in questo modo, alcuni agricoltori si elevarono al di sopra dei contadini e ottennero una ricchezza indipendente.

Nelle aree in cui la produttività agricola era bassa, o dipendeva dall’accesso a sistemi centralizzati, la libertà e i diritti di proprietà dei lavoratori rimanevano minimi. I vincoli di accesso centralizzato hanno incentivato nel tempo il gatekeeping, la ricerca di rendite e la concentrazione del potere in meno mani (una dinamica ancora inerente al sistema bancario centrale). Questa è una realtà economica inevitabile: quando la produttività è bassa, lo sono anche i profitti, e le economie di scala sono di maggiore importanza, il che fa sì che la centralizzazione e la violenza diventino le strategie dominanti per l'allocazione delle risorse. Poiché i comportamenti umani emergono da condizioni limite, le dinamiche di potere centralizzato inquinano le personalità che le persone sviluppano. Come si suol dire: “Nessun essere umano è migliore dei suoi incentivi”; o come disse Lord Actor: “Il potere tende a corromper, e il potere assoluto corrompe in modo assoluto”. In sintesi: i diritti di proprietà e le libertà tendono a fiorire quando la creazione di ricchezza è positiva e in aumento; al contrario la scarsità amplifica le divisioni, la malvagità e la violenza all’interno di una popolazione – una ragione fondamentale per cui la lente d’ingrandimento centralizzata della scarsità – l’inflazione – è velenosa per la società, e perché una moneta con un’inflazione terminale allo 0% – l’unica proprietà inviolabile del mondo – è molto importante.


Bitcoin: proprietà inviolabile

Bitcoin potrebbe essere una nuova tecnologia, ma come idea è molto più antica. Quando nel 1983 gli fu chiesto come avrebbe risolto i problemi geopolitici senza violenza, Buckminster Fuller rispose:

Cerco sempre di risolvere i problemi con qualche artefatto, qualche strumento o invenzione che renda obsoleto ciò che fanno le persone, in modo da rendere questo particolare tipo di problema non più rilevante. La mia risposta sarebbe quella di sviluppare una rete energetica mondiale, una rete elettrica che coinvolga tutti. All’improvviso non ci sarebbero più problemi nazionali, né internazionali. La nostra nuova base economica non sarebbe rappresentata dall’oro o dai dollari; sarebbero i kilowattora.

Chiaramente Fuller non aveva idea che Bitcoin sarebbe nato un giorno, ma era abbastanza preveggente da comprendere le implicazioni della proprietà inviolabile sulla pace degli stati. Allora qual è il rapporto di Bitcoin con il concetto socioeconomico di proprietà?

Bitcoin reinventa i contorni della proprietà. Combinando il costo di riproduzione (quasi a zero) insito in Internet e nelle tecnologie digitali con l’irriproducibilità del tempo e dell’energia, Bitcoin è un sistema radicalmente nuovo per registrare le transazioni immobiliari in un registro indiscutibile. In quanto pura informazione codificata in modo irreversibile attraverso il processo termodinamico del dispendio energetico, Bitcoin è una proprietà ottimizzata per il rapporto costo-efficacia, la velocità di liquidazione e la correttezza del registro. Come ha scritto il venture capitalist Marc Andreessen nel 2014:

Bitcoin ci offre, per la prima volta, la possibilità di trasferire un pezzo unico di proprietà digitale a un altro utente, in modo tale che il trasferimento sia garantito, sicuro e protetto; tutti sanno che il trasferimento è avvenuto e nessuno può contestarne la legittimità. Le conseguenze di questa svolta sono difficili da sopravvalutare.

I diritti di proprietà privata possono essere chiamati anche responsabilità di proprietà privata. Un proprietario è incentivato ad assumersi la responsabilità dei beni che possiede per massimizzarne l'utilità e la longevità. Come scrisse Matilda Betham-Edwards:

Date a un essere umano il possesso sicuro di una roccia brulla e guardatelo trasformarla in un giardino. Date a un essere umano un affitto di 9 anni su un giardino e guardatelo trasformarlo in un deserto. La magia della proprietà trasforma la sabbia in oro.

L’inflazione della valuta fiat è una violazione della proprietà privata – il movimento arbitrario di ricchezza da un gruppo di mani all’altro. L’inflazione è un’ingiustizia imposta dalla legge; disincentiva la prudenza e innesca una diffusa abdicazione di responsabilità tra gli attori di mercato. Privati di ogni mezzo affidabile per immagazzinare valore nel tempo, essi sono disincentivati ​​a pensare al lungo termine, disintegrando così la moralità sociale. Coloro che non hanno voce in capitolo sono i più colpiti dall’inflazione: i nascituri, i poveri e l’ambiente su cui vengono esternalizzati i suoi costi. Nel presente l’aumento dei prezzi si traduce in una maggiore scarsità, la quale incentiva il comportamento egoistico e la divisione sociale, e un ampliamento del divario di ricchezza poiché i prezzi degli asset vengono gonfiati artificialmente. Ma come dice Jordan Peterson “le opportunità si nascondono dove la responsabilità è stata abdicata”. L’inflazione della valuta fiat è l’abdicazione di responsabilità che spinge l’opportunità di puntare su Bitcoin. Esso è l’unica salvezza dell’umanità: un’arca di energia crittografata progettata specificamente per resistere alle tempeste socioeconomiche dell’inflazione.

Essendo lo strato base per un’interazione commerciale con fiducia ridotta al minimo nello spazio digitale, Bitcoin può teoricamente sostenere protocolli di livello superiore (come RGB) utili per effettuare transazioni su qualsiasi forma di proprietà privata in modo decentralizzato, totalmente libero da qualsiasi autorità di controllo centralizzato. Disintermediare il consenso sulla proprietà e decentralizzare le interazioni digitali è dirompente per il concetto stesso di proprietà. I regimi-Stato-nazione abituati a controllare questa funzione sociale basilare durante l’Era Analogica si trovano ad affrontare un brusco risveglio durante l’ascesa del sovranismo.

Bitcoin, una proprietà puramente informativa con sicurezza integrata che massimizza la libertà individuale, altera questo precetto per l’Era digitale. Il sovranismo è una rivoluzione socioeconomica basata sugli inviolabili diritti di proprietà privata intrinseci a Bitcoin. Quando la proprietà diventerà a prova di saccheggio, le istituzioni politiche moderne basate sul saccheggio vacilleranno, insieme ai personaggi modellati dai precetti dell'Era Analogica. Nella quinta parte esploreremo l’estinzione della politica e le sue allegorie storiche in ciò che The Sovereign Individual chiama i “Paralleli tra il declino senile della Santa Madre Chiesa e lo Stato paternalista”.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/


Supporta Francesco Simoncelli's Freedonia lasciando una “mancia” in satoshi di bitcoin scannerizzando il QR seguente.

https://opentip.io/freedonia


👉 Qui il link alla Prima Parte: https://www.francescosimoncelli.com/2023/12/sovranismo-parte-1-distruzione-creativa.html

👉 Qui il link alla Seconda Parte: https://www.francescosimoncelli.com/2024/01/sovranismo-parte-2-bitcoin-sistema.html

👉 Qui il link alla Terza Parte: https://www.francescosimoncelli.com/2024/01/sovranismo-parte-3-mega-politica-la.html

👉 Qui il link alla Quinta Parte: https://www.francescosimoncelli.com/2024/03/sovranismo-parte-5-lestinzione.html

👉 Qui il link alla Sesta Parte: https://www.francescosimoncelli.com/2024/05/sovranismo-parte-6-la-strategia-dello.html

👉 Qui il link alla Settima Parte: 

👉 Qui il link alla Ottava Parte:  

👉 Qui il link alla Nona Parte: 

👉 Qui il link alla Decima Parte:  

👉 Qui il link alla Undicesima Parte: 

👉 Qui il link alla Dodicesima Parte:  


Nessun commento:

Posta un commento