mercoledì 25 gennaio 2023

La guerra dei 77 anni e perché ancora non c'è pace sulla Terra – Parte #1

 

 

di David Stockman

Dopo la caduta del muro di Berlino nel novembre 1989 e la conferma della morte dell'Unione Sovietica due anni dopo, quando Boris Eltsin smantellò i carri armati dell'Armata Rossa davanti alla Casa Bianca di Mosca, giunse alla fine un'era oscura nella storia dell'umanità.

Il mondo era precipitato in una "Guerra dei 77 anni". Aveva avuto inizio con la mobilitazione degli eserciti della vecchia Europa nell'agosto 1914. Se si vogliono contare i cadaveri, 150 milioni furono uccisi da tutte le depredazioni che si evolvettero nella Grande Guerra, le sue sciocche conseguenze a Versailles e l'avanzata della storia verso la seconda guerra mondiale e la guerra fredda che ne seguì inesorabilmente.

Più dell'8% della razza umana è stata spazzata via durante quel periodo. Il bilancio comprendeva la follia della guerra di trincea durante il 1914-1918, i regimi assassini del totalitarismo sovietico e nazista sorti dalle ceneri della Grande Guerra e dalle follie di Versailles, e poi la carneficina della seconda guerra mondiale e tutte le guerre minori (non necessarie) e le invasioni della guerra fredda, incluse la Corea e il Vietnam.

Alla fine della Guerra Fredda si erano finalmente spente le ultime braci dell'ardente follia che era stata accesa con i cannoni nell'agosto 1914. La pace era a portata di mano, ciononostante, 31 anni dopo, non c'è ancora pace perché la Washington imperiale non la vuole.

La prova è chiara come il sole: le inutili invasioni e occupazioni dell'Iraq, il caos istigato da Washington in Siria, la distruzione arbitraria dello Yemen, il cambio di regime con tutte le barbarie che ne sono seguite e che la NATO ha inflitto alla Libia, le sanzioni brutali e la guerra militare segreta contro l'Iran, l'attuale indicibile catastrofe finanziata dalla guerra per procura di Washington contro la Russia in Ucraina, e innumerevoli altre depredazioni minori, vi dicono tutto quello che dovete sapere.

Tutte queste disavventure ci dicono che il Partito della Guerra è radicato nella capitale della nazione, dove si dedica agli interessi economici e alle perversioni ideologiche che garantiscono la guerra perpetua. Queste forze assicurano uno spreco infinito di armamenti, causano morte e sofferenza umana che deriva dalla guerra ad alta tecnologia del XXI secolo, e generano contraccolpi terroristici da parte di coloro ai quali il Partito della Guerra infligge la sua violenta egemonia.

Peggio ancora, la grande macchina da guerra di Washington e la brulicante industria della sicurezza nazionale è quell'agente che la perpetra. Quando non invade, occupa o cambia regime, il suo vasto apparato di uffici politici interni e appaltatori esterni, lobby, think tank e ONG è impegnato a generare ragioni per nuove iniziative imperiali.

Quindi c'era una virulenta minaccia alla pace in agguato dopo la fine della Guerra dei 77 anni. Il grande generale e presidente, Dwight Eisenhower, lo aveva definito il "complesso militare-industriale-congressuale" nella bozza del suo discorso di addio, ma quella frase memorabile era stata abbreviata dai suoi autori dei discorsi, che cancellarono la parola "congressuale" in un gesto di cortesia verso il ramo legislativo.

A ciò aggiungete le legioni di ficcanaso della Beltway che costituiscono i rami civili dell'armata della Guerra Fredda (CIA, Dipartimento di Stato, AID, NED, ecc.) e il cerchio è completo. Stiamo parlando della più impressionante macchina di guerra e di egemonia imperiale da quando le legioni romane dominavano la maggior parte del mondo civilizzato.

In una parola, la vera minaccia alla pace nel 1991 era che l'impero americano non se ne sarebbe andato tranquillamente in pensione.

Infatti negli ultimi 31 anni la Washington imperiale ha perso ogni memoria che la pace fosse già possibile alla fine della Guerra Fredda. Oggi è imprudente, fuorviante e assetata di sangue come lo erano Berlino, Parigi, San Pietroburgo, Vienna e Londra nell'agosto del 1914.

Pochi mesi dopo che quell'orrendo massacro era stato scatenato 108 anni fa, i soldati lungo il fronte occidentale si lasciarono andare in tregue spontanee per i festeggiamenti natalizi, canti e persino scambi di doni. Per un breve momento si chiesero perché fossero contrapposti in un combattimento letale lungo le fauci dell'inferno.

Come ebbe modo di dire Will Grigg:

Un'improvvisa ondata di freddo aveva congelato il campo di battaglia, il che in realtà era un sollievo per le truppe che sguazzavano nel fango. Lungo il fronte, le truppe si alzavano dalle trincee e dalle panchine, avvicinandosi l'una all'altra con cautela, e poi con entusiasmo, attraversarono la terra di nessuno. Si scambiarono saluti e strette di mano, così come i regali dai pacchi spediti da casa. Souvenir tedeschi che normalmente sarebbero stati ottenuti solo attraverso spargimenti di sangue – come elmetti chiodati o fibbie per cinture – venivano barattati con ninnoli simili britannici. I canti venivano intonati in tedesco, inglese e francese. Vennero scattate alcune fotografie di ufficiali britannici e tedeschi in piedi uno accanto all'altro, disarmati, nella terra di nessuno.

La verità è che non c'era alcuna buona ragione per far scoppiare la Grande Guerra. Il mondo era inciampato in un conflitto basato su false narrazioni e imperativi istituzionali di piani di mobilitazione militare, alleanze, calcoli politici e meschine manovre diplomatiche a breve termine. Ci vollero più di tre quarti di secolo affinché tutti gli impatti e i mali conseguenti venissero eliminati dalla vita del pianeta.

La pace perduta l'ultima volta, però, non venne ritrovata e per gli stessi motivi.

Gli storici possono facilmente elencare i colpevoli di 108 anni fa: il piano dello stato maggiore tedesco per una mobilitazione fulminea e un attacco sul fronte occidentale chiamato Piano Schlieffen; l'incompetenza e gli intrighi della corte di San Pietroburgo; l'ossessione del capo di stato maggiore austriaco Conrad per la conquista della Serbia; l'irredentismo antitedesco del presidente francese Poincaré a causa della perdita nel 1871 della sua provincia d'origine, l'Alsazia-Lorena; e la cabala assetata di sangue attorno a Winston Churchill, la quale costrinse l'Inghilterra a una guerra inutile, tra innumerevoli altre.

Dal momento che questi casus belli del 1914 erano banali alla luce di tutto ciò che si è metastatizzato in seguito, potrebbe essere un bene nominare le istituzioni e le false narrazioni che oggi bloccano il ritorno della pace. Il fatto è che questi impedimenti sono ancora più spregevoli delle forze che hanno schiacciato le tregue natalizie un secolo fa.


LA WASHINGTON IMPERIALE – LA NUOVA MINACCIA MONDIALE

Oggi non c'è pace sulla terra per ragioni principalmente radicate nella Washington imperiale – non Mosca, Pechino, Teheran, Damasco, Mosul, o le macerie di ciò che resta di Raqqa. La Washington imperiale è diventata una minaccia mondiale a causa di ciò che non è accaduto nel 1991.

A quel punto cruciale di svolta, Bush senior avrebbe dovuto dichiarare "missione compiuta" e paracadutarsi nella grande base aerea di Ramstein in Germania per iniziare la smobilitazione della macchina da guerra americana.

Così facendo, avrebbe potuto tagliare il budget del Pentagono da $600 miliardi a $250 miliardi ($ 2015); smobilitare il complesso militare-industriale ponendo una moratoria su tutto lo sviluppo, l'approvvigionamento e la vendita di nuove armi; sciogliere la NATO e smantellare la vasta rete di basi militari statunitensi; ridurre le forze armate permanenti degli Stati Uniti da 1,5 milioni a poche centinaia di migliaia; e organizzare una campagna mondiale per il disarmo e la pace, come fecero i suoi predecessori repubblicani negli anni '20.

Sfortunatamente George H. W. Bush non era un uomo di pace, né lungimirante e neppure intelligente.

Era lo strumento malleabile del Partito della Guerra e fu lui che da solo fece saltare la pace quando, proprio nell'anno in cui la Guerra dei 77 anni terminò con la fine dell'Unione Sovietica, fece precipitare l'America in una meschina discussione tra l'impetuoso dittatore dell'Iraq e l'emiro del Kuwait. Non erano affari di George Bush o dell'America.

Al contrario, anche se gli storici liberal hanno insultato Warren G. Harding come una specie di politico idiota, egli comprese che la Grande Guerra era stata inutile e che per assicurarsi che non si ripetesse mai più le nazioni del mondo dovevano liberarsi dei loro enormi eserciti permanenti.

A tal fine raggiunse il più grande accordo di disarmo mondiale mai realizzato durante la Washington Naval Conference nel 1921, il quale fermò la costruzione di nuove navi da guerra per più di un decennio. E anche allora la moratoria finì solo perché i vendicativi vincitori di Versailles non cessarono mai di esigere la loro vendetta sulla Germania.

E già che c'era, il presidente Harding perdonò anche Eugene Debs. In tal modo rese giustizia alla verità: l'intrepido candidato socialista alla presidenza e veemente manifestante contro la guerra, che Woodrow Wilson aveva gettato in prigione per aver esercitato il diritto del Primo Emendamento di parlare contro l'ingresso degli Stati Uniti in un'inutile guerra europea, aveva avuto ragione.

In breve, Warren G. Harding sapeva che la guerra era finita e che la follia di Wilson nel 1917 non doveva ripetersi.

Ma non George H. W. Bush, colui che non dovrebbe mai essere perdonato per aver consentito a personaggi del calibro di Dick Cheney, Paul Wolfowitz, Robert Gates e il loro branco di sciacalli neocon di salire al potere.

Purtroppo, alla sua morte, Bush senior è stato divinizzato, non diffamato, dalla stampa generalista e dal duopolio bipartisan. E questo vi dice tutto ciò che dovete sapere sul perché Washington è intrappolata nella Guerra Infinita ed è la vera ragione per cui non c'è ancora pace sulla Terra.

A maggior ragione, optando non per la pace ma per la guerra e il petrolio nel Golfo Persico nel 1991, Washington ha aperto le porte a un confronto non necessario con l'Islam e ha alimentato l'ascesa del terrorismo jihadista che oggi non perseguiterebbe il mondo se non per forze scatenate dal litigio di George H. W. Bush con Saddam Hussein.

Presto parlaremo dell'errore vecchio di 52 anni che ha visto l'intervento della Quinta Flotta nel Golfo Persico come risposta agli alti prezzi del petrolio e alla sicurezza energetica.

Basti dire qui che la risposta a prezzi elevati del petrolio è... prezzi elevati del petrolio – una verità dimostrata sin dai crolli petroliferi del 2009, 2015 e 2020, e dal fatto che il prezzo reale del petrolio oggi ($ 2022) non è superiore a quello che era a metà degli anni '70.

Ma prima è bene ricordare che nel 1991 non c'era alcuna minaccia sul pianeta per la sicurezza e l'incolumità dei cittadini di Springfield, MA, Lincoln, NE, o Spokane, WA quando la Guerra Fredda finì.

Il Patto di Varsavia si era dissolto in più di una dozzina di desolati staterelli sovrani; l'Unione Sovietica era suddivisa in 15 repubbliche indipendenti e lontane; e la madrepatria russa sarebbe presto precipitata in una depressione economica che l'avrebbe lasciata con un PIL delle dimensioni dell'SMSA di Filadelfia.

Allo stesso modo, il PIL della Cina era ancora più piccolo di quello della Russia. Anche se Deng stava ancora scoprendo la stampante monetaria della People's Bank of China, che avrebbe consentito alla nazione di diventare un grande esportatore mercantilista, un'incipiente minaccia cinese alla sicurezza nazionale non era mai stata nelle carte.

Dopotutto, sarebbero stat i 4.000 Walmart in America da cui sarebbe indissolubilmente dipesa la prosperità del nuovo capitalismo rosso e su cui si sarebbe ancorato il dominio degli oligarchi comunisti a Pechino. Anche i più intransigenti hanno potuto vedere che scambiando il militarismo con il mercantilismo, e invadendo l'America con scarpe da tennis, cravatte, tessuti per la casa ed elettronica, da quel momenti in poi la porta era stata chiusa a qualsiasi altro tipo d'invasione.


NESSUN TERRORISTA ISLAMICO O MINACCIA JIHADISTA NEL 1991

Allo stesso modo, nel 1991 non esisteva alcuna minaccia islamica mondiale o minaccia terroristica jihadista. Ciò che esisteva sotto quei titoli erano vari frammenti di storie religiose, etniche e tribali del Medio Oriente che erano importanti solo in quella regione, ma nessuna minaccia alla sicurezza della patria americana.

La divisione sciita/sunnita era coesistita sin dal 671 d.C., ma le sue episodiche eruzioni in battaglie e guerre nel corso dei secoli raramente si erano estese oltre suddetta regione, e certamente non aveva motivo di degenerare in un conflitto aperto nel 1991.

All'interno dello stato artificiale dell'Iraq, che era stato disegnato da diplomatici europei nel 1916, sciiti e sunniti andavano abbastanza d'accordo. Questo perché la nazione era governata dal nazionalismo arabo laico di stampo baathista di Saddam Hussein, insaporito da una forte propensione alla repressione violenta del dissenso interno.

Hussein sosteneva la legge e l'ordine, lo sviluppo economico guidato dallo stato e le distribuzioni dei proventi del vasto settore petrolifero controllato dallo stato. A dire il vero, il socialismo baathista non ha portato molta prosperità alle terre della Mesopotamia, ma Hussein aveva un ministro degli Esteri cristiano e nessuna simpatia per l'estremismo religioso o per il perseguimento violento di cause settarie.

Il sanguinoso conflitto sciita/sunnita che oggi affligge l'Iraq, la Siria e il Medio Oriente, e che ha funzionato da vivaio per migliaia di giovani terroristi jihadisti arrabbiati, fu inizialmente scatenato solo dopo che Hussein fu cacciato dal Kuwait nel 1991 e la CIA aveva istigato una rivolta armata nel cuore sciita intorno a Bassora.

Quella rivolta fu brutalmente repressa dalle guardie repubblicane di Hussein, ma lasciò ribollire sotto la superficie una risacca di risentimento e vendetta. Questo è stato uno dei tanti fetidi lasciti di George H. W. Bush in quella regione.

Inutile dire che, quando è arrivato il suo turno, Bush junior e la sua cricca di guerrafondai neocon hanno fatto di peggio.

Quando hanno scioccamente distrutto Saddam Hussein e il suo intero regime alla ricerca di armi di distruzione di massa inesistenti e presunti legami con al-Qaeda, hanno letteralmente aperto le porte dell'inferno. L'Iraq è stato trasformato in uno stato fallito e senza legge, sulla cui scia sono esplose incontrollate animosità religiose e tribali sia recenti che antiche.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://www.francescosimoncelli.com/


👉 Qui il link alla Seconda Parte: https://www.francescosimoncelli.com/2023/02/la-guerra-dei-77-anni-e-perche-il.html

👉 Qui il link alla Terza Parte: 

👉 Qui il link alla Quarta Parte:


Nessun commento:

Posta un commento